Costa Ripagnola. <span>Foto Francesco Fiorella</span>
Costa Ripagnola. Foto Francesco Fiorella
Territorio

Il parco di Costa Ripagnola si farà: c'è il sì della commissione consiliare della Puglia

Voto unanime da parte dei membri per il disegno di legge finalizzato a garantire e promuovere il patrimonio naturale dell'area

Elezioni Regionali 2020
Il parco di Costa Ripagnola si farà. La V commissione consiliare della Puglia, presieduta da Mauro Vizzino, ha approvato all'unanimità il disegno di legge con il quale la Regione istituisce il parco naturale regionale "Costa Ripagnola".

Sono stati accolti buona parte degli emendamenti del Comune di Polignano, presentati in commissione con la firma del consigliere Fabiano Amati, che comunque, in linea con quanto annunciato dall'assessore Pisicchio, si potrà riservare in Aula ulteriori approfondimenti di natura politica e tecnica.

Le aree naturali regionali rappresentano un importante laboratorio per la conservazione e l'implementazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici attraverso lo sviluppo di attività sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Conservazione e tutela vanno considerati all'interno delle aree protette insieme ad uno sviluppo controllato, che può essere legato ad attività sostenibili in ambito turistico (accoglienza e ristorazione), piccola imprenditoria artigianale, prodotti agricoli di qualità o con marchi distintivi. L'agricoltura e la selvicoltura rappresentano elementi portanti per la gestione di tali aree contribuendo in maniera determinante al mantenimento di habitat naturali e del paesaggio rurale. Le aree naturali protette costituiscono a loro volta opportunità per il territorio.

In conformità con le leggi nazionali questo disegno di legge di legge che istituisce il Parco Costa Ripagnola, è finalizzato a garantire e promuovere la conservazione, il recupero e la valorizzazione del patrimonio naturale presente nei territori dei Comuni di Monopoli e Polignano a Mare di Polignano a Mare.

L'area è caratterizzata da rilevante valore paesaggistico e naturalistico, nonché da grande interesse dal punto di vista speleologico in quanto risultano presenti numerose e importanti grotte terrestri e marine sommerse e semisommerse ed emergenze geologiche. Il tratto di costa presenta alcuni significativi elementi del reticolo di lame, in particolare nella zona di Pozzo Vivo, Torre Incine, S. Vito e San Giovanni. Dal punto di vista antropologico e culturale, in tale area si evidenzia la presenza di testimonianze di antropizzazione del territorio che mostrano la continuità di frequentazione in un arco temporale cha va dal paleolitico ad oggi, con la presenza diffusa di elementi emergenti quali la divisione fondiaria, i muretti a secco, i trulli, i pozzi ed altri elementi tipici del paesaggio rurale. In relazione agli aspetti archeologici, si evidenzia che l'area in esame ricade in un comprensorio territoriale in cui sono noti rinvenimenti archeologici, sia terrestri sia subacquei, e segnalazioni relative ad insediamenti sparsi di natura antropica che hanno caratterizzato, senza soluzione di continuità, periodi diversi, compresi tra l'età preistorica e la tarda età medievale.

Le aree ricomprese all'interno della zona 1 sono state individuate fra gli ambiti territoriali a rilevante valore naturalistico, paesaggistico e storico culturale: le stesse coincidono con le aree non antropizzate, con la presenza di boschi, di aree archeologiche, di habitat o di zone speciali di conservazione (lo Scoglio dell'Eremita) e con gli ambiti che uniscono particolari aspetti di rilevanza naturalistica, paesaggistica e storica culturale con elementi antropici, in particolare attinenti all'attività economica primaria. Le aree ricomprese nella zona 2 sono tutte quelle aree edificate che presentano nuclei abitati e/o produttivi. La aree ricomprese nella zona 3 sono tutte quelle aree che sono parte di centri edificati o di frazioni di centri edificati.

In virtù poi della vocazione prettamente turistica delle aree oggetto di perimetrazione si è deciso di prevedere la possibilità di concedere deroghe ai divieti solo per rilevanti motivi di interesse pubblico e, comunque, nel rispetto delle finalità istitutive dell'area protetta e ferme restando le tutele previste dalla disciplina vigente in materia di paesaggio e beni culturali.

«Ringrazio gli uffici regionali e tutti i commissari per l'impegno profuso nell'unica direzione possibile: dare una risposta certa e chiara alle legittime istanze delle comunità locali, delle associazioni e dei comitati che per anni si sono battuti per il raggiungimento di questo obiettivo - dichiara l'assessore regionale all'Urbanistica Alfonso Pisicchio. Ora ci attende l'ultimo via libera dal Consiglio regionale, la sede deputata ad ulteriori approfondimenti, per i quali sin da ora il mio assessorato dichiara tutta la propria disponibilità. Oggi era però prioritario superare il primo passaggio burocratico».

«Esprimo la più viva soddisfazione per il recepimento di proposte emendative che, senza depotenziare minimamente le tutele derivanti dalla istituzione del parco, assicurano al territorio polignanese la possibilità di perseguire lo sviluppo sostenibile delle proprie vocazioni, in primo luogo quella turistica legata proprio alla fruizione e valorizzazione del paesaggio e della natura», commenta Domenico Vitto, sindaco di Polignano.
  • Regione Puglia
  • Consiglio regionale
  • Costa ripagnola
Altri contenuti a tema
Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Sono 11 in provincia di Bari. Sanguedolce: «Sei vacanzieri tornati da Malta e cinque contatti stretti della donna incinta ricoverata al Di Venere»
Presunte tangenti in cambio di appalti, indagati due funzionari della Regione Puglia Presunte tangenti in cambio di appalti, indagati due funzionari della Regione Puglia Perquisizioni della guardia di finanza. Nel mirino della Procura anche il direttore di Asset Elio Sannicandro, la cui posizione sembra più sfumata
Arpal Puglia, al via la procedura telematica per iscrizione ai concorsi Arpal Puglia, al via la procedura telematica per iscrizione ai concorsi L'agenzia regionale politiche del lavoro cerca nuove risorse per potenziare l'organico
Crisi Covid, dalla Regione Puglia 50 milioni per le aziende di turismo e cultura Crisi Covid, dalla Regione Puglia 50 milioni per le aziende di turismo e cultura La misura è interamente a fondo perduto. Gli uffici istruiranno la fase di avviso pubblico
Crisi Covid-19, dalla Regione Puglia altri 89 milioni per le imprese Crisi Covid-19, dalla Regione Puglia altri 89 milioni per le imprese Le risorse aggiuntive riguarderanno i settori del manufatturiero, del commercio e dei servizi
Stagione di caccia, in Puglia si inizia il 20 settembre Stagione di caccia, in Puglia si inizia il 20 settembre La giunta regionale ha approvato il calendario. Termine il 31 gennaio
Regione Puglia, dal 7 all'11 settembre il concorsone per 566 infermieri Regione Puglia, dal 7 all'11 settembre il concorsone per 566 infermieri La prova si svolgerà nei padiglioni della Fiera del Levante per le misure anti Covid. Sono 16.856 i candidati
Covid-19, Emiliano chiede alle prefetture della Puglia di intensificare i controlli Covid-19, Emiliano chiede alle prefetture della Puglia di intensificare i controlli Il governatore: «Occhio a movida e spiagge, in autunno tornerà il contagio». Lopalco: «Serve responsabilità». Bellomo: «In una settimana 6mila verifiche»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.