laboratorio di ricerca
laboratorio di ricerca
Scuola e Lavoro

Un protocollo per identificare la leucemia acuta mieloide, la scoperta dei ricercatori di Bari

All'equipe di lavoro del professor Francesco Albano è dedicata la copertina della rivista scientifica internazionale Genes

Elezioni Regionali 2020
I ricercatori dell'Università di Bari sviluppano un nuovo protocollo per identificare i geni alterati nella leucemia acuta mieloide. La copertina del numero di dicembre 2019 della rivista scientifica internazionale "Genes" è dedicata al lavoro prodotto dal gruppo di ricerca del laboratorio di ricerca per le Scienze ematologiche dell'Uoc di Ematologia con trapianto (dipartimento dell'Emergenza e dei trapianti di organi) diretto dal professor Francesco Albano.

Il sequenziamento degli acidi nucleici con tecnologie di ultima generazione (detta anche "seconda generazione") è diventato uno strumento importante per molti ambiti, dal miglioramento della conoscenza dei meccanismi che regolano la funzione del DNA fino alla possibilità di individuare anomalie geniche associate ai tumori. Il lavoro pubblicato dal gruppo di ricerca del professor Albano ha utilizzato la più innovativa tra le tecniche di sequenziamento ("terza generazione") nell'ambito delle leucemie acute mieloidi (LAM).

I risultati hanno dimostrato che l'applicazione di questa tecnologia, mediante lo sviluppo di uno specifico protocollo di lavoro, risulta essere più sensibile, economica e vantaggiosa in termini di rapidità della produzione dei risultati rispetto a quella che oggi viene utilizzata nei centri più all'avanguardia nella diagnosi di questo tipo di leucemia. La realizzazione del progetto di ricerca è stata possibile grazie al generoso supporto dell'Associazione italiana contro le leucemie, mieloma e linfoma – sezione di Bari (AIL-Bari).

Oggi la possibilità di avere informazioni sullo stato di alcuni geni nel paziente affetto da Lam rappresenta un elemento importantissimo per la definizione della prognosi e, soprattutto, del programma terapeutico. La diffusione della tecnologia di sequenziamento di "seconda generazione" è però ancora limitata soprattutto a causa dei costi. La tecnologia di sequenziamento di "terza generazione", come dimostrato dal gruppo di ricerca barese, può rappresentare una soluzione economicamente più sostenibile e vantaggiosa sotto molti aspetti tecnici. La ricerca dunque ha portato dalla sua parte un potente alleato contro la lotta alle leucemie.

Il professor Albano e i membri del suo gruppo, insieme ad altre realtà del territorio pugliese, hanno recentemente costituito una spin off accreditata dall'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari che si chiama "GenomiBA" e che ha tra i suoi obiettivi quello di realizzare strumenti innovativi per la diagnostica in medicina.
  • Università
  • uniba
Altri contenuti a tema
Nuovi anticorpi per la terapia del Covid, ecco lo studio tutto barese Nuovi anticorpi per la terapia del Covid, ecco lo studio tutto barese È stato presentato da un team dell'Università di Bari e potrebbe essere una svolta nella cura della malattia
Post Covid, Uniba riparte consegnando diplomi ai laureati. Da settembre esami in presenza Post Covid, Uniba riparte consegnando diplomi ai laureati. Da settembre esami in presenza Il rettore Bronzini: «Appuntamento importante, prima tappa verso il riappropriarsi dei nostri spazi e riabitarli»
Università di Bari, domani partono le lauree in presenza. Ma gli studenti protestano ancora Università di Bari, domani partono le lauree in presenza. Ma gli studenti protestano ancora Sono 23 i candidati del dipartimento ForPsiCom che discuteranno il loro elaborato. I manifestanti chiedono riapertura delle aulette
Arriva a Bari Bi.Do.Ba. la biblioteca di genere aperta anche ai più piccoli Arriva a Bari Bi.Do.Ba. la biblioteca di genere aperta anche ai più piccoli Un luogo nel pieno del quartiere Libertà in cui ci saranno condivisione, formazione e incontri, Bottalico: «Lettura come arma contro l'emarginazione»
Mascherine, 5 ospiti per laureando e accesso con pass, ecco le lauree post Covid a Bari Mascherine, 5 ospiti per laureando e accesso con pass, ecco le lauree post Covid a Bari Presentato questa mattina il protocollo che porterà alle sedute in presenza, Bronzini: «È solo l’inizio di un percorso»
Università di Bari, "Nature Geoscience" pubblica la ricerca sulle eruzioni vulcaniche sottomarine Università di Bari, "Nature Geoscience" pubblica la ricerca sulle eruzioni vulcaniche sottomarine Lo studio del professor Pierfrancesco Dellino e della dottoressa Daniela Mele trova spazio sulla prestigiosa rivista di settore
Covid-19, l'hashtag "Io resto in corsia" del Policlinico di Bari diventa un libro Covid-19, l'hashtag "Io resto in corsia" del Policlinico di Bari diventa un libro Il volume fotografico è stato presentato in ateneo. Ad accompagnare le immagini sono le parole degli operatori sanitari
Dopo le proteste ascoltati gli studenti, a Bari riaprono le aule studio Dopo le proteste ascoltati gli studenti, a Bari riaprono le aule studio L'approvazione della proposta prevista per domani. Capienza ridotta di 1/3, si dovrebbe ripartire a luglio
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.