Pane e pomodoro
Pane e pomodoro
Territorio

Torna la normalità a Pane e Pomodoro. Decaro: «Efe Murat? Ho avuto paura»

Prima giornata senza il relitto della nave sulla spiaggia cittadina. Il sindaco: «Evitato danno ambientale ammortizzabile in 10 anni»

Straordinariamente ordinaria: la spiaggia cittadina di Pane e Pomodoro si presenta stamattina né più né meno che con il suo aspetto tradizionale, e questa è già una notizia. Sì, perché della Efe Murat, il mercantile turco arenatosi il 23 febbraio a Bari, a pochi metri dal bagnasciuga, non c'è più traccia visibile, e quella di oggi è la prima mattinata in cui da Pane e Pomodoro si può scorgere l'orizzonte senza ostacoli per la vista. Le operazioni di trasferimento del relitto nel porto di Bari sono state completate intorno alle 12 di ieri, approfittando dell'alta marea, dai rimorchiatori greci, dalla società olandese incaricata dall'armatore e dalle autorità portuali, che con il loro lavoro hanno restituito alla città la visuale che ha sempre ammirato dello specchio di mare a cui i baresi veraci sono più affezionati.

Restano solo le transenne della Polizia locale a ricordarci che lì, appoggiato sulla barriera frangiflutti, per due settimane c'è stato quello scafo, che negli animi dei baresi ha dosato paura e curiosità in parti eguali. Già, perché se un buon 50% della popolazione di Bari e provincia sfogliando la galleria del proprio smartphone può agilmente ritrovare un selfie con la nave turca sullo sfondo, è altrettanto vero che il rischio di sversamento di liquidi pericolosi in mare c'era, ed era anche parecchio alto con ben 8 falle aperte nella carena, così come quello di un possibile "effetto Concordia".

Chi di sicuro ha tirato un bel sospiro di sollievo è stato il sindaco Decaro, che si è trovato a disinnescare una potenziale bomba ambientale proprio nell'ultimo periodo del suo (primo?) mandato. «Sono stato preoccupato seriamente, per qualche notte non ho dormito - dice il primo cittadino. In questi giorni ho usato dei toni pacati e misurati, propri di chi ha l'onore di guidare una comunità, ma abbiamo avuto paura di una catastrofe ambientale che avremmo risolto forse fra 10 anni», confessa il sindaco.

Una risoluzione lampo, quella del caso Efe Murat. Quando tutti si aspettavano l'inizio degli interventi nella giornata di oggi (12 marzo), un'improvvisa azione nel pomeriggio di domenica scorsa ha dato il via alle procedure di rimozione, condotte in porto (è proprio il caso di dirlo) con grande rapidità. «Per fortuna la nave è stata bonificata dal punto di vista ambientale - prosegue Decaro - rimuovendo gasolio, vernici e acqua emulsionata con olio appena il mare si è calmato. Sono stati bravi nelle operazioni di recupero gli operatori arrivati dall'Olanda che, in collaborazione con Capitaneria di porto e Guardia costiera, sono riusciti a disincagliare la nave in pochissimo tempo, approfittando del picco di alta marea all'alba».

Insomma, qualcuno al relitto della nave magari ci si era anche un po' "affezionato", qualche altro l'aveva iniziato a considerare parte del paesaggio, ma tutto sommato meglio riguardarlo sullo schermo del cellulare o nelle foto di giornali e social network che "in presenza". «Possiamo parlare di un'operazione condotta con grande professionalità; quella nave arenata davanti alla spiaggia di Pane e Pomodoro resterà solo un ricordo curioso per noi baresi nei prossimi anni», conclude Decaro.
  • Antonio Decaro
  • Pane e Pomodoro
  • Nave arenata
Altri contenuti a tema
A Bari il cantante Odino Faccia, candidato al premio Nobel per la pace A Bari il cantante Odino Faccia, candidato al premio Nobel per la pace Fino al 29 febbraio in Puglia sarà interessata eventi all'insegna della pace nelle sedi istituzionali e nelle scuole. Si chiude con il concerto al TeatroTeam
Coronavirus, Decaro richiama i sindaci: «No ad iniziative autonome e non concordate» Coronavirus, Decaro richiama i sindaci: «No ad iniziative autonome e non concordate» Dello stesso tenore un comunicato del ministro Speranza: «Indispensabile che ci sia un solo centro di coordinamento per la gestione dell’emergenza»
Carnevale di Putignano, il "gran cornuto" 2020 è Uccio De Santis Carnevale di Putignano, il "gran cornuto" 2020 è Uccio De Santis Il famoso comico, vittima il 31 dicembre di un brutto incidente, ha raccolto il testimone dal sindaco metropolitano Decaro
Calo degli affari e diffidenza per il Corona Virus, il sindaco incontra la comunità cinese di Bari Calo degli affari e diffidenza per il Corona Virus, il sindaco incontra la comunità cinese di Bari Decaro: «La paura e la discriminazione non devono mai essere la risposta alle questioni che siamo chiamati ad affrontare»
Bari, prende forma il mercato di via Pitagora. Decaro: «Pronto entro l'anno» Bari, prende forma il mercato di via Pitagora. Decaro: «Pronto entro l'anno» Il sindaco: «Installati i box, si procede con il montaggio delle capriate nella parte superiore»
Papa Francesco a Bari, Decaro: «Attesi 50mila fedeli e 200 vescovi» Papa Francesco a Bari, Decaro: «Attesi 50mila fedeli e 200 vescovi» In corso le operazioni di montaggio del palco. Il sindaco: «Folla troverà spazio da piazza Massari al Margherita»
A Japigia il primo polo dell'infanzia di Bari. Stamattina l'open day con le famiglie A Japigia il primo polo dell'infanzia di Bari. Stamattina l'open day con le famiglie La struttura è stata realizzata nell'asilo Michele Speranza dopo la ristrutturazione con interventi da 280mila euro
Bari si prepara alla visita del papa, già 40mila i biglietti gratuiti distribuiti Bari si prepara alla visita del papa, già 40mila i biglietti gratuiti distribuiti Sale l'attesa per la visita del santo padre il 23 febbraio. Il segretario della Cei: «Un incontro dal forte valore sociale»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.