bari pescara. <span>Foto FC Bari 1908</span>
bari pescara. Foto FC Bari 1908
Calcio

Il Bari più forte dell'emergenza. Super Brienza schianta il Pescara

Una punizione del 10 biancorosso regala l'1-0 finale. Grosso batte Zeman

Quando il gioco si fa duro, i fuoriclasse iniziano a fare la differenza. È questo il caso di Franco Brienza, che entra e spacca a metà Bari-Pescara, firmando con una punizione magistrale la vittoria per 1-0 dei biancorossi nel sentito derby dell'Adriatico.

L'allievo Grosso batte il maestro Zeman, portando a casa l'ennesima vittoria interna di una stagione che, almeno al San Nicola, si sta rivelando ricca di soddisfazioni. Una vittoria meritata, che dimostra il grande carattere del Bari, bravo ad uscire alla distanza da un'emergenza difensiva piuttosto grave e mettere alle corde il Pescara, portandosi a quota 23 punti al quarto posto in classifica, a -2 dal Palermo capolista. Un'altra bella iniezione di fiducia in vista della trasferta di Novara, dove una vittoria esterna potrebbe dare ulteriore valore a un inizio di stagione ben al di sopra delle aspettative.

Le Scelte

Bari in grossa emergenza, soprattutto in difesa dove mancano Capradossi (in Under 21), Marrone (infortunato) e Cassani (solo in panchina). Ecco quindi che Grosso vara un 4-3-3 inedito negli interpreti: davanti a Micai, a destra agisce il giovane Anderson, con Fiamozzi dirottato a sinistra e Tonucci-Gyomber a comporre la coppia centrale. Formazione tipo, invece, negli altri reparti: al centro della mediana Petriccione prende il posto del lungodegente Basha, con Busellato e Tello ad agire ai suoi lati. In avanti il tris all'asso è ancora Galano-Cissè-Improta.

Zeman risponde con uno schieramento speculare, in ossequio al suo credo tattico: Zampano, Perrotta, Fornasier e Mazzotta compongono la terza linea, con Palazzi, Carraro e Brugman ad agire in mezzo al campo. In avanti gli attacchi sono condotti da Mancuso, Pettinari e Del Sole; tutti davanti a Fiorillo.

Due Facce

Le due squadre si dividono a metà il dominio della prima frazione. A cominciare meglio è il Pescara, che gioca con la solita difesa altissima di Zeman a mettere pressione sulla rabberciata retroguardia barese, collezionando però solo un paio di conclusioni sballate. All'8' ci prova Carraro (dopo un disimpegno col brivido di Gyomber),poi (19') Brugman, trovando la deviazione del centralone slovacco.

Il Bari, assorbita la pressione della squadra abruzzese, inizia a farsi vivo nella seconda metà di frazione, alzando il pressing su Carraro con Petriccione, Tello e Busellato, che crescono alla distanza. Ma è ancora una volta il carro armato Cissè a condurre le azioni più pericolose per il Bari. Il guineano ci prova prima (30') raccogliendo un pregevolissimo duetto tra Anderson e Galano sull'out di destra, ma sparando di poco a lato del primo palo, e poi al 39' sfondando su Fornasier e chiamando Fiorillo a un intervento complicato sul tiro da posizione defilata sulla destra. Al 44' tocca a Galano farsi pericoloso con una pregevole punizione mancina, che però si perde di poco alta sulla traversa.

Un Lampo di Genio nella Notte

Tutta un'altra musica nella ripresa, con il Bari che entra in campo con maggiore grinta e fin da subito mette alle corde il Pescara. Già al 4' ci prova Galano che va via sulla sinistra a Mazzotta e mette in mezzo un tiro-cross che Fiorillo mette in angolo. Al 20' è ancora il Bari a provarci con un improvviso missile di Petriccione dai 25 metri, ma la sua conclusione è ribattuta in angolo da Fiorillo; al 25' è ancora Cissè che sfonda sul centro sinistra, ma Improta arriva con un attimo di ritardo sul suggerimento del guineano mancando una buona occasione.

Il Pescara soffre tantissimo la pressione indiavolata del Bari e Zeman prova a correre ai ripari: fuori Del Sole, Zampano e Palazzi per far posto a Cappeluzzi, Crescenzi e Valzania. Ma è ancora una volta la contromossa dalla panchina di Grosso a spostare gli equilibri della partita: fuori un Busellato volenteroso per far spazio al genio di Brienza, che infatti si scatena in men che non si dica. Al 33' il 10 biancorosso s'incarica di battere una punizione dai 30 metri che, complice una leggera deviazione in barriera di Valzania inganna Fiorillo e manda il Bari al meritato vantaggio. Nel finale c'è tempo per un timido accenno di reazione da parte del Pescara, che non combina nulla più di due tiri dal limite di Brugman e Crescenzi, ben neutralizzati da Micai. A rovinare la serata del Bari, però, arriva l'uscita di Cissè per un problema muscolare, sostituito da Nenè. C'è spazio anche per un piccolo cammeo di Floro Flores (entrato per Improta), che si rende pericoloso al 43' con un tiro da posizione defilata sulla destra, senza esito. Dopo 6' di recupero è festa per il Bari: sette successi su otto partite in casa per un ruolino interno da far tremare ogni avversaria.
  • FC Bari 1908
  • pescara calcio
Altri contenuti a tema
Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Saranno utilizzati per buoni spesa e libri. Decaro: «Tutti i contributi ricevuti durante l'emergenza sono simboli di speranza»
Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Nella prima parte dell'iniziativa andate a ruba circa mille pezzi, quattro le librerie aderenti. Ecco dove e come acquistarle
Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» La società di Giancaspro contestava il mancato rilascio della licenza nazionale e la non iscrizione alla Serie B 2018/2019
Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma L'ex patron biancorosso, attualmente detenuto, chiede il riesame delle carte e l'iscrizione al prossimo campionato di B
FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro Per l'ex presidente, ancora ai domiciliari, si prefigura anche il reato di bancarotta fraudolenta
Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Una città intera è ripartita dalla Serie D sotto la guida dei De Laurentiis cancellando la delusione del 16 luglio
Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Conclusa l'inchiesta, la Procura di Bari chiede l'archiviazione del caso
FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria Il Consiglio direttivo del Comitato regionale Puglia Lega Nazionale Dilettanti boccia la vecchia società per i troppi debiti
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.