un ulivo malato
un ulivo malato
Territorio

Xylella, ricercatori di Bari progettano una macchina per distruggere le uova dell'insetto

Il progetto è stato condotto dall'equipe del professor Porcelli in collaborazione con un laboratorio di Conversano

Un macchinario che, grazie all'emissione di un getto di vapore, sarebbe capace di eliminare dal terreno le uova di sputacchina, l'insetto vettore del batterio Xylella che provoca la morte degli ulivi. Il progetto di ricerca è stato ideato dall'Università di Bari e dall'istituto di ricerca privato Dyrecta Lab di Conversano, ed è stato presentato questa mattina in conferenza stampa dal gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, dal prof.Alessandro Massaro dell'Università di Bari che fa parte dell'equipe di ricerca coordinata dal professor Francesco Porcelli, docente di Entomologia del dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti (DiSSPA), e da Angelo Maurizio Galiano, amministratore di Dyrecta Lab.

Il costo del macchinario oscillerebbe fra 50 a 100mila euro. Lo studio dell'Università di Bari pubblicato sulla rivista Nature, riporta il risultato di sperimentazioni sul campo condotte in agro di Conversano negli ultimi due anni e giunge alla conclusione che per ogni ciclo dei tre anni di intervento presi a campione, si otterrebbe una diminuzione del vettore pari all'80 percento per anno. Se trasferita nella zona di contenimento oggi individuata tra nord brindisino e sud barese, l'avanzamento della Xylella verrebbe arginato e delimitato, con l'abbattimento del 99 percento dei vettori utilizzabili dal patogeno per raggiungere le 150 specie vegetali nei quali prolifera, distruggendole.

  • Università
  • Xylella
Altri contenuti a tema
“Cibo in Salute”: Filomena Corbo curerà il coordinamento “Cibo in Salute”: Filomena Corbo curerà il coordinamento Un Centro UniBa che “contamina” i saperi
Terza edizione dei "Premi di laurea Granoro": premiati 10 laureati dell'Università di Bari Terza edizione dei "Premi di laurea Granoro": premiati 10 laureati dell'Università di Bari Le Borse di Studio, istituite nel 2015 grazie al contributo dell’azienda Granoro, confermano in un momento di grande difficoltà per il mondo della formazione la sinergia necessaria tra Università e Impresa con l’intento di sostenere la cultura
Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" Xyella, Coldiretti Puglia: "Dodici nuovi ulivi infetti in provincia di Bari" L'associazione: "Monitoraggi col contagocce, solo 15 squadre impegnate rispetto alle 90 dell'anno scorso"
Una dottoranda di Bari vince il premio "Migliore Tesi di Dottorato in Chimica Inorganica" Una dottoranda di Bari vince il premio "Migliore Tesi di Dottorato in Chimica Inorganica" Alessandra Barbanente riceverà il premio virtualmente in occasione del XXVII Congresso Nazionale della Società Chimica Italiana
Lotta all'antibiotico-resistenza, una soluzione da una ricerca dell'Università di Bari? Lotta all'antibiotico-resistenza, una soluzione da una ricerca dell'Università di Bari? I primi risultati rappresentano l'apertura di un filone di ricerca molto promettente e dai risvolti estremamente importanti
Bari, legionella a Giurisprudenza. Chiuso palazzo Del Prete Bari, legionella a Giurisprudenza. Chiuso palazzo Del Prete Uniba comunica in una nota che verrà riaperto all'esito degli accertamenti
Bari, la richiesta degli universitari: "Vaccini ai fuorisede" Bari, la richiesta degli universitari: "Vaccini ai fuorisede" "Sia predisposta un’organizzazione logistica per permettere agli studenti iscritti presso un’Università pugliese, di vaccinarsi nella città di domicilio universitario”
Bari, se ne va ad 88 anni il professor Riccardo Giorgino Bari, se ne va ad 88 anni il professor Riccardo Giorgino "Il mondo scientifico perde una delle personalità più rappresentative che ha contrassegnato la storia della sanità pugliese e del Policlinico"
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.