universita
universita
Attualità

“Vietata attività associativa e divulgativa dei diritti degli uomini nelle bacheche delle università. Paura negli studenti”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo rettifica

Riceviamo e volentieri pubblichiamo integralmente da parte dell'avvocato Rita Ronchi per conto dell'associazione LUVV (Lega Uomini Vittime di Violenza) ha chiesto che venga pubblicato un testo di rettifica sulla vicenda dei volantini diffusi dall'associazione nell'Università di Bari. La pubblichiamo di seguito.

Prende una piega del tutto inaspettata la vicenda di cui ci siamo occupati dal 20 novembre 2023 ad oggi avvenuta presso l'Ateneo di Bari. Il famoso volantino dei diritti sugli uomini che tanto ha dettato inutile scalpore deriva da una serie di attività associative avvenute nell'ambito della celebrazione della giornata nazionale dei diritti degli Uomini che, ancorché non riconosciuta dalle Nazioni Unite, ha una certa importanza e merita di essere ricordata a fronte delle disparità e disuguaglianze che in molti settori vedono svantaggiati proprio gli uomini. Giunge quindi la smentita da parte dell'associazione Lega Uomini Vittime di Violenza con sede a Roma e del Suo Presidente Rita Fadda.

L'associazione precisa che nulla di quello che è stato dichiarato in seno a questa vicenda risulta vero e che anzi vi sarebbero prove e documenti che dimostrano come non sia per nulla vero che gli attivisti e sostenitori abbiano in alcun modo aggredito nessuno. Ed anzi risulta l'esatto contrario. Il Presidente Rita Fadda intende infatti precisare "dispiace notare come in questo Paese essere uomo e chiedere di avere pari diritti, in ogni versante della vita, dalla genitorialità, al lavoro, alla salute appaia come un danno alle donne. La narrazione che l'attuazione di un diritto passi per la privazione di un altro dei medesimi diritti è la base dello scontro sociale ed è un assioma falso quanto indimostrabile.

Nella giornata del 19 Novembre abbiamo svolto un webinar con diverse associazioni nel quale abbiamo affrontato diversi aspetti dei diritti negati agli uomini. E' emerso un quadro desolante di deprivazione e, a ben vedere, il linciaggio mediatico aprioristico che in questi giorni ha travolto dei nostri simpatizzanti nel loro luogo di formazione e di libera manifestazione dell'essere, ne è un chiaro esempio".

Ma cosa evidenziava il volantino da essere ritenuto meritevole di essere strappato dalle mani e ridotto in pezzi? Assolutamente nulla. Si chiedono infatti centri antiviolenza per uomini vittime di violenza, si parla di paternità voluta o non voluta, di congedi parentali, si chiede maggiore attenzione per la salute degli uomini e prevenzione per le malattie maschili.

L'associazione informa che proprio la gogna mediatica e il processo ad personam e le gravissime minacce reperite sui social a cui sono stati esposti ingiustamente gli studenti ha travalicato il limite di tollerabilità con espresse minacce alla loro incolumità fisica da parte di altri studenti. Altro che macisti e maschilisti, qui siamo di fronte a giovani ragazzi e studenti che dovrebbero essere liberi di esprimersi e di richiedere diritti per il benessere proprio e della società e che invece sono stati aggrediti e tacitati con la peggiore campagna denigratoria ed oscurantista degli ultimi anni.

L'associazione Lega Uomini Vittime di Violenza informa che proseguirà con orgoglio nelle proprie attività ed anzi ha tratto da questa gravissima esperienza ancora più vigore nelle proprie battaglie a favore dei minori, degli uomini, dei padri, dei separati ed invita l'Ateneo di Bari a fare un confronto aperto su temi così importanti come la violenza in quanto non è stata compresa la portata sociale e le ricadute negative che la tolleranza quotidiana alla violenza agli uomini, in ogni aspetto di vita, sta comportando all'intero Sistema Paese. Precisa inoltre che tutelerà il diritto allo studio dei propri simpatizzanti ritenendo gravemente pregiudizievoli le dichiarazioni mosse contro la loro serenità e libertà di studio".
  • Università
Altri contenuti a tema
Domani e dopodomani aperta la sala studio del Palazzo ex Enel a Bari Domani e dopodomani aperta la sala studio del Palazzo ex Enel a Bari Ascoltata la richiesta dell'associazione studentesca "Link"
Accordi dell'Università di Bari con Israele: la protesta di "Cambiare rotta" Accordi dell'Università di Bari con Israele: la protesta di "Cambiare rotta" Lo scopo è chiedere al Rettore di mettere in discussione alcune collaborazioni, tra cui quella con la Marina Militare
Università di Bari, al Piccinni inaugurazione dell'anno accademico Università di Bari, al Piccinni inaugurazione dell'anno accademico Presente il botanico e saggista Stefano Mancuso. Il rettore annuncia: "il congelamento di collaborazioni con Paesi, Fondazioni e aziende che non rispettano i diritti civili e le libertà"
Uniba riapre l'ex Biblioteca Nazionale, ma per ora è solo sala lettura Uniba riapre l'ex Biblioteca Nazionale, ma per ora è solo sala lettura Necessario il tempo tecnico per spostare i volumi e catalogarli, non ci sono date certe al momento
Uniba compie 100 anni nel 2025, iniziati i festeggiamenti a Bari Uniba compie 100 anni nel 2025, iniziati i festeggiamenti a Bari Si è partiti riaprendo il cancello su piazza Umberto e l'ex Biblioteca Nazionale chiusa da 20 anni
Università di Bari, parte la clinica legale “Il diritto per strada" Università di Bari, parte la clinica legale “Il diritto per strada" Il Dipartimento di Giurisprudenza ha aperto la selezione degli studenti per la quinta edizione del progetto
Università in Puglia: lo sviluppo sociale è tra gli obiettivi degli atenei Università in Puglia: lo sviluppo sociale è tra gli obiettivi degli atenei Fondamentale il ruolo dell'orientamento per guidare gli studenti
“Non sto zitta!”, una lezione in rosso all’Università di Bari “Non sto zitta!”, una lezione in rosso all’Università di Bari Un incontro per imparare a riconoscere la violenza di genere nel dipartimento di Giurisprudenza
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.