guardia costiera
guardia costiera
Cronaca

Affonda rimorchiatore a largo di Bari, cinque morti. La procura apre un'inchiesta

Sono quattro i corpi recuperati, l'altro è stato individuato. Solamente il comandante è stato portato in salvo

+++ AGGIORNAMENTO ore 14 +++

Le ricerche, in seguito all'affondamento di un rimorchiatore al largo di Bari, hanno condotto al recupero di quattro corpi e alla individuazione in mare di un altro in corso di recupero. I corpi saranno trasportati dalla motovedetta della Guardia Costiera nel porto di Bari.

I corpi già recuperati sono stati identificati: si tratta di due persone originarie della provincia di Bari, un marchigiano e un tunisino. L'unico tratto in salvo è il capitano 63enne di origini siciliane.

Una motovedetta Sar della Guardia gostiera croata e un mercantile sono impegnati nelle attività di ricerca sotto il coordinamento della Guardia costiera di Bari. Avvistata inoltre una zattera di salvataggio vuota appartenente al rimorchiatore affondato.

La Procura di Bari ha aperto un fascicolo in cui si ipotizza il reato di naufragio in riferimento al rimorchiatore Franco L - di bandiera italiana -, affondato nella notte a 53 miglia al traverso del porto di Bari. Il mezzo era impegnato nel rimorchio di un pontone nella tratta Ancona-Durazzo al limite tra le acque di responsabilità Sar italiane e croate.

L'indagine è stata delegata alla Capitaneria di porto ed è coordinata dal procuratore Roberto Rossi. Dei sei componenti dell'equipaggio solo il comandante è stato portato in salvo dalla motonave Split di bandiera Croata. Ora è ricoverato al Di Venere a Bari. Oltre ai corpi dei due marinai già presi a bordo da una motovedetta croata, ne sono stati individuati dai soccorritori altri tre che si cercherà di recuperare nelle prossime ore. Le vittime sono due pugliesi, due marchigiani e un tunisino.

+++AGGIORNAMENTO ore 11.50+++

Sono 4 i morti in seguito all'incidente che ha visto affondare un rimorchiatore al largo delle coste di Bari. I corpi di due di loro sono stati recuperati da una motovedetta croata, mentre altri due corpi sono stato individuati ma non ancora recuperati. Una persona risulta ancora dispersa.

++++

Un rimorchiatore è affondato a largo di Bari ieri sera. Non si hanno ancora notizie precise sull'accaduto. Al momento cinque membri dell'equipaggio risultano essere dispersi, mentre una persona è stata recuperata.

La capitaneria di porto di Bari comunica che sono in corso le ricerche di 4 marittimi italiani e uno tunisino dispersi in mare a circa 50 miglia al traverso del porto di Bari, dove attualmente insistono condizioni meteo-marine avverse.

La Guardia Costiera di Bari sta coordinando i mezzi militari e civili impegnati nelle ricerche: 5 mercantili, oltre a diverse unità della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. Nelle ricerche sono stati coinvolti anche velivoli della Marina Militare, dell'Aeronautica Militare e dell'aviazione della Croazia. Un aereo "Manta" della Guardia Costiera italiana sta sorvolando in questo momento la zona alla ricerca dei dispersi.

Tutto ha avuto inizio nella serata di ieri, quando la Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma ha ricevuto un segnale di allarme cospas-sarsat dal quale si è appreso che un rimorchiatore di bandiera italiana, il Franco P, impegnato nel rimorchio di un pontone nella tratta Ancona-Durazzo, stava affondando a 53 miglia al traverso del porto di Bari, al limite tra le acque di responsabilità SAR italiane e croate.

Immediatamente è stata attivata la macchina dei soccorsi con l'invio di mezzi SAR e messaggi di allerta diretti a tutte le navi presenti in zona allo scopo di farle dirigere sul punto dell'affondamento. Durante le ricerche di questa notte, avvenute anch'esse in presenza di mare molto mosso, la motonave Split di bandiera Croata, accorsa in zona, ha recuperato vivo dal mare il comandante del rimorchiatore.

Al momento il pontone si trova alla deriva con 11 persone a bordo. In suo soccorso sta dirigendo un altro rimorchiatore. Da questa notte, familiari dell'equipaggio del rimorchiatore sono assistiti presso gli Uffici della Direzione Marittima.


Notizia in aggiornamento
  • Guardia Costiera
Altri contenuti a tema
Capitaneria di porto, 318 persone salvate nel 2021 Capitaneria di porto, 318 persone salvate nel 2021 Il bilancio della Stazione satellitare italiana COSPAS-SARSAT
Pescatori di frodo a Monopoli, multa e attrezzature sequestrate Pescatori di frodo a Monopoli, multa e attrezzature sequestrate Avevano equipaggiato la propria barca (una lancia di colore blu) con diverse attrezzature da pesca professionale
Traghetto italiano in fiamme, gli aggiornamenti della Guardia Costiera Traghetto italiano in fiamme, gli aggiornamenti della Guardia Costiera Ci sarebbero ancora 12 passeggeri dispersi. In partenza da Bari una unità disinquinante della flotta Castalia
Pala meccanica abusiva in azione a Monopoli, stop della guardia costiera Pala meccanica abusiva in azione a Monopoli, stop della guardia costiera Tali interventi, quando consentiti, devono essere effettuati con modalità che salvaguardino la schiusa delle uova del fratino
Vasca idromassaggio vista mare in area a vincolo paesaggistico, scatta il sequestro Vasca idromassaggio vista mare in area a vincolo paesaggistico, scatta il sequestro Il proprietario di una villa aveva incaricato una ditta di eseguire i lavori ricadente anche nei trenta metri dal confine con il demanio
Monopoli, emissioni non autorizzate nell'atmosfera: sequestrati tre stabilimenti industriali Monopoli, emissioni non autorizzate nell'atmosfera: sequestrati tre stabilimenti industriali Proseguono le attività del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale
Sequestrato stabilimento industriale a Monopoli: "Emissioni senza autorizzazione" Sequestrato stabilimento industriale a Monopoli: "Emissioni senza autorizzazione" Gli agenti della Guardia Costiera hanno accertato che l'azienda aveva avviato un’attività di gestione di rifiuti speciali in assenza del prescritto titolo autorizzativo.
Disperdeva emissioni prodotte dalla verniciatura dell'alluminio: sequestrato stabilimento industriale Disperdeva emissioni prodotte dalla verniciatura dell'alluminio: sequestrato stabilimento industriale Gli accertamenti eseguiti dal NOP sono partiti a seguito della segnalazione proveniente da 115 operatori sanitari che lamentavano forti miasmi e più in generale problemi ambientali
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.