progetto Safe
progetto Safe
Eventi e cultura

Bari, a palazzo Fizzarotti arriva da Torino il progetto Safe

Associazioni ed imprese insieme per l'educazione alla non violenza di genere nelle scuole a partire dall'infanzia

Arriva da Torino il progetto Safe. L'obiettivo è creare un ponte tra associazioni ed aziende a favore dell'educazione alla non violenza di genere, tema importante che "andrebbe affrontato ogni giorno" e che necessita di fondi. Si tratta di un'iniziativa del Centro Studi e Documentazione del Pensiero Femminile di Torino, un centro di ricerca e formazione sugli studi di genere, che ha costruito una rete di 21 associazioni di cui quattro pugliesi e che da questa mattina sono a palazzo Fizzarotti nel salone delle arti del lavoro per sensibilizzare studentesse e studenti sul tema della non violenza di genere. E questa sera alle 18 ci sarà una tavola rotonda proprio per discutere della sostenibilità delle associazioni coinvolte con progetti nelle scuole perché c'è bisogno di risorse finanziarie per consentire agli operatori di svolgere percorsi stabili di educazione alla non violenza di genere, nelle scuole a partire dall'infanzia, e nei centri giovanili sportivi, artistici e culturali.

«Safe è un progetto importante – spiega la direttrice del centro studi Stefania Doglioli - e forse anche un po' visionario. Vogliamo cambiare qualcosa di strutturale cioè quella cultura che senza rendersene conto legittima nel nostro quotidiano la violenza di genere. Questo è un concetto molto semplice ma allo stesso tempo molto difficile perché fa parte di noi. E' da quando siamo nate che viviamo in un mondo che ci dà delle regole, che ci sembrano poi del tutto normali che insegnano ai bambini a non piangere, che insegna alle bambine a non giocare a calcio e che piano piano ti convince che quello che tu sei deve diventare qualcosa di un po' diverso rispetto a quello che gli altri pensano tu debba essere. Se vogliamo davvero operare un cambiamento su questi temi, dobbiamo lavorare ogni giorno tutto l'anno e non solo un giorno o una settimana all'anno».

L'iniziativa è partita proprio da Torino lo scorso 22 novembre ed oggi è in corso a Bari a palazzo Fizzarotti., in accordo anche con la Fondazione Fizzarotti H.E.A.R.T. che ha sposato questo importante progetto.

«Siamo all'interno del salone delle arti del lavoro – spiega la direttrice Maia che descrive l'equilibrio fra sviluppo economico e sviluppo culturale che innesca nuovi sviluppi economici. All'interno di un' economia equilibrata, un' economia che crea cultura e cultura che crea economia non si può che parlare di una parità di genere non si può che parlare della nonviolenza, non si può che parlare di pari opportunità».

«Tutte le associazioni che compongono la nostra rete – spiega la presidente del centro studi Ferdinanda Vigliani - hanno una straordinaria esperienza nel affrontare queste tematiche, quello che manca sono le risorse e quindi quello che noi stiamo cercando, con questo progetto, di costruire un ponte tra il profit e no profit quindi aziende e associazioni proprio per promuovere una cultura diversa, una coltura di collaborazione, di pace e di valori condivisi di non violenza».
progetto Safeprogetto Safeprogetto Safeprogetto Safeprogetto Safeprogetto Safeprogetto Safe
  • Bari
Altri contenuti a tema
Bari, Pio e Amedeo conquistano il pubblico del Teatro Team Bari, Pio e Amedeo conquistano il pubblico del Teatro Team Sold out per lo spettacolo “La classe non è qua”. Tra ironia e verità il duo comico racconta la propria vita prendendosi in giro
Rapporto Svimez, Puglia cresce ma Bari perde popolazione Rapporto Svimez, Puglia cresce ma Bari perde popolazione Buoni i risultati di crescita, Pil e occupazione ma in 4 anni dal capoluogo via il 2 per cento dei cittadini
Pasqua 2019, Bari e Brindisi tra le mete più gettonate Pasqua 2019, Bari e Brindisi tra le mete più gettonate La nostra città alla quindicesima posizione di questa virtuale classifica delle ricerche online dei turisti nazionali
Bari, l'appello di Laura: «Aiutatemi a trovare la mia madre biologica» Bari, l'appello di Laura: «Aiutatemi a trovare la mia madre biologica» La donna, originaria della nostra città, partorì a Roma nel 1978, la figlia la cerca per conoscere le sue origini
Kick Boxing, Stage di Point Fight con il Maestro Rino Magno Kick Boxing, Stage di Point Fight con il Maestro Rino Magno Atleti ed allievi della OPAcademy Kendro: «Emozionati per l'incontro»
Notte di stelle, si parte con Cammariere, Paoli e Rea il 25 giugno al Petruzzelli Notte di stelle, si parte con Cammariere, Paoli e Rea il 25 giugno al Petruzzelli Decaro: "Presto avremo nuovi contenitori, entro la fine di quest'anno pronti Piccinni e Margherita"
Soldi per addomesticare le indagini, arrestato finanziere Soldi per addomesticare le indagini, arrestato finanziere L'uomo preso in flagranza di reato, aveva chiesto la prima tranche di un pagamento di 37mila euro
Caldo e sole, i baresi di San Francesco Caldo e sole, i baresi di San Francesco Presi d'assalto lidi e spiagge libere da Nord a Sud del Capoluogo
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.