pesce
pesce
Scuola e Lavoro

Consumo di pesce, Coldiretti Puglia: «Calano acquisti di sarde e alici»

L'associazione di categoria: «Nella nostra regione solo il 57 percento dei cittadini mangia prodotti ittici un giorno a settimana»

Elezioni Regionali 2020
Spinta dal mercato contadino di Brindisi al consumo di pesce azzurro che fa segnare un calo che varia dal -5% per le sarde al -10% per le alici fino al -15% per lo sgombro. Questo emerge dall'incontro al mercato di campagna amica di via Appia 226, per far cambiare la rotta dei consumi, conoscere caratteristiche, qualità ed aiutare a fare scelte di acquisto consapevoli, nell'ambito della VI edizione della Settimana del consumatore, progetto di educazione alimentare e informazione sull'acquisto ed il consumo consapevole che vede campagna amica della Puglia impegnata a collaborare nella realizzazione del progetto Usi e consumi di Puglia della sezione attività economiche della Regione Puglia che vede coinvolte le associazioni Casa del consumatore, ACU, ASSOCONSUM, MC, MDC, UNC, realizzata nell'ambito del Programma generale di intervento PugliaInFormAlimentazione2 con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico.

«In Puglia paradossalmente i consumi di pesce sono tra i più bassi d'Italia, nonostante sia una regione con 800 chilometri di costa e una tradizione marinara molto forte. Solo il 57% dei pugliesi consuma pesce almeno una volta alla settimana, al 14esimo posto della classifica nazionale, ne mangia meno di campani, marchigiani, lucani, umbri, abruzzesi, toscani, valdostani e liguri. La diminuzione del consumo di pesce azzurro impatta direttamente anche sulla salute, visto che questo tipo di prodotti ittici ha importanti caratteristiche nutrizionali, essendo il più ricco in assoluto per contenuto di Omega3, che proteggono il cuore, sostengono il metabolismo e combattono l'invecchiamento», spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

A subire un netto calo sono anche gli acquisti - continua Coldiretti - di pesce bianco con la riduzione dei consumi che coinvolge soprattutto le triglie in calo del 14,2%, merluzzi - 4,3%, le sogliole -3,6%, e le orate -2,1%. In forte crescita è invece la domanda dei molluschi, dai polpi (+18,6%) alle seppe (+10,6%) fino alle vongole (+25,6%). Un fenomeno che si spiega soprattutto - rileva Coldiretti - con gli effetti del cambiamento degli stili di vita e la nuova tendenza da parte dei consumatori a preferire tipologie di pescato più facile da utilizzare in cucina, meglio se privo di spine o comunque semplice da pulire, oltre che dal sapore più delicato. Questo trend è sostenuto anche dalla produzione dell'acquacoltura, dalle spigole alle orate.

Il tutor del Mare, il biologo Pierpaolo Martano, ha spiegato, pesci alla mano, varietà, qualità e caratteristiche organolettiche del 'buon pescato', dando consigli utili per riconoscere il vero pesce a miglio0 dalle imitazioni importate dall'estero. Quasi 8 pesci su 10 consumati in Italia sono stranieri spesso senza che i consumatori lo sappiano, soprattutto a causa della mancanza dell'obbligo dell'indicazione di origine sui piatti consumati al ristorante che consente di spacciare per nostrani prodotti provenienti dall'estero che hanno meno garanzie rispetto a quello made in Italy, dice Coldiretti.

«Abbiamo riscontrato una grande attenzione dei consumatori verso le etichette - dice Giulia De Marco della sezione attività economiche della Regione Puglia - una fame di conoscenza rispetto ad un prodotto che in Puglia è molto presente sulle tavole dei consumatori che spesso non hanno cognizione di causa circa provenienza e qualità del pescato».

E intanto la flotta peschereccia pugliese, denuncia Coldiretti, ha perso oltre 1/3 delle imprese e 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%. Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, segnala Coldiretti, il cui valore economico è pari all'1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l'intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5mila addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi.

Una crisi, quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni - rileva Coldiretti Puglia - in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall'attività della pesca è da anni in calo e quella dell'acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell'attività tradizionale di cattura. Una rinascita che passa per il mercato e sulla quale Coldiretti sta cercando di impegnarsi a fondo, facendo partire iniziative nei Mercati di Campagna Amica che hanno come obiettivo la vendita diretta, la semplificazione e la tracciabilità.

Per rilanciare i consumi complessivi di pesce e aiutare gli italiani a portare in tavola prodotto di qualità, alcuni consigli su come riconoscere il prodotto appena pescato, nell'ambito del progetto "Un mare di salute". Innanzitutto è preferibile acquistarlo, laddove possibile, direttamente dal produttore che ne garantisce la freschezza, verificando anche sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca. Occorre poi - continua Coldiretti - controllare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole. Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso, mentre per i gamberi serve verificare che non abbiano la testa annerita. Meglio, infine, non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.

I SEGRETI PER SCEGLIERE IL PESCE FRESCO


* Acquistarlo, laddove possibile, direttamente dal produttore che garantisce la freschezza del pescato.
* Verificare sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere la zona di pesca
* Verificare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole.
* Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso.
* Per i gamberi verificare che non abbiano la testa annerita
* Meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.
  • Coldiretti
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio Contenimento Xylella in provincia di Bari, arrivano 10 milioni per il monitoraggio I fondi provengono dal piano rigenerazione olivicola. Solo nell'area infetta risultano contaminati 183mila ettari di terreno
Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Fauna selvatica, in Puglia trecento incidenti in un anno Si tratta soprattutto di cinghiali, ma anche i lupi segnalati a Mercadante
Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Cementificazione e abbandono della terra, in Puglia a rischio il 57% della superficie disponibile Secondo Coldiretti restano ancora 162mila ettari mentre abbiamo già perso un quarto delle campagne
Apertura centri estivi, ok anche per le masserie didattiche Apertura centri estivi, ok anche per le masserie didattiche Occhio ad organizzarsi per tempo con il bonus baby sitter
La primavera "pazza" distrugge l'agricoltura, Coldiretti Puglia: «Raccolti compromessi» La primavera "pazza" distrugge l'agricoltura, Coldiretti Puglia: «Raccolti compromessi» L'associazione di categoria: «La gravità dei cambiamenti atmosferici ha peggiorato la crisi dovuta al Covid»
Clima impazzito, milioni di euro di danni all'agricoltura in Puglia Clima impazzito, milioni di euro di danni all'agricoltura in Puglia Verificata la perdita di più di un frutto su tre, con il crollo dei raccolti fino al 90% delle ciliegie primizie e della ‘Ferrovia
La Xylella arriva in provincia di Bari, cinque ulivi infetti a Locorotondo La Xylella arriva in provincia di Bari, cinque ulivi infetti a Locorotondo L'allarme di Coldiretti Puglia: «Lo scenario si aggrava, ma manca una strategia condivisa»
Gelate e forte vento, a rischio raccolta di ciliegie in Puglia Gelate e forte vento, a rischio raccolta di ciliegie in Puglia Secondo Coldiretti la perdita potrebbe aggirarsi sull'ottanta percento con consistenti aumenti di prezzo
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.