ospedale Di Venere
ospedale Di Venere
Cronaca

Ennesima aggressione ieri al pronto soccorso del "Di Venere" di Bari

La solidarietà dell'ASL nei confronti degli operatori sanitari

Ennesima aggressione, ieri pomeriggio, a danno di due infermieri del Pronto Soccorso dell'Ospedale Di Venere. Gli operatori, guaribili con una prognosi di 15 e 10 giorni, sono stati aggrediti fisicamente da una utente in attesa della dimissione del figlio: un'attesa prolungatasi - a quanto si è potuto ricostruire - per via del contemporaneo arrivo di codici rossi che hanno impegnato il personale del Pronto soccorso. Prontamente è stata allertata la Polizia di Stato, intervenuta sul posto con una volante.

La Direzione generale della ASL Bari esprime totale vicinanza e solidarietà agli operatori sanitari vittime dell'aggressione e condanna fermamente l'ennesimo gesto perpetrato contro il personale nell'esercizio delle sue funzioni e in danno della comunità, poiché causa l'interruzione di un pubblico servizio.

La ASL Bari, come già in precedenti episodi, è al fianco degli operatori mettendo a loro disposizione il proprio ufficio legale; nello stesso tempo, l'azienda sanitaria stigmatizza un certo "malcostume" secondo il quale l'attesa in Pronto soccorso, sovente all'origine di incresciosi episodi, sarebbe una semplice perdita di tempo invece che il necessario adempimento clinico connesso alla generale priorità dei casi. Non è superfluo ricordare che dal 4 aprile scorso è entrato in vigore il Decreto legislativo del 19 marzo 2024 n. 31 in forza del quale si può procedere d'ufficio anche nel caso di lesioni personali ai professionisti sanitari, indipendentemente dalla gravità della lesione, lieve, grave o gravissima e dalla volontà della vittima di sporgere denuncia.

Inoltre, è già vigente da un anno la norma che ha rafforzato il contrasto agli episodi di violenza per le lesioni cagionate al personale esercente una professione sanitaria nell'esercizio o a causa delle funzioni o del servizio: questo tipo di aggressione, infatti, può comportare la reclusione da due a cinque anni, aumentabili a dieci se le lesioni sono "gravi" e fino a sedici se "gravissime".
  • aggressione
Altri contenuti a tema
Dodicenne aggredita a Bari Vecchia, il video diffuso su Instagram Dodicenne aggredita a Bari Vecchia, il video diffuso su Instagram La ragazzina è stata presa di mira da un gruppo di 15 coetanei che l'hanno offesa e strattonata
Sfratto in via Mitolo: botte a poliziotto ed operatore 118 Sfratto in via Mitolo: botte a poliziotto ed operatore 118 Colpiti con calci e pugni dagli occupanti
Baby gang aggredisce 13enne a Bari Vecchia, intervengono i carabinieri Baby gang aggredisce 13enne a Bari Vecchia, intervengono i carabinieri I fatti ieri sera intorno alle 23 in piazza Mercantile. Il papà: Ringrazio l'uomo che è intervenuto
Ragazzine aggredite a Bari Vecchia, le mamme: «Nessuno è intervenuto» Ragazzine aggredite a Bari Vecchia, le mamme: «Nessuno è intervenuto» Alcune giovani quindicenni sarebbero state colpite da un gruppo di coetanee in piazza Ferrarese nella serata di ieri
Lavoratrice aggredita al Cara di Bari, ospite le lancia contro un bagnoschiuma e un secchio d'acqua Lavoratrice aggredita al Cara di Bari, ospite le lancia contro un bagnoschiuma e un secchio d'acqua I sindacati: «Chiediamo interventi fattivi ed efficaci, non più rinviabili considerata la grave situazione in cui versa la struttura»
Aggredisce una donna con un martello: fermato 78enne a Grumo Appula Aggredisce una donna con un martello: fermato 78enne a Grumo Appula All'origine del gesto potrebbe esservi un rifiuto ad un approccio sessuale
Aggressione di un infermiere a Bari, il messaggio del direttore del Policlinico Aggressione di un infermiere a Bari, il messaggio del direttore del Policlinico L'episodio è avvenuto stamattina all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII
Feriti e rapinati, coppia di 70enni Rom finisce in ospedale Feriti e rapinati, coppia di 70enni Rom finisce in ospedale I fatti questa mattina presto sul ponte di via Caldarola, colpiti con il calcio di una pistola
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.