Antonella
Antonella
Attualità

Volantini sui "diritti che gli uomini non hanno", ragazza li toglie e viene aggredita - INTERVISTA

La vittima non ha sporto denuncia: "L'attacco a me non è un attacco personale, ma è un attacco di natura politica"

Dopo il delitto di Giulia Cecchettin, si è levata potente la voce della società civile contro i femminicidi e la violenza sulle donne. Ma, oltre a questa voce, ne circolano altre, come testimoniano alcuni volantini comparsi all'università di Bari per una fantomatica "Giornata internazionale dell'Uomo" su "I diritti che gli uomini non hanno".

Tra tali diritti compaiono ad esempio quello a "rinunciare alla paternità e al mantenimento, nello stesso momento in cui alla donna è permesso ricorrere all'aborto" o la richiesta di "superare il criterio della maternal preference in materia di affidamento dei figli".

Volantini ritenuti fuori luogo nel contesto in cui sono comparsi e contro i quali una studentessa, Antonella, si è opposta, provando a toglierli. Peccato che nel momento in cui lo abbia fatto si stata aggredita da chi li stava affiggendo. Abbiamo parlato con lei e ci ha raccontato come sono andate le cose.

Antonella, lei è stata aggredita mentre cercava di togliere questi volantini, può raccontarci come è andata?

È successo questo, ovvero dopo aver strappato il volantino dalla bacheca a cui era stato affisso, senza autorizzazione alcuna, il "capo" di questo gruppetto mi ha prima intimato di ridargli il foglio a suon di "altrimenti", ed una volta che da me ha ricevuto un No, ha deciso di strapparmelo di mano con violenza, torcendomi il polso e provocandomi anche un livido sull'avambraccio.

Ma lei conosceva queste persone? Sa chi sono e se appartengono a qualche associazione studentesca?

Diciamo che si sa chi sono anche se non appartengono a nessuna organizzazione pubblica, almeno da quello che so. Operano prevalentemente su WhatsApp con "Gruppi di discussione".

Nel momento in cui è stata aggredita, qualcuno è venuto in suo soccorso?

Sì assolutamente, non solo tutti gli studenti presenti in quel momento, ma anche i professori.

Lei ha deciso di non denunciare l'aggressione subita, per quale motivo?

Non ho denunciato perché ritengo non sia stato un attacco a me a livello personale, ma credo sia un attacco di natura politica. Deve essere l'istituzione universitaria a muoversi nelle maniere più adeguate.
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Lite tra ragazzi al Liceo Fermi, uno finisce in ospedale Lite tra ragazzi al Liceo Fermi, uno finisce in ospedale Nelle prime ore di oggi si era parlato di aggressione, ma dalla scuola ridimensionano l'accaduto
Oggi uno "sportello rosa" negli URP delle sedi Inps della Regione Puglia Oggi uno "sportello rosa" negli URP delle sedi Inps della Regione Puglia Simbolicamente è stata esposta  la locandina "Posto occupato", sedia idealmente destinata a una  delle numerose vittime di violenza
Violenza contro le donne, flash mob al Redentore Violenza contro le donne, flash mob al Redentore L'evento è stato organizzato dal centro servizi per le famiglie Libertà, sotto la direzione artistica di Raffaele Diomede
1 Halloween di follia a Bari, turista pestato in piazza del Ferrarese Halloween di follia a Bari, turista pestato in piazza del Ferrarese Il video è stato condiviso da Luigi Cipriani e ha fatto rapidamente il giro dei social
Aggressione omofoba nel centro di Bari, colpi di pietra contro tre ragazzi Aggressione omofoba nel centro di Bari, colpi di pietra contro tre ragazzi La denuncia delle vittime affidata alle pagine del Bari pride: «Nessuno è intervenuto»
Pronto intervento minori, in un anno a Bari 13 segnalazioni per violenza sessuale Pronto intervento minori, in un anno a Bari 13 segnalazioni per violenza sessuale Aumentano tutti i tipi di crimini e delitti che coinvolgono bambini e ragazzini
Aggressione avvocato a Casamassima, la condanna dell'ordine Aggressione avvocato a Casamassima, la condanna dell'ordine "La categoria va valorizzata e salvaguardata da qualsiasi genere di episodio intimidatorio e di violenza”
Spara alla compagna e si uccide, choc in provincia di Bari Spara alla compagna e si uccide, choc in provincia di Bari La donna è ricoverata in codice rosso al Miulli
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.