Casa delle bambine e dei bambini bilancio
Casa delle bambine e dei bambini bilancio
Servizi sociali

10 mila presenze e 20 mila beni raccolti, il bilancio di 18 mesi della Casa delle Bambine e dei Bambini

Bottalico: "Orgogliosa di questi risultati in favore delle famiglie e a sostegno della natalità e dei neogenitori"  

Bilancio positivo per i 18 mesi della Casa delle Bambine e dei Bambini. Il servizio, inaugurato nel febbraio 2017, ha offerto gratuitamente attività e servizi per le bambine e i bambini di età compresa tra i tre mesi e i 5 anni, le loro famiglie e/o adulti di riferimento. E ieri pomeriggio si è svolta la consegna di 4 culle di Eugenia e 4 navette alle famiglie destinatarie del secondo bando dell'Emporio sociale della Casa delle Bambine e dei Bambini. La culla di Eugenia è il dono di benvenuto offerto alle neomamme dalla Banca Popolare di Bari contenente un kit di beni per la primissima infanzia.

«In questi primi diciotto mesi di attività e servizi per la prima infanzia e le famiglie più fragili della nostra città - commenta Francesca Bottalico - abbiamo raggiunto ottimi risultati in termini di partecipazione delle famiglie e delle imprese, piccole e grandi, alle quali va il mio personale ringraziamento. Il mio auspicio è che tutti i sostenitori della Casa delle Bambine e dei Bambini scelgano di continuare a supportare questa realtà, che è stata anche scelta dalla Regione come buona prassi da potenziare sul tema del sostegno alla genitorialità, alle nascite e all'accompagnamento di neogenitori e mamme. Sono orgogliosa di questa esperienza che incide concretamente sulla vita quotidiana di tante famiglie e che aiuta le coppie in attesa e i neogenitori a vivere la genitorialità in modo consapevole; affinché la Casa cresca, però, abbiamo ancora bisogno dell'impegno e della partecipazione di tutta la comunità».

All'interno della Casa delle Bambine e dei Bambini grandi e piccoli possono vivere il proprio tempo libero in modo attivo e autonomo, partecipare a laboratori artistici ed espressivi, iniziative di animazione ed eventi, percorsi di sostegno per neomamme e per la genitorialità e di prevenzione sanitaria con medici specialisti della prima infanzia. Come un'abitazione vera e propria, il centro polifunzionale è diviso in stanze con attività e obiettivi diversi: Emporio e Boutique sociale, stanza del gioco e del riposo "Pluralia", stanza della genitorialità, stanza del benessere e piazza della solidarietà "Agorà".

Nell'anno le presenze totali di adulti e minori nella Casa sono state più di 10.500, con una media di 22 persone al giorno. Gli "ospiti" registrati sono stati 284 bambini/e e 250 adulti. Dall'avvio delle attività ad oggi, con il servizio di Emporio e Boutique, ha sostenuto 133 famiglie con minori di età inferiore ai 5 anni, selezionate mediante avviso, che hanno beneficiato delle donazioni, ricevendo un totale di 613 spese composte di beni alimentari e di prima necessità. Tra loro 20 famiglie hanno ricevuto anche le prime 24 "culle di Eugenia", la culla di cartone realizzata sul modello nordeuropeo contenente un kit per la prima infanzia. Sono state effettuate gratuitamente circa 390 visite di prevenzione odontoiatrica, in collaborazione con l'associazione Sophi, e circa 100 visite specialistiche pneumologiche, fisiatriche, oculistiche, grazie al contributo di medici volontari. 40 genitori sono stati inoltre supportati attraverso le consulenze psicologiche.

Per quanto concerne la composizione del target dei più piccoli, il 49% è rappresentato da bambini/e di età 3-5 anni, il 24% ha meno di 3 anni, il 27% più di 5 anni. Per quanto riguarda le iniziative e attività realizzate, in circa 385 giorni totali di attività (l'apertura giornaliera del servizio è di tre ore, dal martedì al sabato, più una domenica al mese) sono stati organizzati più di 500 tra laboratori ludico-artistico-creativi, letture animate, incontri sui temi dell'infanzia e della prevenzione. La Casa, inoltre, ha partecipato a diversi eventi cittadini, tra cui "La lezione dei maestri", "Festival della cultura e della creatività ed. 2017 - ABI", "Generare culture nonviolente", "Bari Social Right per i diritti dei bambini e delle bambine", "Bari Social Summer", "Bari social Christmas", "Carmina Burana" e "Bolero" al Teatro Team, "Uova in dono Coop Alleanza 3.0", presentando inoltre i propri servizi presso la Casa del Welfare in Fiera e nel corso di un Incontro dei soci della Banca Popolare di Bari all'interno della Fiera del Levante.

Quanto al coinvolgimento della comunità, sono circa 80 le organizzazioni e aziende che hanno sostenuto economicamente il progetto e le associazioni che hanno offerto beni o attività come corsi e laboratori, più di 90 le famiglie e i cittadini. Finora sono stati raccolti più di 20mila beni tra prodotti alimentari, prodotti per l'igiene personale e di prima necessità, arredi, abiti e giochi, oltre a circa 10.000 euro rivenienti da donazioni private che vengono utilizzati per l'approvvigionamento dei beni alimentari e di prima necessità da destinare alle famiglie beneficiarie dell'Emporio. Tra gli enti e le realtà che hanno scelto di supportare i servizi con donazioni e beni, vi è anche l'Amtab che ha deciso di donare, nel mese di luglio, 4.800 biglietti alle famiglie utenti del centro.

Infine sul versante comunicativo, le attività sono state promosse attraverso il sito web cbb.bari.it, l'app per smartphone e la pagina facebook. Il progetto prevede inoltre un'applicazione per smartphone che per permette alle famiglie di "acquistare" beni, scalando i punti dalla propria tessera, anche presso la rete cittadina dei punti vendita aderenti al progetto. È stato inoltre somministrato un questionario per rilevare la soddisfazione delle famiglie rispetto a diversi parametri da cui emerge un livello di soddisfazione variabile tra 8,7 e 9,9 su una scala da 1 a 10.

Per sostenere il progetto è possibile è possibile effettuare donazioni sul conto corrente dedicato alla Casa delle Bambine IBAN IT 55 Q 0542404014 000001025206 o con carta di credito sul sito popolarebari.it. Si può anche donare beni recandosi direttamente presso il centro, strada Modugno Carbonara 110 n. 4/8, dal martedì al sabato dalle 16 alle 19 e la prima domenica del mese dalle 10 alle 13.
  • Welfare
  • casa dei bambini e delle bambine
Altri contenuti a tema
Bari, la Casa dei bambini e delle bambine compie tre anni Bari, la Casa dei bambini e delle bambine compie tre anni Premiati a Palazzo di città i donatori che hanno offerto sostegno al centro comunale
Unità di strada "Care for people", il calendario delle uscite fino al 2 febbraio Unità di strada "Care for people", il calendario delle uscite fino al 2 febbraio Previsti interventi in tutte le zone più sensibili della città, dal centro alla periferia
Contrasto alla marginalità adulta, la giunta comunale di Bari approva gli interventi per il 2020 Contrasto alla marginalità adulta, la giunta comunale di Bari approva gli interventi per il 2020 Fondi per oltre 1 milione Bottalico: «Strategia che prende in considerazione non il bisogno immediato ma la presa in carico collettiva»
Integrazione di Rom, Sinti e Caminanti, Bari riferimento per altre 7 città metropolitane Integrazione di Rom, Sinti e Caminanti, Bari riferimento per altre 7 città metropolitane L'assessore Bottalico: “Riprendiamo un percorso che è iniziato circa due anni fa e non si è mai interrotto”
Bari, il bilancio della attività welfare nel mese di dicembre Bari, il bilancio della attività welfare nel mese di dicembre Mense, docce e assistenza ai bisognosi. Bottalico: «Grazie alla rete siamo gestiamo tutte le situazioni di emergenza»
Cento pacchi di beni alimentari donati ai bisognosi a Natale grazie a "Nutri-Amo" Cento pacchi di beni alimentari donati ai bisognosi a Natale grazie a "Nutri-Amo" Il progetto è promosso dall’associazione Mama Happy - centro servizi famiglie accoglienti e finanziato dall’assessorato al Welfare comunale
Bari, anche nelle giornate di festa assicurati presidi sociali e mense Bari, anche nelle giornate di festa assicurati presidi sociali e mense Il calendario completo delle attività benefiche durante il periodo natalizio
Sport mezzo di inclusione sociale, via ai corsi gratuiti allo Stadio del Nuoto di Bari Sport mezzo di inclusione sociale, via ai corsi gratuiti allo Stadio del Nuoto di Bari Destinatari sono bambini, giovani, adulti con disabilità, precedenza a chi ha un reddito Isee più basso. Come iscriversi
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.