casermette bari
casermette bari
Attualità

Cittadella della Giustizia a Bari, a rischio 350 alberi secolari

L'area delle ex Casermette dovrebbe essere, stando al PRG, destinata a "Verde di Quartiere", ma il progetto per il tribunale prevede altro

Il progetto della "Cittadella della Giustizia", da anni atteso a Bari, starebbe mettendo a rischio 350 alberi ad alto fusto secolari.

Il progetto, nato nell'ormai lontano 2014, prevede infatti la realizzazione delle aree destinate alla giustizia barese nelle ex Casermette, ovvero le aree demaniali dismesse delle caserme Milano e Capozzi. La scelta su tale area venne fatta in quanto, si legge nella delibera del 2014: «Esisteva l'obbligo di legge di utilizzare beni demaniali ai fini del contenimento della spesa pubblica».

Stando però al PRG, quelle aree avrebbero dovuto essere destinate a "Verde di Quartiere", in una città come Bari già povera di verde stando all'ultimo rapporto Ispra, che vede la nostra città indossare una triste maglia nera, "tra le peggiori città d'Italia", quanto a consumo di suolo e cementificazione.

Nelle aree perimetrate come appartenenti ai due complessi militari Milano e Capozzi sono presenti estese e diffuse "Aree Verdi", per una superficie di oltre 40 mila mq, ospitanti una vegetazione arborea che comprende circa 350 alberi di alto fusto, (pino domestico e cedro) di età quasi secolare.

«Il "Verde di Quartiere" delle intere aree delle Caserme Milano - Capozzi - si legge nella nota di denuncia del Coordinamento di Cittadini, Associazioni e Comitati territoriali per la salvaguardia dell'ambiente e la tutela dei territori - Puglia - costituisce la parte principale e più importante del "Cuneo Verde" previsto dal PRG, e si pone in diretta connessione e continuità con le "Aree Verdi" già esistenti del "Parco 2 Giugno". La ipotizzata Cittadella Giudiziaria che andrebbe ad occupare le aree delle Caserme Milano - Capozzi comporterebbe dunque una sottrazione di suolo di circa 150 mila mq, azzerando una corrispondente quantità di verde pubblico di quartiere».

«Nel quartiere Carrassi - aggiungono - l'attuale quantità di Verde è di circa 65 mila mq, che corrisponde a 2mq per abitante. Allo stato attuale, l'insieme dell'esistente "Parco 2 Giugno" e delle aree a "Verde" (già esistenti) contenute all'interno delle zone militari che ospitano anche le due Caserme Milano - Capozzi, costituisce oltre i 2/3 dell'intero "Cuneo Verde" previsto dal PRG e l'eliminazione delle aree delle casermette comporterebbe che la quantità residua di "Verde di Quartiere" si ridurrebbe ad una superficie di appena 150 mila mq, corrispondente ad una quantità di 4,50 mq per abitante, dotazione del tutto irrilevante ed enormemente al di sotto del "limite minimo inderogabile" di 11mq per abitante prescritto dal P.R.G. in evidente e macroscopica violazione di legge e di normativa»
  • palazzo di giustizia
  • giustizia
Altri contenuti a tema
Cartabia: «Inaccettabile risolvere il problema giustizia a Bari in 10 anni» Cartabia: «Inaccettabile risolvere il problema giustizia a Bari in 10 anni» Il ministro in visita agli uffici giudiziari ha spiegato il suo punto di vista sulla questione Giustizia in città
Giustizia a Bari, il ministro Cartabia in visita agli uffici Giustizia a Bari, il ministro Cartabia in visita agli uffici Con lei il sottosegretario barese Francesco Paolo Sisto, è stata accolta dal neoprocuratore Rossi
Bari, il Governo approva un decreto legge ad hoc per il parco della Giustizia Bari, il Governo approva un decreto legge ad hoc per il parco della Giustizia Previste una serie di semplificazioni procedurali e autorizzatorie in capo al Commissario delegato per la realizzazione dell’opera
Bari, il Parco della Giustizia avrà un commissario Bari, il Parco della Giustizia avrà un commissario Il presidente dell'ordine degli avvocati: "L'annosa questione dell'edilizia giudiziaria si avvia verso il giusto percorso per addivenire alla soluzione in tempi più rapidi"
Cittadella della giustizia di Bari, interviene il presidente della Cassazione Cittadella della giustizia di Bari, interviene il presidente della Cassazione Curzio:"Auspico che vengano messe da parte tutte le polemiche e che si vada avanti con un atteggiamento costruttivo"
Nuovo polo della giustizia di Bari, Decaro scrive a Mattarella: «Condizioni non più sopportabili» Nuovo polo della giustizia di Bari, Decaro scrive a Mattarella: «Condizioni non più sopportabili» Il sindaco: «Da gennaio non abbiamo più notizie. Il processo per il crac della Banca popolare dimostra che gli spazi in fitto non sono idonei»
Bari, palagiustizia di Poggiofranco, prime udienze con celle in plexiglas Bari, palagiustizia di Poggiofranco, prime udienze con celle in plexiglas Oggi sono stati celebrati i primi processi in attesa dell' avvio del cantiere del polo alle Casermette
Polo della Giustizia a Bari, Bonafede: «Un anno fa le tende, ora gettiamo le basi della cittadella» Polo della Giustizia a Bari, Bonafede: «Un anno fa le tende, ora gettiamo le basi della cittadella» Stefanì: «Ci auguriamo che tutti restino uniti affinché i prossimi passi siano effettuati in tempi certi e brevi»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.