Castello Svevo Bari
Castello Svevo Bari
Territorio

Bari, dal Mibac arrivano oltre 3 milioni di euro. Lavori previsti al Castello Svevo e non solo

Diversi gli interventi in città, in Puglia ne saranno 56 per un totale di circa 30 milioni di investimento

Sono 29 milioni e 822 mila euro i fondi destinati dal Mibac (Ministero per i Beni e per le Attività culturali) alla ristrutturazione in tutta Italia di 966 siti di cui 56 solo in Puglia. Il Mibac rientra, infatti, nel riparto del fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese e potrà avvalersi di risorse aggiuntive per quasi un miliardo, per la precisione 927.189.378 euro, nel periodo tra il 2021 e il 2033. I fondi saranno suddivisi per capitoli di spesa: 445 milioni per edilizia pubblica, 278 per la prevenzione da rischio sismico, 130 per l'eliminazione delle barriere architettoniche, 46 per gli investimenti di riqualificazione urbane e 28 per la digitalizzazione.

Gli investimenti e gli interventi previsti per la città di Bari sono i seguenti:

- Palazzo Sagges: 100 mila euro per manutenzione straordinaria;
- Ex convento S. Francesco della Scarpa: 100 mila euro per gli impianti di climatizzazione e 200 mila euro per il restauro delle cortine murarie delle facciate esterne;
- Castello Svevo 100 mila euro per l'arredo dei punti di sosta) e 200 mila euro per la segnaletica di percorso;
- Palazzo Simi 405 mila euro per laboratori, depositi dei materiali archeologici e impianti di sicurezza;
- Chiesa di San Giacomo 962 mila euro;
- Cattedrale di San Sabino 270 mila euro.

Ulteriori fondi, pari a 1.200.000 euro, saranno destinati a impianti elettrici, idraulici e antincendio.

«La Puglia potrà contare su quasi 30 milioni stanziati dal Ministero per i Beni e per le Attività culturali e destinati ad attuare il Piano Pluriennale di Investimenti tra il 2021 e il 2033 - affermano Paolo Lattanzio e Michele Nitti, portavoce alla Camera per il Movimento 5 Stelle e membri della Commissione Cultura - Il piano prevede interventi di edilizia pubblica e prevenzione del rischio sismico, lavori di eliminazione delle barriere architettoniche e di riqualificazione urbana, interventi per la digitalizzazione e per la sicurezza nelle periferie. Siamo molto soddisfatti per lo stanziamento di questi fondi che nella nostra Regione serviranno alla manutenzione di edifici di altissimo valore storico-artistico».
  • Ministero
Altri contenuti a tema
Vertenza ex Om, accordo firmato ora la palla passa al Ministero Vertenza ex Om, accordo firmato ora la palla passa al Ministero Falcetta (Uilm): «Prevalso il senso di responsabilità, prossimo step garantire a tutti gli operai il sostegno economico»
Ferrotramviaria e Ministero responsabili civili nel processo, Astip: «Fu strage di Stato» Ferrotramviaria e Ministero responsabili civili nel processo, Astip: «Fu strage di Stato» Si è tenuta oggi l'udienza a Trani, Regione Puglia esclusa, soddisfazione dell'associazione di familiari delle vittime
Strage Ferrotramviaria, il Ministero vuole costituirsi parte civile Strage Ferrotramviaria, il Ministero vuole costituirsi parte civile Nell'udienza di giovedì l'ente responsabile dei trasporti, la Regione e la Bari Nordi si sono opposti alla citazione come responsabili civili
Sette proposte per la Procura, c'è Agorà e il palazzo Inpdap Sette proposte per la Procura, c'è Agorà e il palazzo Inpdap Ora l'elenco degli edifici deve essere vagliato dal Ministero della giustizia
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.