Un agazzella dei carabinieri
Un agazzella dei carabinieri
Cronaca

Arresti nel clan Di Cosola, in cinque accusati di due sparatorie e Ceglie

Gli agguati furono commessi, il primo, nella pubblica via in pieno centro abitato e, il secondo, con l’irruzione armata in un circolo ricreativo

I carabinieri del comando provinciale di Bari hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza a carico di 5 soggetti, sottoposti ad indagine per i reati di lesioni gravissime e permanenti e detenzione di armi, aggravati dall'aver agito con modalità e per finalità mafiose.

L'odierno provvedimento colpisce gli indagati in relazione a due ferimenti, commessi il 13 ed il 17 di novembre del 2015 nella frazione di Ceglie del Campo, nei quali vennero attinti con numerosi colpi d'arma da fuoco due soggetti, uno dei quali appartenente al clan "Di Cosola", nell'ambito delle fibrillazioni interne che hanno seguito la scelta di collaborare con la giustizia dello storico capo Antonio Di Cosola.

Gli agguati furono commessi, il primo, nella pubblica via in pieno centro abitato e, il secondo, con l'irruzione armata in un circolo ricreativo in presenza di altre persone. Il tutto finalizzato non solo a colpire fisicamente le vittime, ma anche e soprattutto a lanciare un chiaro segnale a tutti i sodali.

Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), i due fatti di sangue, vicini tra loro temporalmente, sarebbero scaturiti proprio a seguito del vuoto di potere creatosi dalla decisione di collaborare con la giustizia del capo. Tale decisione avrebbe sconvolto gli equilibri dei sodali, soprattutto quelli che, per vicinanza camorristica e fedeltà indiscussa all'ormai ex boss, ritenevano essere i naturali eredi al vertice del clan. Detta pretesa non sarebbe stata riconosciuta da quella parte del clan che godeva anch'essa di alta considerazione camorristica, ma soprattutto di un vincolo parentale con tutta la famiglia Di Cosola. Proprio in virtù di detta fibrillazione ed attese le risultanze investigative già raccolte in quel periodo storico dalla DDA e dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Bari, nell'ambito dell'indagine Attila, nel successivo mese di dicembre si procedette all'esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere, con la quale venne decapitato il braccio armato del clan e vennero spente sul nascere le rivalità per l'ascesa al potere.

Le indagini che hanno portato all'odierna misura cautelare sono state condotte con l'ausilio di attività tecniche d'intercettazione, suffragate dalle successive dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia, puntualmente riscontrate.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Operazione dei Nas a Monopoli, sequestrati 1800 pezzi di bigiotteria Operazione dei Nas a Monopoli, sequestrati 1800 pezzi di bigiotteria Gli articoli erano privi dell’indicazione, in lingua italiana, nell’etichetta, della composizione dell’oggetto e delle sostanze utilizzate per la produzione
Estorsione aggravata dal metodo mafioso, arrestato 36enne ad Altamura Estorsione aggravata dal metodo mafioso, arrestato 36enne ad Altamura L'indagine partita lo scorso mese di luglio, quando l'uomo si sarebbe appropriato di abbigliamento per 3mila euro in un negozio
Lieto fine per il 60enne scomparso a Bari, trovato a Giovinazzo Lieto fine per il 60enne scomparso a Bari, trovato a Giovinazzo L'uomo non aveva più dato notizie di sé da ieri mattina
Bari Vecchia, sequestrati un appartamento e due motocicli a due persone Bari Vecchia, sequestrati un appartamento e due motocicli a due persone Si tratta di una donna di 39 anni e suo figlio di 21
Blitz contro il clan Moccia a Napoli, arrestato anche l'ex consigliere comunale barese Finocchio Blitz contro il clan Moccia a Napoli, arrestato anche l'ex consigliere comunale barese Finocchio L'accusa che gli viene mossa è di traffico di influenza
Botte e minacce a un agente di commercio per un finanziamento falso da 30mila euro, due arresti Botte e minacce a un agente di commercio per un finanziamento falso da 30mila euro, due arresti L'indagine dei carabinieri ha portato in manette un 23enne e un 24enne di Bari, colti sul fatto dai militari
Furti in appartamento, cinque arresti. C'è anche il 23enne ferito al San Paolo il 19 marzo Furti in appartamento, cinque arresti. C'è anche il 23enne ferito al San Paolo il 19 marzo Maxi operazione dei carabinieri a Bari per colpi commessi tra Binetto, Cassano, Toritto e Acquaviva
Ricchezza di provenienza illecita, sequestrata l'impresa Di Cosimo a Madonnella Ricchezza di provenienza illecita, sequestrata l'impresa Di Cosimo a Madonnella Il valore del patrimonio sottratto alla disponibilità dell’interessato e della sua famiglia è stimato in quasi un milione di euro
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.