Sciopero Ipersimply
Sciopero Ipersimply
Attualità

Aperture domenicali a Bari, accordo Lega-M5S. Ma non tutti sono soddisfatti

Federdistribuzione: «Effetti molto negativi», Montaruli (Unimpresa Bat): «Inciderà pesantemente sulla grande distribuzione organizzata»

Il tema delle aperture domenicali è molto sentito a Bari. Molto spesso si sono tenute battaglie tra chi è contrario alla diffusione di ipermercati e centri della grande distribuzione, che rischiano di fagocitare il commercio di prossimità. D'altronde, anche le recenti notizie di apertura di un nuovo centro nella zona commerciale di Santa Caterina, o la prossima inaugurazione il 14 febbraio del primo Lidl cittadino hanno aumentato i timori. Tutti questi centri pubblicizzano la loro apertura 7 giorni su 7 e anche in molti giorni festivi, come uno dei loro punti di forza.

E in soccorso di queste posizioni, supportate anche dai sindacati di settori, giunge un accordo tra la Lega e il Movimento 5 Stelle. Il testo al riguardo è stato depositato in Commissione alla Camera e verrà ora prima esaminato e poi discusso sia alla Camera che al Senato. Non è detto che diventi legge così come è ora, ma di sicuro è una base su cui si svilupperà un testo di legge da sempre cavallo di battaglia dell'attuale governo giallo-verde.

Cosa prevede questo accordo? Verranno concesse ai negozi 26 domeniche su 52 ogni anno in cui poter aprire, con una deroga per 4 festività nazionali su 12 e quindi un totale di 30 aperture festive. La scelta dei giorni avverrà di concerto tra le Regioni, i sindacati e le associazioni di categoria. Deroga per le attività presenti nei centri storici che potranno aprire tutte le domeniche ma non i giorni festivi. Sempre aperti, invece, i negozi presenti in porti, aeroporti, stazioni, autostrade, oltre a cinema, stadi, giornalai, fiorai, antiquari, pasticcerie e rosticcerie che avranno libertà di apertura. Nei comuni fino a 10 mila abitanti potranno aprire gli store fino a 150 metri, mentre in quelli con più di 10 mila abitanti si parla di store fino a 250 metri.

Non tutti sono ottimisti e soddisfatti dal testo. Federdistribuzione sottolinea che: «Il testo produrrà un effetto molto negativo sul sistema Paese: diminuiranno i livelli occupazionali di 30.000 unità, caleranno i consumi per oltre 4 miliardi di euro, peggioreranno le aspettative delle imprese, con conseguente riduzione degli investimenti, ci sarà meno servizio ai consumatori, costretti a modificare le proprie abitudini di acquisto ormai consolidate da oltre 7 anni di aperture domenicali, si creeranno distorsioni nella concorrenza tra imprese e disparità di trattamento tra i cittadini per il potere dato agli enti territoriali».

Soddisfazione da Unimpresa Bat è possibile leggere nelle parole di Savino Montaruli: «Un provvedimento di chiaro sostegno al piccolo commercio che però inciderà pesantemente sulla grande distribuzione organizzata con conseguenze che, secondo me, potrebbero essere pesantissime fino alla chiusura di centri commerciali ormai già in profonda crisi, dopo aver assalito il territorio in maniera incontrollata, dagli anni duemila ad oggi, ma caduti anch'essi in qualcosa più grande di loro che è il commercio on-line».
  • aperture negozi
Altri contenuti a tema
Puglia, sindacati chiedono chiusure nei giorni del 25 aprile e 1 maggio Puglia, sindacati chiedono chiusure nei giorni del 25 aprile e 1 maggio Le sigle sindacali in una lettera inviata al governatore Emiliano: "Aperture potrebbero innescare un ulteriore aumento dei contagi, rallentando significativamente le condizioni per la riapertura complessiva"
«Vieni a Molfett» sulle note della Rimbamband per lo shopping di Natale «Vieni a Molfett» sulle note della Rimbamband per lo shopping di Natale L’iniziativa di Comune di Molfetta e DUC Molfetta per sostenere il commercio locale
Bari, domani aprono bar e ristoranti ma c'è chi dice "no" Bari, domani aprono bar e ristoranti ma c'è chi dice "no" Il Movimento Impresa lamenta l'assenza di linee guida chiare e uniformi
Saldi estivi 2020, partenza rinviata al 1 agosto Saldi estivi 2020, partenza rinviata al 1 agosto Decisione della Conferenza delle Regioni per sostenere le richieste dei commercianti
Bari, appello al Governo dei pubblici esercizi: «Interventi di sostegno o chiuderemo» Bari, appello al Governo dei pubblici esercizi: «Interventi di sostegno o chiuderemo» Il comparto è tra quelli più colpiti a causa dell'emergenza Coronavirus su tutto il territorio
Bari, la Befana si festeggia al centro commerciale Bari, la Befana si festeggia al centro commerciale Tutti aperti nonostante la festività cercando di sfruttare i saldi appena iniziati, a Modugno salta lo sciopero
Feste di Natale al centro commerciale? Bari dice No, con qualche eccezione Feste di Natale al centro commerciale? Bari dice No, con qualche eccezione A livello nazionale prosegue la campagna dei sindacati con il claim "La festa non si vende"
Ognissanti al centro commerciale? Tutte le aperture a Bari e provincia Ognissanti al centro commerciale? Tutte le aperture a Bari e provincia Continuano comunque le proteste dei sindacati contro il lavoro nei festivi al grido #lafestanonsivende
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.