Assegni di cura
Assegni di cura
Politica

Assegni di cura in ritardo, la denuncia di Baricittàaperta

Il candidato sindaco Sabino De Razza: Ancora una volta i ritardi burocratici mettono a repentaglio la dignità di persone non autosufficienti

Non c'è pace per i disabili gravi in Puglia. L'assegno di cura per il 2018-2019 sembra essere ancora bloccato e nulla si sa delle procedure per il 2019. Nonostante una nota della Regione di gennaio sosteneva che a partire dallo stesso gennaio fosse: «Previsto il rilascio degli esiti per i primi gruppi di domande», mentre a partire da febbraio sarebbero dovute partire le procedure di liquidazione per i primi ammessi del beneficio cumulato per il periodo luglio 2018-dicembre 2018. Ed entro marzo 219 si prevedeva la: «Conclusione delle valutazioni sanitarie e ammissione a beneficio di tutti i pazienti , entro il limite totale di 3.250 unità ed entro aprile 2019 è previsto il rilascio del monitoraggio complessivo degli esiti».

«Ritardi burocratici mettono a repentaglio la dignità di persone non autosufficienti - dichiara al riguardo Sabino De Razza, candidato sindaco per baricittàaperta - Per i disabili gravissimi di Puglia sembra non esserci pace. Ancora una volta i ritardi burocratici mettono a repentaglio la dignità di persone non autosufficienti. A loro è destinato un contributo mensile, previa presentazione di una domanda per via telematica. Ma quel contributo è in ritardo di mezzo anno. La platea dei beneficiari, infatti, attende ancora il beneficio cumulato fra luglio e dicembre 2018«.

«L'Assessore regionale alla salute, dott. Ruggieri, dichiarava a gennaio 2019: "A breve gli assegni di cura saranno attribuiti e liquidati" - sottolinea - tentando di fornire rassicurazioni dall'assessorato al welfare. In realtà, però, ad oggi, nessuno ha usufruito del contributo in questione e nulla si sa dell'annualità del 2019. Molte, troppe famiglie soffrono di questi ritardi e sarebbe ora che la Regione Puglia mettesse fine a questa assurda situazione e sbloccasse al più presto l'erogazione dei contributi in questione».
  • Disabilità
Altri contenuti a tema
Mola di Bari, biblioteca inaccessibile ai disabili Mola di Bari, biblioteca inaccessibile ai disabili Atto di diffida al Comune da parte del consigliere regionale M5S Antonio Trevisi e del consigliere comunale Michele Daniele
"Guardare" Bari con altri occhi, in via Sparano Flash Mob bendati "Guardare" Bari con altri occhi, in via Sparano Flash Mob bendati L'iniziativa è stata organizzata da Antonio Giampietro, docente non vedente, promotore della pagina Facebook “Non vedo che Bari”
"Luoghi delle meraviglie" in un calendario benefico "Luoghi delle meraviglie" in un calendario benefico Tante le città fotografate, tra le quali Bari per permettere ad alcuni ragazzi disabili di diventare autonomi
Assistenza scolastica, lunedì servizio al via? Gli educatori: «Cooperativa non segue graduatorie» Assistenza scolastica, lunedì servizio al via? Gli educatori: «Cooperativa non segue graduatorie» La Città Metropolitana annuncia lo sblocco dell'impasse, ma gli operatori denunciano presunte irregolarità
Accesso ai disabili nei negozi, a Bari arrivano le "Rampe del Sorriso" Accesso ai disabili nei negozi, a Bari arrivano le "Rampe del Sorriso" Si tratta di rampe mobili da posizionare agli ingressi delle attività commerciali, l'idea è dell'associazione Lezzanzare e della cooperativa sociale Zerobarriere
"Educativa Domiciliare Integrata", a Bari un servizio per minori diversamente abili "Educativa Domiciliare Integrata", a Bari un servizio per minori diversamente abili Presentato il progetto S.E.M.I. Bottalico: «Iniziativa unica nel suo genere. Particolare attenzione allo spettro autistico»
Estate per i ragazzi disabili del I Municipio, al via oggi le attività Estate per i ragazzi disabili del I Municipio, al via oggi le attività Dammacco: "In questo modo supportiamo i minori, offrendo loro l’occasione di misurarsi con le proprie risorse ma anche le famiglie"
Torre Quetta, collaudato il sistema di accesso in acqua delle persone con disabilità motoria Torre Quetta, collaudato il sistema di accesso in acqua delle persone con disabilità motoria Il primo a sperimentare il sistema Sea track Tobea è stato l'atleta Antonio Caputo: «Un grande passo avanti per chi vive in carrozzella»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.