Grano
Grano
Territorio

Grano solo made in Puglia? In tre mesi aumentata del 50% l'importazione dall'estero

Coldiretti: "Serve più trasparenza e una riscoperta anche di grani antichi"

Elezioni Regionali 2020
Sarebbe aumentato del 51% l'import di grano canadese nei primi 3 mesi del 2020 rispetto al 2019, con il via vai inarrestabile di navi provenienti anche da 'porti di transito' come Port la Nouvelle e Gibilterra che scaricano a Bari e Manfredonia. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, che chiede controlli stringenti sulla provenienza del prodotto alla base della pasta pugliese, simbolo del made in Italy nel mondo, che da gennaio a marzo 2020 ha registrato un aumento delle esportazioni del 12,6%.

"La Puglia rappresenta la culla produttiva del grano italiano, principalmente nelle province di Foggia e Bari, dove gli agricoltori per una giusta remunerazione del proprio lavoro sono pronti ad aumentare la produzione di grano duro dove è vietato l'uso del glifosate in preraccolta, a differenza di quanto avviene in Canada ed in altri Paesi. Improbabili e dannosi per il tessuto economico del territorio percorsi di abbandono e depauperamento dell'attività cerealicola che deve, invece, specializzarsi, puntare sull'aggregazione, essere sostenuta da servizi adeguati e tendere ad una sempre più alta qualità, scommettendo esclusivamente su varietà pregiate, riconosciute ormai a livello mondiale", afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

La Puglia che è il principale produttore italiano di grano duro, con 343.300 ettari coltivati e 9.430.000 quintali prodotto ed era paradossalmente – denuncia Coldiretti Puglia - anche quello che ne importava di più, tanto da rappresentare un quarto del totale del valore degli arrivi di prodotti agroalimentari nella regione.

Nella sola provincia di Foggia la superficie coltivata a frumento duro è pari a 240.000 ettari e una produzione media di grano duro di 7.200.000 quintali. Da pochi centesimi al chilo concessi agli agricoltori dipende la sopravvivenza della filiera più rappresentativa del Made in Italy, mentre dal grano alla pasta i prezzi aumentano di circa del 500% e quelli dal grano al pane addirittura del 1400%.

"Va sfruttato al massimo lo strumento dei contratti di filiera che possono riportare in trasparenza i passaggi dal grano alla pasta, supportati oggi dall'etichettatura dell'origine obbligatoria del grano per la pasta. Al contempo sta riscuotendo molto successo in Puglia la coltivazione di grani antichi, trend trainato dal crescente interesse per la pasta 100% italiana e di qualità", aggiunge il delegato confederale di Coldiretti Foggia, Pietro Piccioni.

L'Italia – continua la Coldiretti – è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con un raccolto previsto di 4 milioni di tonnellate nel 2019 in calo rispetto all'anno scorso su una superficie coltivata – spiega Coldiretti su dati Crea – scesa a 1,2 milioni di ettari concentrati nell'Italia meridionale, dove crescono del 5% anche le superfici a grano bio.

Il progetto – evidenzia Coldiretti - nasce sotto la spinta del crescente interesse per la pasta 100% di grano italiano grazie all'entrata in vigore dell'obbligo di indicare l'origine in etichetta. Un elemento di trasparenza che ha portato – sottolinea la Coldiretti – ad un profondo cambiamento sullo scaffale dei supermercati dove si è assistito alla rapida proliferazione di marchi e linee che garantiscono l'origine italiana al 100% del grano impiegato. Da La Molisana ad Agnesi, da Ghigi a De Sortis, da Jolly Sgambaro a Granoro, da Armando a Felicetti, da Alce Nero a Rummo, dai prodotti certificati FdAI – Firmato dagli agricoltori italiani fino al gruppo Barilla con il marchio "Voiello" e la linea Integrale 100% italiano, sono sempre più numerosi i brand che garantiscono l'origine nazionale del grano. Gli italiani – conclude la Coldiretti – sono i maggiori consumatori mondiali di pasta con una media di 23 chili all'anno pro-capite ma l'Italia si conferma leader anche nella produzione industriale con 3,2 milioni di tonnellate, davanti a Usa, Turchia e Brasile.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
In Puglia è di nuovo allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» In Puglia è di nuovo allarme insetti "alieni", Coldiretti: «Strage nei nostri campi» L'associazione di categoria punta il dito contro l'Unione Europea: «Le loro barriere sono un colabrodo»
Infortuni in agricoltura, meno 20% negli ultimi tre anni Infortuni in agricoltura, meno 20% negli ultimi tre anni Coldiretti ha incontrato il referente Inail di Bari acui sono state esposte le difficoltà dopo il Covid
I pugliesi amano la birra? Il 44% la beve almeno due volte a settimana I pugliesi amano la birra? Il 44% la beve almeno due volte a settimana Il consumo giornaliero invece si attesta sul 5,2%, crescono poi quelle artigianali e Bari è in testa
Puglia, anziani e bambini insieme nell'agricoltura sociale Puglia, anziani e bambini insieme nell'agricoltura sociale Secondo Univerde e Istat 9 italiani su 10 sogna un' agricolonia per i propri figli
Etichetta made in Italy su salumi Etichetta made in Italy su salumi Coldiretti Puglia: "Una vittoria, lo ha chiesto il 93 per cento degli italiani"
Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio I fondi provengono dal piano rigenerazione olivicola. Solo nell'area infetta risultano contaminati 183mila ettari di terreno
Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Si tratta soprattutto di cinghiali, ma anche i lupi segnalati a Mercadante
Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Secondo Coldiretti restano ancora 162mila ettari mentre abbiamo già perso un quarto delle campagne
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.