Via Sparano per il black friday
Via Sparano per il black friday
Attualità

Bari, appello al Governo dei pubblici esercizi: «Interventi di sostegno o chiuderemo»

Il comparto è tra quelli più colpiti a causa dell'emergenza Coronavirus su tutto il territorio

«Tra riduzione dei flussi turistici, chiusura delle scuole, utilizzo dello smart-working nelle aziende, psicosi collettiva e provvedimenti restrittivi, subiamo danni incalcolabili ed insostenibili. Così non riusciamo ad andare avanti, il nostro è il settore più colpito; subito interventi di sostegno o chiuderemo». Questo l'appello dei pubblici esercizi al Governo Conte.

Migliaia di eventi, ricorrenze pubbliche e private, iniziative di ogni genere che vengono riformulate, rinviate o cancellate ogni giorno. A ciò si devono aggiungere il crollo delle presenze turistiche nel nostro Paese e l'applicazione di provvedimenti di difficile comprensione, che riducono fortemente l'operatività delle nostre imprese. Per non parlare della misura che impone la chiusura totale dei locali di intrattenimento. Tutto ciò fa dei pubblici esercizi italiani il comparto più colpito dagli effetti del Coronavirus.

«Chiediamo a gran voce - dichiara Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe Confcommercio – il supporto delle Istituzioni e di fare presto, con segnali concreti di supporto alle imprese, che altrimenti chiuderanno. Chiediamo interventi urgenti sugli ammortizzatori sociali, meccanismi di credito di imposta per sopperire almeno in parte al crollo del fatturato, la sospensione del pagamento di oneri e tributi, la sospensione degli sfratti per morosità, per venire incontro a chi nelle prossime settimane non riuscirà ad onorare i contratti di locazione e a pagare fornitori e dipendenti. Non è difficile capire che senza incassi non si possono neppure onorare i debiti. Purtroppo e inspiegabilmente, i provvedimenti presi fino ad oggi non riguardano le imprese del principale settore del turismo, quello della ristorazione, tradizionale, commerciale e collettiva, del catering, dell'intrattenimento e dei bar/pub. Chiediamo, inoltre, che venga fatta chiarezza sull'applicazione delle norme. Ci appare incomprensibile che i bar di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna non possano servire clienti al banco. Se l'obiettivo, assolutamente condivisibile, è di evitare assembramenti, basterebbe adottare le misure di cautela suggerite dalle autorità sanitarie per ogni altro servizio, dal negozio di alimentari fino all'ufficio postale. Siamo responsabili, ma non si capisce perché in un bar ci si infetta se si prende un caffè al banco, rispettando la distanza di un metro, e non invece in fila in metropolitana o in altre situazioni analoghe permesse»
  • Confcommercio
  • aperture negozi
Altri contenuti a tema
Contributi della Regione Puglia alle imprese, Confcommercio attiva sportello informativo Contributi della Regione Puglia alle imprese, Confcommercio attiva sportello informativo Il microprestito a fondo perduto si rivolge alle attività con meno di dieci dipendenti e con un fatturato entro i 350mila euro
La fase due dei lidi in Puglia, distanza minima fra ombrelloni di 3,4 metri La fase due dei lidi in Puglia, distanza minima fra ombrelloni di 3,4 metri Vietato lo spostamento fra stabilimenti balneari, ogni postazione dovrà costituire un'area riservata
Bari, domani aprono bar e ristoranti ma c'è chi dice "no" Bari, domani aprono bar e ristoranti ma c'è chi dice "no" Il Movimento Impresa lamenta l'assenza di linee guida chiare e uniformi
Saldi estivi 2020, partenza rinviata al 1 agosto Saldi estivi 2020, partenza rinviata al 1 agosto Decisione della Conferenza delle Regioni per sostenere le richieste dei commercianti
Bari, tra proteste e appelli al sindaco, i commercianti chiedono di riaprire l'11 maggio Bari, tra proteste e appelli al sindaco, i commercianti chiedono di riaprire l'11 maggio Il movimento M24A incontra il delegato consigliere comunale allo Sviluppo economico: "I numeri del covid 19 in Puglia sono favorevoli"
Fase due, Decaro: «Bar e negozi non pagheranno le imposte per periodo di chiusura» Fase due, Decaro: «Bar e negozi non pagheranno le imposte per periodo di chiusura» Il sindaco: «Non possiamo chiedere le tasse per il periodo in cui non si è lavorato». Ambrosi: «Delusi dal Governo»
Emergenza COVID-19, necessari aiuti alle imprese. Confcommercio Bari-BAT scrive a Decaro Emergenza COVID-19, necessari aiuti alle imprese. Confcommercio Bari-BAT scrive a Decaro Il presidente Alessandro Ambrosi: «Le misure del Governo insufficienti ad affrontare le conseguenze della grave pandemia in atto»
Coronavirus, Confcommercio Bari: «Dopo emergenza il commercio sia protetto» Coronavirus, Confcommercio Bari: «Dopo emergenza il commercio sia protetto» Il presidente Ambrosi: «Un plauso a chi ha retto finché ha potuto. Saracinesche abbassate pesano»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.