Engie Bari
Engie Bari
Scuola e Lavoro

Engie non cambia idea, 15 dipendenti licenziati a Bari

A niente è valso lo sciopero dello scorso giugno, Falcetta (Uilm): «Decisione incomprensibile»

Quindici dipendenti a casa. Quindici famiglie che da oggi a domani si trovano senza futuro e senza reddito. A nulla è valso lo sciopero indetto lo scorso giugno, Engie non ha cambiato idea e non ha dato ai sindacati alcun margine di manovra. Dovevano essere effettuati dei licenziamenti e quei licenziamenti ci sono stai. I dipendenti hanno avuto oggi la ratifica definitiva del licenziamento. Troppi secondo la società i cento dipendenti della filiale barese.

«È a dir poco incredibile che una multinazionale come Engie non trovi le risorse per scongiurare il licenziamento di 15 dipendenti - dichiara Riccardo Falcetta, segretario generale della Uilm di Bari - Così come riteniamo assurdo che si possa condurre in questo modo una trattativa sindacale, ovvero con il destino di quei lavoratori già segnato dall'inizio, senza alcun margine di manovra. Valuteremo ogni iniziativa a nostra disposizione per porre rimedio a una situazione incresciosa».

«Abbiamo tentato in tutti i modi - prosegue - di raggiungere un accordo che evitasse i licenziamenti, ratificati oggi, di 15 lavoratori su 100 unità in organico nella sede di Bari, ma dall'altra parte abbiamo trovato un muro. Non è bastato neanche lo sciopero dello scorso giugno per far recedere l'azienda da una decisione incomprensibile, anche perché alla base della stessa non ci sono, a quanto ci è dato sapere, motivazioni economiche o produttive».

«Invitiamo le istituzioni locali - conclude Falcetta - a far sentire la propria voce, affinché sia fatta giustizia sul futuro di 15 famiglie che ora si ritroveranno, da un giorno all'altro, senza occupazione e senza reddito».
  • Sindacati
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Lavoratori delle pulizie del Maugeri a rischio, sit-in il giorno dell'inaugurazione a Bari Lavoratori delle pulizie del Maugeri a rischio, sit-in il giorno dell'inaugurazione a Bari La società subentrante dell'appalto non garantisce l'occupazione, i sindacati ribadiscono la necessità di un confronto
Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti L'azienda in una riunione in Germania ha confermato i tagli in tutte le sue filiali, domani si sciopera
Pulizia nelle scuole, sit-in davanti all’Ufficio Scolastico Regionale di Bari Pulizia nelle scuole, sit-in davanti all’Ufficio Scolastico Regionale di Bari Sindacati e dipendenti chiedono certezze, in 800 rischiano di oerdere il posto se non dovesse esserci l'internalizzazione
Lavoratori edili in piazza a Bari: «Noi non ci fermiamo» Lavoratori edili in piazza a Bari: «Noi non ci fermiamo» La manifestazione si è svolta a otto mesi dallo sciopero generale contemporaneamente in 100 piazze italiane
Lavoro in Puglia: l’identikit di chi è alla ricerca di una nuova occupazione Lavoro in Puglia: l’identikit di chi è alla ricerca di una nuova occupazione È fondamentale la conoscenza delle lingue straniere, soprattutto dell'inglese
Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Bosch di Bari, in seicento a rischio e il 28 novembre sarà sciopero Pochi giorni fa approvato un ordine del giorno alla Camera presentato da Galantino per tenere alta l'attenzione sulla situazione
Conad-Auchan, 3 mila gli esuberi, dubbi sul futuro di Casamassima e Modugno Conad-Auchan, 3 mila gli esuberi, dubbi sul futuro di Casamassima e Modugno Dall'incontro al Ministero emergono i numeri della crisi, anche l'ipermercato alle porte di Bari è in sospeso
Vertenza Auchan-Conad, lavoratori di Modugno e Casamassima in sciopero Vertenza Auchan-Conad, lavoratori di Modugno e Casamassima in sciopero Miccoli (Filcams Cgil): «Situazione non chiara, gruppo acquirente non garantisce stabilità occupazionale e gestione univoca»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.