tribunale
tribunale
Attualità

Stop alle visite per i genitori non collocatari, lo decide il Tribunale di Bari

La sentenza è stata espressa in relazione a una causa di separazione: precedenza alla salute del minore

Elezioni Regionali 2020
La legge pone a principio cardine del diritto di famiglia il diritto alla bigenitorialità del minore. Che cosa significa? Significa che, in caso di separazione dei genitori (coppia di fatto o coniugi, non fa alcuna differenza) non è tanto il genitore ad avere diritto a stare col proprio figlio quanto quest'ultimo ad avere nella propria vita ambedue le figure, a essere cresciuto da ambedue le figure, a sviluppare la propria personalità grazie alla vicinanza e alla condivisione con entrambi i genitori.

Premesso questo, tante sono le domande che arrivano in questi giorni a proposito di come organizzare il diritto di visita del genitore non collocatario del minore. Più semplicemente: il padre e/o la madre che non vive con il bambino ha diritto a vederlo, magari a spostarsi da un Comune all'altro, pur essendo vigenti le normative restrittive a causa del Coronavirus?

La prima interpretazione è stata questa: sì, il diritto di visita rientra in quel motivo di necessità che giustifica l'uscita di casa per andare a trascorrere tempo con il proprio figlio. Ma sembrerebbe ancora una interpretazione figlia della garanzia più del diritto del genitore che del bambino, soprattutto se si fanno considerazioni circa la salute e l'evitare di stare a contatto con quante più persone possibili così da non agevolare il contagio.

A porre un punto fondamentale sul tema è giunta nelle scorse ore il Tribunale di Bari. Il giudice ha deciso che le visite sono "sospese fino a quando non sarà cessata l'emergenza epidemiologica in atto, coincidente con il momento in cui sarà consentito al padre di potersi muovere liberamente per raggiungere i figli senza pericoli per la loro salute".

Per il giudice di Bari a prevalere è il diritto alla salute del minore. Come poter comunque essere a contatto con il proprio figlio? Nel provvedimento in esame il Tribunale di Bare ordine alla madre "di favorire i contatti audio-video anche plurigiornalieri tra il padre e i suoi figli attraverso l'utilizzo di tutti gli strumenti tecnologici disponibili".
  • tribunale di bari
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, in Puglia si registrano altri venti casi Coronavirus, in Puglia si registrano altri venti casi Sono 9 in provincia di Bari. Sanguedolce: «Persone rientrate da Grecia, Malta e Lombardia»
Mola di Bari, negativi tamponi per chi era entrato in contatto con il 18enne positivo al Covid Mola di Bari, negativi tamponi per chi era entrato in contatto con il 18enne positivo al Covid Il sindaco Colonna: «Il giovane è in quarantena obbligatoria insieme al suo nucleo familiare
Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Coronavirus, nuova impennata di casi in Puglia: oggi sono 26 Sono 11 in provincia di Bari. Sanguedolce: «Sei vacanzieri tornati da Malta e cinque contatti stretti della donna incinta ricoverata al Di Venere»
Asl Bari, tamponi su base volontaria per chi arriva dall'estero o altre regioni Asl Bari, tamponi su base volontaria per chi arriva dall'estero o altre regioni Il test può essere eseguito su prenotazione nei punti individuati dall'azienda sanitaria. Ecco come
Coronavirus, ancora 9 contagi in Puglia Coronavirus, ancora 9 contagi in Puglia Sono 1 a Bari e Lecce e 6 a Foggia, non si registrano decessi
Positivi al Coronavirus in vacanza a Monopoli, scatta la quarantena Positivi al Coronavirus in vacanza a Monopoli, scatta la quarantena Il gruppo del Lussemburgo aveva fatto il tampone prima di partire, trasferiti a San Nicandro Garganico
Covid-19, il punto della situazione in Puglia e l'avvicinarsi del vaccino Covid-19, il punto della situazione in Puglia e l'avvicinarsi del vaccino Le spiagge e la movida sotto controllo mentre intanto si avvia la fase della sperimentazione sull' uomo
Covid-19, un caso nel reparto di Ginecologia del Policlinico di Bari Covid-19, un caso nel reparto di Ginecologia del Policlinico di Bari La donna, pronta a partorire, è stata messa in isolamento. La struttura resta regolarmente operativa
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.