Una discarica
Una discarica
Cronaca

Trovate 20mila tonnellate di rifiuti di troppo, sequestro alla Recuperi Pugliesi a Bari

La misura cautelare è scaturita a seguito di indagini tese a reprimere fenomeni di illecita gestione dell'immondizia

È continua l'azione di controllo dei carabinieri del comando per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica per contrastare il fenomeno delle violazioni in materia ambientale presso i principali stabilimenti industriali operanti nella provincia di Bari.

A Modugno, nell'ambito di una mirata attività d'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica, i carabinieri del N.O.E. di Bari hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo nei confronti della società Recuperi Pugliesi s.r.l., azienda che si occupa del recupero rifiuti pericolosi e non pericolosi. La misura cautelare è scaturita a seguito di indagini tese a reprimere fenomeni di illecita gestione dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata dei comuni dell'area metropolitana barese e dello stesso capoluogo.

Nel corso delle attività ispettive condotte dal N.O.E. di Bari, su delega della locale Procura, a partire dal mese di febbraio 2021, è emerso che l'azienda, che si estende su una superficie di circa 46 mila mq e che occupa circa 160 maestranze, a fronte di un limite di stoccaggio pari a circa 6 mila tonnellate di rifiuti, aveva realizzato un deposito di rifiuti, disseminati lungo l'intera area aziendale pari a circa 26 mila tonnellate, costituiti essenzialmente da sovvalli provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.

Il provvedimento cautelare si è reso necessario, come evidenziato dai carabinieri nel verbale di ispezione dei luoghi e ripreso dal GIP nel contesto del decreto di sequestro preventivo, in quanto "in caso di eventuale incendio, la combustione di una tale mole di rifiuti sprigionerebbe nell'aria una quantità di diossina tale da mettere in serio pericolo la popolazione dell'intero circondario e non solo".

Gestione illecita di rifiuti, deposito incontrollato e inosservanza delle prescrizioni previste dall'atto autorizzativo sono i reati contestati al legale rappresentante della società.
  • Sequestro
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
Sequestro armi ad Andria, locale in uso al Gip di Bari De Benedictis Sequestro armi ad Andria, locale in uso al Gip di Bari De Benedictis Lo ha dichiarato il proprietario, arrestato in flagranza dopo il ritrovamento dell'arsenale
B&B abusivo e strutture in area a vincolo paesaggistico, quattro indagati in provincia di Bari B&B abusivo e strutture in area a vincolo paesaggistico, quattro indagati in provincia di Bari Il sequestro sul litorale a sud di Bari, e più precisamente in località "Pietra Egea" del Comune di Polignano a Mare, di un terreno di circa 13.000 metri quadri
Rifiuti nelle campagne in Puglia, ecomafie in prima linea Rifiuti nelle campagne in Puglia, ecomafie in prima linea Lo smaltimento illegale dei rifiuti è diventata una delle principali attività e in Puglia fa registrare il 28,7% delle infrazioni accertate
Alla guida senza patente di una ApeCar trasportava rifiuti a Bari, denunciato Alla guida senza patente di una ApeCar trasportava rifiuti a Bari, denunciato L'uomo quasi sicuramente avrebbe abbandonato gli scarti ferrosi nelle campagne circostanti la Lama Balice
Rifiuti indifferenziati, prorogato l'orario di conferimento per aprile Rifiuti indifferenziati, prorogato l'orario di conferimento per aprile La decisione presa per andare incontro alle attività costrette a chiudere alle 18
Fatture false, la guardia di finanza sequestra 2,2 milioni di euro ad una S.p.A. di Bari Fatture false, la guardia di finanza sequestra 2,2 milioni di euro ad una S.p.A. di Bari Il decreto è l’epilogo della complessa attività investigativa effettuata dal I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria
Bari, bruciano rifiuti speciali in un terreno: due denunce e area sequestrata Bari, bruciano rifiuti speciali in un terreno: due denunce e area sequestrata Un 50enne e un 27enne, rispettivamente titolare e dipendente di un'impresa, dovranno rispondere di deposito incontrollato di rifiuti speciali ed illecita combustione dei rifiuti
Bari, imprenditore non versa al fisco 270mila euro: scatta il sequestro beni Bari, imprenditore non versa al fisco 270mila euro: scatta il sequestro beni L'uomo, attivo nel settore dei giochi, è stato condannato a 3 anni e 4 mesi di reclusione
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.