polizia
polizia
Cronaca

Terrorizzarono la provincia di Bari con 69 rapine in 2 anni, condannata la "Banda della Fiat Uno"

Ecco i nomi dei 4 condannati e le pene comminate loro dalla Corte d'Appello, vanno da quasi 15 anni a meno di 8 anni di carcere

Nella giornata di ieri, la polizia di Stato ha eseguito gli ordini di carcerazione emessi dalla Corte di Appello di Bari a carico di quattro componenti di un'associazione per delinquere che, tra il 2015 ed il 2016, aveva commesso ben 69 rapine in danno di supermercati ed altri esercizi commerciali siti in Bari e provincia.

Il gruppo aveva adottato una precisa e metodica strategia nell'esecuzione dei colpi: poche ore prima di ogni singola rapina, venivano rubate delle autovetture Fiat Uno vecchio modello, per poi abbandonarle in luoghi isolati ove venivano date alle fiamme per cancellare ogni traccia.

Il capo della banda, identificato per Fornarelli Gaetano, reclutava personalmente i componenti del gruppo che, colpo dopo colpo, hanno rapinato supermercati, tabaccherie, farmacie, distributori di carburanti ed altre attività commerciali di Bari e dei comuni limitrofi.

Nell'agosto 2017, grazie ad una mirata attività investigativa condotta dalla Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile, la Sezione G.I.P del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica, aveva emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 9 componenti della banda, di cui 7 italiani e 2 di nazionalità albanese. Particolarmente cruente le modalità esecutive di alcune delle rapine messe a segno dal gruppo: infatti, durante l'assalto ad un supermercato del capoluogo, i rapinatori non si sono fatti scrupoli di percuotere a calci e pugni una madre di fronte ad i propri figli solo per impossessarsi della propria borsa.

La Corte di Appello di Bari ha irrogato una pena di 14 anni e 8 mesi di reclusione con la multa di 8.600 euro a Fornarelli Gaetano, quarantenne barese a capo dell'associazione di rapinatori. 11 anni per il complice, D'ambrosio Ettore, di anni 40, ritenuto personalmente responsabile di 14 rapine commesse tra il mese di ottobre 2015 ed il mese di giugno 2016.
Ad altri due complici, Attanasio Antonello, di anni 40 e Valerio Nicola, di anni 30, sono stati irrogati, rispettivamente 8 e 5 anni di reclusione.
  • Polizia di Stato
  • Condanna
Altri contenuti a tema
Bari, aggressione a giornalista al Libertà. Condannata la moglie del boss Caldarola Bari, aggressione a giornalista al Libertà. Condannata la moglie del boss Caldarola Un anno e 4 mesi alla donna con rito abbreviato, riconosciuta l'aggravante mafiosa
Sorpreso a passeggio ma doveva essere ai domiciliari, fermato dalla polizia a Bari Sorpreso a passeggio ma doveva essere ai domiciliari, fermato dalla polizia a Bari Succede in centro, a Carbonara invece denunciata una 26enne che ha reagito violentemente alla richiesta dei documenti
Ruba portafoglio a Bari, 27enne rintracciato e denunciato Ruba portafoglio a Bari, 27enne rintracciato e denunciato Nella giornata di ieri la polizia ha anche fermato per strada un uomo risultato essere ai domiciliari
Ruba 500 euro in un ambulatorio medico, denunciato Ruba 500 euro in un ambulatorio medico, denunciato L'uomo aveva sottratto i soldi dalla borsa di una paziente in sala d'attesa
Furto in un supermercato al Libertà, denunciato 22enne Furto in un supermercato al Libertà, denunciato 22enne L'uomo, pregiudicato, aveva sottratto diversa merce ma è stato subito fermato
Bari, al volante di una Mercedes senza patente e assicurazione, multa e sequestro del veicolo Bari, al volante di una Mercedes senza patente e assicurazione, multa e sequestro del veicolo Succede al quartiere Libertà dove la polizia ha anche fermato e deferito all'autorià giudiziaria un uomo, classe '97, per possesso di droga
Ferito ed impaurito sul ciglio della A14 a Bari, gufo salvato dalla polizia Ferito ed impaurito sul ciglio della A14 a Bari, gufo salvato dalla polizia Denutrito e debilitato, probabilmente a causa di una intossicazione, riceverà ora le cure e l’assistenza di cui ha bisogno
Omicidio al Libertà di Bari, potrebbe essersi trattato di "eccesso di legittima difesa" Omicidio al Libertà di Bari, potrebbe essersi trattato di "eccesso di legittima difesa" Stando al racconto della 17enne che ha confessato il delitto sarebbe intervenuta in difesa della madre e sarebbe stata colpita per prima dalla vittima
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.