convengno cgil bari giovannini
convengno cgil bari giovannini
Politica

Il ministro Giovannini a Bari ospite della Cgil: «Puglia centrale negli investimenti Pnrr»

Il monito del sindacato: «Risorse destinate al mezzogiorno non finiscano altrove, continuiamo processo virtuoso»

Lavoro smart, pandemia, il futuro di Bari, della Puglia e del Mezzogiorno con le risorse del Pnrr. Se ne è parlato oggi al teatro Kursaal Santa Lucia, durante un convegno organizzato a Bari dalla Cgil a cui ha partecipato anche Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture.

«Il Mezzogiorno e la Puglia sono centrali negli investimenti immaginati nel Pnrr a partire da quelli infrastrutturali - ha detto Giovannini. Dalla Bari-Napoli all'intervento sulla dorsale adriatica non faranno che accrescere attrattività e potenzialità di questa regione. Non ci sarà un solo euro per quel che mi riguarda pensato per interventi al Sud che finirà altrove».

Il ministro, infatti, è stato sollecitato a rispondere agli interrogativi posti da Pino Gesmundo, segretario generale della Cgil Puglia, il quale ha ricordato come «La Cgil già dieci anni fa nell'affrontare il tema della città intelligente ha assunto una sfida, che era provare a ragionare dal Mezzogiorno di sviluppo, di innovazione, di classe dirigente capace di spendere bene risorse, scrollandoci di dosso una serie di stereotipi. Abbiamo scommesso su questo e oggi discutiamo di quanta strada abbiamo fatto, di quante ce n'è da fare, per dare risposte ai cittadini sulla qualità della vita, a partire dall'occupazione. Bari è tra le città più attrattive sul piano turistico ma anche di investimenti legati a servizi e produzioni innovative, grazie anche a un fattivo dialogo sociale e istituzionale. Forse dieci anni fa era impensabile questo, ma c'è un investimento di responsabilizzazione di tutti i soggetti istituzionali e sociali". La preoccupazione manifestata dal segretario generale della Cgil Puglia è legata "alla possibilità che tutte le risorse garantire al Mezzogiorno restino su questi territori per non vedere nel caso della Puglia interrotto un processo virtuoso, per sviluppare la Regione dando opportunità di buon lavoro ai giovani e innalzando la qualità della vita dei cittadini. Non ci interessa una crescita di solo Pil se manca il resto».

Nella relazione introduttiva Gigia Bucci, segretaria generale Cgil Bari, ha ricordato come «La sfida del cambiamento, della modernità, si vince a partire dalle città. Città come luoghi di sperimentazione di politiche per la sostenibilità sociale e ambientale, di crescita economica e occupazionale, non solo catalizzatori demografici e finanziari. Città che concentrano l'80% del Pil e il 70% della popolazione globale. La dimensione urbana è allora quella entro cui anche il sindacato prova a riconnettere la dimensione piena della cittadinanza, della sua tutela e del suo protagonismo, partendo dai bisogni e dai diritti, a cominciare dal reddito e dal lavoro. Ma la crescita urbana impone anche la necessità di costruire città con infrastrutture a misura di cittadino, capaci di ridurre impatto ambientale e climatico, di soddisfare la domanda di alloggi, trasporto, servizi di base in primis istruzione e sanità».

In questo ultimo decennio lo sviluppo delle tecnologie digitali è stato tumultuoso, gli esperti l'hanno definita "quarta rivoluzione industriale" per come sta impattando gli stili di vita, di consumo, di produzione, di erogazione dei servizi, di scambio e comunicazione. «Innovazioni - il mantra sindacale - che vanno governate per esserne travolti, ad esempio rispetto all'impatto che avranno sull'occupazione. Proponiamo allora una riflessione sulla città che sarà, le cui fragilità sono emerse soprattutto durante la pandemia, che deve partire dal rilancio dell'economia territoriale e dalla salvaguardia dell'occupazione e di tutti gli insediamenti produttivi, che la straordinaria fase di transizione anche accelerata dal virus – pensiamo ai servizi digitali, allo smart working, al tema delle energie – che richiama un ripensarsi della stessa industria. Sono numerose le vertenze aperte nel territorio dell'area metropolitana, e lì dove qualche multinazionale vede in questa fase un'occasione di disimpegno noi immaginiamo invece una straordinaria occasione di rilancio attraverso una riconversione. Nello stesso tempo l'area metropolitana si conferma fortemente attrattiva per nuovi investimenti, in settori fortemente innovativi". Per la Camera del Lavoro metropolitana "Si tratta di una sfida che trova una risposta nella dimensione di città metropolitana, ampia area urbanizzata che si relaziona in maniera intensa e permanente con il centro, la città capoluogo, che diventa polo attrattivo e deve a sua volta misurarsi con i problemi che questo comporta, mettendo a valore le potenzialità oltre che la necessità di un modello di governo istituzionale complessivo dell'area. La strategia deve passare attraverso la programmazione e la partecipazione dei soggetti della rappresentanza sociale, con le istituzioni pubbliche quale elemento di raccordo e sintesi. Abbiamo in campo una serie di strumenti e una straordinaria stagione di risorse, se ben utilizzate e in sinergia tra loro possono determinare la svolta che tutti auspichiamo».

Una città che vuole definirsi "smart" non può prescindere da una mobilità intelligente, ha ricordato nel suo intervento Giovanni Di Lello, segretario della Filt di Bari. «È quanto mai necessario un modo nuovo di concepire e organizzare la mobilità per soddisfare le esigenze di trasporto di persone e merci, profondamente mutate anche a seguito della pandemia, in un'ottica di efficacia, sicurezza, sostenibilità ed efficienza, ottimizzando quindi le risorse economiche, ambientali ed umane con l'obiettivo di migliorare di fatto la qualità della vita. Il trasporto ha un ruolo centrale rispetto alle dimensioni di accesso, connettività, inclusione sociale e civile e competitività di un sistema urbano».

Concetto ribadito da Stefano Malorgio, segretario nazionale Filt Cgil, circa la necessità di organizzare «Un trasporto di qualità, efficace ed efficiente. Mettere al centro tema del trasporto collettivo. Ho un timore: non vorrei si immaginasse che l'auto elettrica sia la risposta alla transizione green per tutti i paesi. Non c'è crescita di investimenti sul trasporto collettivo rispetto agli obiettivi che ci siamo dati. Intermodalità, trasporto integrato, altro pezzo della riflessione. Poi c'è tema del rapporto dell'approvvigionamento delle merci con le città. Quale idea di logistica delle città. Ragionare di come entrano ed escono le merci significa questo, dove impiantare hub logistici. Non può essere la singola impresa che si confronta con il piccolo comune, per esempio. Tutto questo contribuisce all'idea di città intelligente».
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Sciopero generale Cgil Puglia, domani a Bari arriva Landini. Le limitazioni al traffico Sciopero generale Cgil Puglia, domani a Bari arriva Landini. Le limitazioni al traffico Il segretario terrà un comizio in piazza Federico II. Gesmundo: «Manovra di bilancio inadeguata»
Cgil Puglia, verso lo sciopero del 14 dicembre: a Bari il sit-in degli studenti Cgil Puglia, verso lo sciopero del 14 dicembre: a Bari il sit-in degli studenti Proclamata astensione di 8 ore. La protesta di Link contro la manovra: «Per il lavoro dei giovani non è previsto niente»
Il 14 dicembre sciopero generale della Cgil Puglia, a Bari manifestazione contro la manovra di bilancio Il 14 dicembre sciopero generale della Cgil Puglia, a Bari manifestazione contro la manovra di bilancio Astensione di 8 ore dal lavoro. Gesmundo: «Il Governo non ci ha ascoltato, e al sindacato non resta che la mobilitazione»
Vertenza Baritech, 117 lavoratori a rischio. Cgil: «Istituzioni affianchino parti sociali» Vertenza Baritech, 117 lavoratori a rischio. Cgil: «Istituzioni affianchino parti sociali» Il sindacato vuole andare fino in fondo. Venerdì 11 novembre in programma incontro con la Regione
Liste d'attesa, al Policlinico di Bari il sit in della Cgil: «Non se ne può più» Liste d'attesa, al Policlinico di Bari il sit in della Cgil: «Non se ne può più» Il segretario di Spi Puglia: «Non tutti hanno la possibilità di pagare per curarsi»
Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione, ecco gli eventi a Bari Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione, ecco gli eventi a Bari Le manifestazioni in largo Giannella vedranno coinvolti Comune, Città metropolitana, Regione, Csv e Cgil
Aeroporti di Puglia, stabilizzate 9 dipendenti. Settembre record: 600mila passeggeri a Bari Aeroporti di Puglia, stabilizzate 9 dipendenti. Settembre record: 600mila passeggeri a Bari La Cgil: «Siamo molto soddisfatti, non era un risultato scontato specie in una fase come questa»
Nessuna comunicazione al sindacato su formazione di educatori e insegnanti, condannato il Comune di Bari Nessuna comunicazione al sindacato su formazione di educatori e insegnanti, condannato il Comune di Bari Bucci e Ficco: «la sentenza ha un valore politico perché riafferma l'importanza del confronto preventivo con le organizzazioni»
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.