universita di bari
universita di bari
Scuola e Lavoro

Università di Bari, l'Anvur premia i dipartimenti di Fisica e Scienze del suolo. In arrivo 16 milioni

Il riconoscimento è stato attribuito per qualità della ricerca e nella progettualità scientifica e didattica

Il Dipartimento Interateneo di Fisica e il Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti (Di.S.S.P.A.) tra i 180 dipartimenti di eccellenza premiati dall'Anvur, Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, per qualità della ricerca e nella progettualità scientifica e didattica riceveranno un finanziamento complessivo di circa 16 milioni di euro nel quinquennio 2023-2027 per realizzare il proprio progetto di sviluppo scientifico e didattico.

Il progetto "Quantum Sensing and Modeling for One-Health" (QuaSiModO) del Dipartimento interuniversitario di Fisica (DIF), con un budget complessivo di 15milioni di euro complessivi tra finanziamento Progetto di eccellenza (8milioni di euro) e cofinanziamento (7milioni di euro), intende sviluppare le attività di ricerca e di didattica nel settore delle tecnologie quantistiche applicate alla salute e all'ambiente, ambiti della massima importanza e strategicità non solo scientifica ma anche economico-sociale. Infatti, grazie al progetto il DIF punta:

- a diventare un centro riconosciuto a livello nazionale e internazionale negli ambiti della ricerca, formazione e trasferimento tecnologico;
- a far fronte alla pressante richiesta del mercato del lavoro nazionale e internazionale, di figure specializzate in ambito deep tech;

- a fungere da hub scientifico e tecnologico per le imprese nazionali e internazionali che operano nei settori della salute e dell'ambiente, proponendo servizi e prodotti ad alto contenuto tecnologico, anche basati sulle tecnologie quantistiche.

Gli obiettivi del progetto riguardano lo sviluppo di nuovi sensori e modelli computazionali basati sulla fisica quantistica e la loro sperimentazione in specifici ambiti applicativi nel settore della salute e dell'ambiente (One Health).
Per quanto riguarda l'attività di ricerca, QuaSiModO si articolerà in tre work package tra loro interconnessi:
lo sviluppo di sensori innovativi la diagnostica medica; lo sviluppo di sensori innovativi per l'ambiente; lo sviluppo di modelli di sistemi di calcolo ad alte prestazioni e calcolo quantistico per la salute e l'ambiente. Inoltre, si punta ad ampliare e rafforzare le collaborazioni scientifiche internazionali in questi specifici ambiti, con un particolare focus sulla didattica di alta qualificazione, attraverso l'internazionalizzazione del corso di laurea in Physics e l'introduzione del nuovo corso di laurea magistrale in Complexity and Decision Science, oltre alle attività già programmate del Master di primo livello sulle tecnologie quantistiche (interamente finanziato da stakeholder esterni) e laurea triennale in Ingegneria Fisica. I finanziamenti del progetto verranno utilizzati per creare nuovi laboratori di ricerca e didattica, per assumere nuovi ricercatori, anche con chiamate dirette dall'estero.

La fattibilità del progetto del Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti (Di.S.S.P.A.) è assicurata oltre che dal finanziamento del Progetto di eccellenza (7,325M€) anche da un forte cofinanziamento dell'Università di Bari (ca. 13M€).

Il Progetto di Eccellenza (PE) attuerà reclutamento, infrastrutture, premialità e didattica di elevata qualificazione per produrre nuova conoscenza nei settori agro-alimentare, ambientale e forestale con particolare attenzione alle aree marginali. A tale scopo è prevista una riorganizzazione del Dipartimento DiSSPA in 3 aree: Risorse naturali e servizi ecosistemici; Agricoltura sostenibile; Scienze alimentari e food design. In sinergia con altre progettualità del DiSSPA, il PE contribuirà alla realizzazione dei seguenti obiettivi: 1)salvaguardia, valorizzazione e ottimizzazione delle risorse naturali e della biodiversità; 2) miglioramento della produttività e sostenibilità delle produzioni animali e vegetali e studio di nuove fonti alimentari; 3) definizione di nuovi processi e innovazione hi-tech in agricoltura anche promuovendo strategie di economia circolare; 4) sviluppo di tecnologie abilitanti dell'industria alimentare 4.0, con attenzione alla food security e food safety.

Il PE consentirà di aumentare la qualità della produzione scientifica, mediante la realizzazione di piattaforme strumentali innovative, incremento del networking, della multidisciplinarietà e della cooperazione migliorando la collocazione internazionale del DiSSPA. Il reclutamento rafforzerà i settori più deboli, colmerà i settori assenti ma strategici e consoliderà i settori trainanti del DiSSPA. Gli investimenti nelle infrastrutture consentiranno di razionalizzare gli spazi disponibili nel DiSSPA, adeguare e ammodernare i laboratori attualmente in uso, implementare la dotazione strumentale divenendo uno dei centri di ricerca e didattica di riferimento per il Sud Italia. Una quota pari al 2,53% del finanziamento del PE sarà destinata alle premialità dei soggetti attuatori del progetto e per incentivare la ricerca di alta qualità. Gli obiettivi didattici riguarderanno il finanziamento di borse di studio per studenti dei Corso di Laurea Magistrale, PhD e per supporto all'internazionalizzazione.

La realizzazione del PE sarà garantita da un Consiglio Direttivo per il governo e da un Comitato Valutazione per il monitoraggio delle attività.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Università di Bari, il corso in Medicina veterinaria accreditato in sede europea Università di Bari, il corso in Medicina veterinaria accreditato in sede europea Il prestigioso riconoscimento internazionale arriva dopo una settimana di sopralluoghi e audizioni
Università di Bari, al via la nuova edizione del master sulla prevenzione del terrorismo Università di Bari, al via la nuova edizione del master sulla prevenzione del terrorismo Si tratterà di politiche per l'integrazione interreligiosa e interculturale e per la deradicalizzazione
"Non sono io quella sedia", all'Università di Bari la mostra sul tema della povertà "Non sono io quella sedia", all'Università di Bari la mostra sul tema della povertà Un'esposizione fotografica a cura del centro polifunzionale comunale “Area 51”
Corridoi universitari, arrivati i primi 51 studenti rifugiati. Studieranno anche a Bari Corridoi universitari, arrivati i primi 51 studenti rifugiati. Studieranno anche a Bari Sono destinatari di borse di studio grazie alla quinta edizione del progetto UNICORE – University Corridors for Refugees
Università di Bari, dottorato honoris causa in studi di genere a Judith Butler Università di Bari, dottorato honoris causa in studi di genere a Judith Butler La filosofa americana è la fondatrice della disciplina. La cerimonia il 16 ottobre
"Bari città per le donne", all'Università l'evento di presentazione "Bari città per le donne", all'Università l'evento di presentazione Appuntamento mercoledì 11 ottobre nell'Aula Balab del Centro Polifunzionale Studenti
Università di Bari, firmato accordo con Beijing Union University per un nuovo corso di laurea Università di Bari, firmato accordo con Beijing Union University per un nuovo corso di laurea L'intesa internazionale tra i due atenei punta a formare laureati esperti nel campo delle Biotecnologie
Università di Bari, accolti i primi 300 studenti stranieri in Erasmus Università di Bari, accolti i primi 300 studenti stranieri in Erasmus Saranno in totale oltre 450 quelli che quest'anno frequenteranno il nostro ateneo
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.