Le indagini dei Carabinieri
Le indagini dei Carabinieri
Cronaca

Estorsioni nel porticciolo di Santo Spirito, quattro arresti. I NOMI

Il piazzale di alaggio demaniale trasformato in un parcheggio abusivo, a capo del "sistema" il 52enne Domenico Sidella

L'ormeggio dei natanti, in qualsiasi porto, ha delle regole ferree e definite, ma non in quello di Santo Spirito, rione a nord di Bari, dove il 52enne Domenico Sidella, pluripregiudicato del rione San Pio, avrebbe obbligato i proprietari dei gozzi e dei pescherecci a pagare dai 10 ai 100 euro al mese «in cambio della protezione».

Per «Mimmo» o «Musolin» e per altri due - il 46enne Antonio Navoni conosciuto come «Tre ruote» e il 59enne Raffaele Altieri, alias «Felin» o «Chianidd», incaricati della riscossione dei soldi -, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Nicola Bonante, ha disposto la custodia in carcere, eseguita dai Carabinieri della Compagnia di San Paolo. È ai domiciliari la moglie di Sidella, la 47enne Caterina Santoro, mentre è indagato il figlio della coppia, il 28enne Michele Sidella.

Tutti rispondono, a vario titolo, di estorsione continuata aggravata in concorso, incendio aggravato con l'aggravante del metodo mafioso e occupazione abusiva di spazio demaniale. Dieci i casi estorsivi oltre ad un incendio, avvenuti fra maggio e dicembre 2022, in cui Sidella avrebbe «costretto, con minaccia e violenza» i pescatori e i diportisti, a corrispondere somme di denaro, avvalendosi della forza derivante dal vincolo associativo»: l'uomo risulta vicino al gruppo Strisciuglio.

L'inchiesta, diretta dal procuratore aggiunto dell'Antimafia, Francesco Giannella, e iniziata da un esposto anonimo in cui «si denunciava la commissione di attività illecite svolte nel porto di Santo Spirito», ha consentito di accertare il collaudato sistema estorsivo di Sidella il quale «svolgeva un servizio di guardiania abusivo nel porto, inducendo i diportisti a corrispondere somme di denaro a titolo di "protezione" del natante ormeggiato, pena la prospettazione di un danno ingiusto».

Le richieste, al mese, erano definite da un tariffario sulle dimensioni del natante, da 10 euro per i gozzi ormeggiati tra maggio e settembre (15 euro tra ottobre e aprile) a 100 euro per i pescherecci, il tutto «in un clima di omertà e assoggettamento delle vittime», come ricostruito nella attività investigativa. «Se non dovessi versare queste somme, il mio gozzo potrebbe subire dei danneggiamenti», ha rivelato un pescatore. «Chi si rifiuta di pagare - ha aggiunto -, riceve dei dispetti».

Il 52enne, inoltre, aveva occupato abusivamente l'area demaniale portuale, per adibirla ad un parcheggio. Aveva, infine, tentato di inserirsi nell'attività di custode di un circolo nautico del porto, «minacciando di morte il legittimo custode al fine di indurlo a rinunciare al servizio di guardiania svolto, senza tuttavia riuscirci».
  • Arresti Bari
  • Carabinieri Bari
  • Domenico Sidella
  • Antonio Navoni
  • Raffaele Altieri
  • Caterina Santoro
Altri contenuti a tema
Rissa in centro a Bari: un arresto e due denunce dei Carabinieri Rissa in centro a Bari: un arresto e due denunce dei Carabinieri La zuffa nella notte di domenica scorsa in via Cognetti: in manette un tunisino 44enne, denunciati due italiani di 49 e 24 anni
Picchia tre carabinieri. Condannato a 7 mesi un 46enne di Bari Picchia tre carabinieri. Condannato a 7 mesi un 46enne di Bari I fatti risalgono al 2020. L'uomo, accusato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, dovrà anche risarcire i tre militari
All’usuraio chiede 700 euro. E si ritrova un debito da 6.250 euro All’usuraio chiede 700 euro. E si ritrova un debito da 6.250 euro Un 48enne barese, Giovanni Belviso, è stato arrestato dopo la denuncia della vittima costretta ad interessi del mille per cento
Strattonano e spingono una 69enne per rubarle la borsa, arrestati in due Strattonano e spingono una 69enne per rubarle la borsa, arrestati in due Lo scippo, avvenuto in via Calefati, risale a mercoledì scorso: un 42enne e un 39enne, con precedenti, sono finiti ai domiciliari
Escort a 16 anni, il giro scoperto da una madre: «Soldi e cattive amicizie» Escort a 16 anni, il giro scoperto da una madre: «Soldi e cattive amicizie» Alle ragazze denaro e abiti griffati. È stata la madre di una di loro a far scattare l'indagine della Squadra Mobile di Bari
Adesca 13enne sui social e la molesta: arrestato un 27enne Adesca 13enne sui social e la molesta: arrestato un 27enne L'uomo, di Bari e rinchiuso in carcere, aveva convinto l'adolescente a marinare la scuola per incontrarlo
20enni si rifiutano di fare sesso e vengono picchiate. Due arresti 20enni si rifiutano di fare sesso e vengono picchiate. Due arresti L'orrore in un appartamento del quartiere San Paolo. Una delle ragazze è riuscita a scappare e a chiedere aiuto
La droga sull'asse Bari-Matera: fra i canali di rifornimento c'era Japigia La droga sull'asse Bari-Matera: fra i canali di rifornimento c'era Japigia Smantellato un gruppo criminale a Policoro: 14 arresti e 10 obblighi di dimora, perquisizioni anche in carcere
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.