sindaco e ass romano in mensa con gli alunni della corridoni
sindaco e ass romano in mensa con gli alunni della corridoni
Scuola e Lavoro

Al Comune di Bari il premio "mensa d'eccellenza". Dal ministero arrivano 600mila euro

Importante riconoscimento per il servizio nelle scuole. Romano: «Ridotta la retta a 1300 famiglie»

Le scuole comunali di Bari ricevono un importante premio: il ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali ha riconosciuto al servizio di refezione scolastica del Comune di Bari il sigillo di "mensa di eccellenza" per la qualità e la tracciabilità dei prodotti biologici utilizzati assegnando all'ente una premialità di oltre 600mila euro. Il decreto, emesso dal Mipaf di concerto con il Miur, ripartisce inoltre 10 milioni di euro complessivi del fondo disponibile per l'anno 2018 sulla base del numero dei beneficiari del servizio di refezione: al Comune di Bari andranno così 612.161 euro. I fondi saranno trasferiti alla Regione che provvederà a girarli al Comune di Bari.

Il fondo istituito dal Ministero è destinato a ridurre per la maggior parte i costi a carico dei beneficiari del servizio di refezione e per la restante parte a realizzare iniziative di informazione e di promozione nelle scuole e di accompagnamento al servizio stesso.

A rendere nota l'attribuzione del premio alle scuole di Bari è l'assessore alle Politiche educative e giovanili Paola Romano, che in una nota precisa: «Il Comune di Bari, in cui il servizio mensa è svolto dalla Ladisa aggiudicataria dell'appalto triennale, è uno dei due Comuni pugliesi, insieme a Valenzano, inserito nell'elenco nazionale delle "Mense biologiche italiane" come risulta dal decreto ministeriale pubblicato il 14 febbraio scorso in Gazzetta ufficiale».

Il titolo di "mensa d'eccellenza" viene, infatti, assegnato alle cucine scolastiche che utilizzano prodotti biologici nella misura di almeno il 90% per frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale, pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine d'oliva, del 100% per uova, yogurt e succhi di frutta, e del 50% per prodotti lattiero-caseari, carne e pesce da acquacoltura.

«Sin dal nostro insediamento portiamo avanti l'impegno di offrire agli alunni e alle alunne delle scuole baresi menu bilanciati con prodotti locali, biologici e a filiera corta, convinti che le buone abitudini alimentari siano un fattore determinante per la salute e il benessere fin dall'infanzia - commenta soddisfatta Paola Romano. Con l'ultimo appalto del servizio, che ha trovato nella Ladisa un partner sensibile e attento, siamo riusciti non solo a introdurre nelle mense il 100% di prodotti biologici e certificati, ma anche realizzare l'idea che il tempo della mensa possa rappresentare un'occasione di scambio, di socializzazione e di benessere e insieme un momento educativo utile per comprendere il valore degli alimenti e l'importanza di uno stile di vita sano. In questi anni siamo stati tra le poche città d'Italia che hanno scelto di garantire la gratuità dei pasti per tutti i bambini provenienti da nuclei familiari con meno di 6mila euro di ISEE, offrendo ogni giorno circa 1600 pasti gratuiti. Con i proventi di questo riconoscimento potremo diminuire il costo del servizio mensa per le 1300 famiglie che hanno un ISEE inferiore ai 19 mila euro. Così facendo, mentre rafforziamo la qualità del servizio, grazie alla partecipazione al bando ministeriale diminuiremo ulteriormente il costo a carico dei beneficiari».

Per i fratelli Sebastiano e Vito Ladisa, titolari dell'omonima azienda di ristorazione barese, «Il riconoscimento assegnato al Comune di Bari conferma la bontà delle nostre scelte imprenditoriali ispirate alla qualità e alla sicurezza alimentare coniugate al ridotto impatto ambientale. Grazie al nostro modo di fare ristorazione oltre a Bari, anche Matera - dove svolgiamo il servizio - ha ottenuto il sigillo di mensa di eccellenza; per non parlare di altre città del nord dove il nostro modello ha riscontrato risultati positivi. È un risultato che premia il nostro lavoro ma soprattutto quello svolto ogni giorno da migliaia di nostri dipendenti».
  • Comune di Bari
  • Paola Romano
  • Mensa
Altri contenuti a tema
Bando Urbis, finanziate 66 attività di imprenditoria sociale. Boom a Libertà e San Paolo Bando Urbis, finanziate 66 attività di imprenditoria sociale. Boom a Libertà e San Paolo La misura prevede incentivi da 15mila a 40mila euro a fondo perduto. Decaro: «Bari vuole scommettere su se stessa»
Detrazioni per famiglie numerose, online il bando del Comune di Bari Detrazioni per famiglie numerose, online il bando del Comune di Bari Agevolazioni per i nuclei familiari con almeno tre figli, ecco come fare domanda e dove
Riparte il cantiere per la palestra dell'istituto Galilei, Galasso: «Lavori per tutto l'anno scolastico» Riparte il cantiere per la palestra dell'istituto Galilei, Galasso: «Lavori per tutto l'anno scolastico» Stamattina il sopralluogo alla ripresa dopo gli accertamenti tecnici. Romano: «Struttura aperta di pomeriggio a tutto il quartiere»
Stadio San Nicola, cento accrediti alle partite del Bari per persone con disabilità Stadio San Nicola, cento accrediti alle partite del Bari per persone con disabilità Online sul sito del Comune l'avviso pubblico, valido per persone con Isee non superiore ai 12mila 500 euro
A Bari un festival dell'architettura? Aperte le candidature per i partner A Bari un festival dell'architettura? Aperte le candidature per i partner Il Comune partecipa a un bando ministeriale che mette a disposizione risorse per 80mila euro
Ventottesimo anniversario dello sbarco della Vlora, Bari ricorda l'arrivo dei 18mila albanesi Ventottesimo anniversario dello sbarco della Vlora, Bari ricorda l'arrivo dei 18mila albanesi Domani verrà lanciato dal piazzale del Margherita nell'etere un messaggio radiotelegrafico in codice Morse con la famosa frase dell'allora sindaco Enrico Dalfino
Bari, lavori in corso nelle scuole di Carbonara e Loseto Bari, lavori in corso nelle scuole di Carbonara e Loseto Il sopralluogo degli assessore Galasso e Romano nei plessi Don Mario Dalesio e nella materna
Sciopero degli addetti all'assistenza domiciliare, il Comune di Bari risponde: «Servizio triplicato negli anni» Sciopero degli addetti all'assistenza domiciliare, il Comune di Bari risponde: «Servizio triplicato negli anni» La nota dell'amministrazione in risposta ai lavoratori che oggi incrociano le braccia per 24 ore: «Istanze dei sindacati recepite nella riunione del 18 giugno»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.