Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Sgominata la banda di contrabbandieri di carburante, arresti anche a Bari

L'operazione della guardia di finanza di Roma che ha portato all'esecuzione di 16 ordinanze di custodia cautelare

Elezioni Regionali 2020
Scacco al contrabbando di carburante: dalle prime luci di questa mattina oltre 200 militari del comando provinciale della guardia di finanza di Roma, coordinati dalla Dda della capitale, stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari sedici ordinanze di custodia cautelare (14 in carcere e 2 ai domiciliari), oltre alla notifica di quattro obblighi di dimora e nove divieti di esercitare imprese e uffici direttivi di persone giuridiche, nei confronti degli appartenenti a un sodalizio criminale responsabili – a vario titolo – di associazione per delinquere, contrabbando di prodotti petroliferi, ricettazione e autoriciclaggio.

Contemporaneamente le fiamme gialle stanno notificando provvedimenti di sospensione della licenza di deposito autorizzato che il Gip del Tribunale di Roma ha disposto per sedici società, intestatarie di depositi commerciali e distributori stradali, coinvolte nell'illecito traffico. Nel corso delle indagini, svolte da gennaio a novembre di quest'anno, è stato quantificato in circa 4 milioni di litri l'ammontare del carburante di contrabbando immesso in consumo, con un'evasione di oltre 1 milione 100mila euro di Iva e di 2 milioni 500mila euro di accise. L'attività repressiva eseguita dai Finanzieri durante le investigazioni ha, inoltre, consentito di trarre in arresto 11 persone colte in flagranza di reato mentre travasavano prodotto petrolifero di contrabbando nelle zone della Magliana e della Pisana, oltre al sequestro di 450 mila litri di gasolio, 27 automezzi, 1 deposito commerciale e 11 autopompe per i vari travasi.

Le indagini della finanza hanno consentito di individuare e smantellare un'organizzazione criminale, con diramazioni internazionali, che – attraverso l'impiego di imprese intestate a "prestanome" e distributori stradali compiacenti – ha immesso in consumo nel territorio italiano oltre 4 milioni di litri di carburante per autotrazione in completa evasione d'imposta.

Il prodotto petrolifero di contrabbando partiva dalla Slovenia e dalla Polonia all'interno di autobotti scortate da lettere di vettura internazionale attestanti il trasporto di olio lubrificante o di altra merce non soggetta ad accisa, così da eludere eventuali controlli su strada. Non appena giunti in Italia, i carichi di gasolio venivano inviati in luoghi di stoccaggio di cui disponeva il gruppo criminale, per essere travasati in altre autocisterne che – munite di nuovi documenti di accompagnamento creati ad hoc – erano pronte per partire alla volta di due depositi commerciali (a Pomezia e Formello), individuati quale base logistica dell'articolazione. Qui il prodotto rimaneva il tempo necessario per essere dirottato, "in nero", ai distributori compiacenti per la successiva vendita al dettaglio.

Le operazioni illegali avvenivano in una sorta di "catena di montaggio" criminale. Gli autotrasportatori si occupavano dello spostamento del gasolio; gli addetti alla "staffetta" delle autocisterne, unitamente "alle vedette" posizionate nei pressi delle zone di travaso, avevano il compito di eludere eventuali controlli; i "contabili" erano incaricati della creazione e gestione del flusso dei falsi documenti accompagnatori (strumentali alla "copertura" del prodotto, facendolo apparire come se avesse assolto l'accisa) oltre che della "sistemazione" del carteggio amministrativo dei depositi commerciali per coprire le eccedenze o deficienze generate dall'arrivo e dalla partenza del carburante di contrabbando.

Regista del sistema illecito era un quarantacinquenne campano con precedenti specifici, il quale – oltre a gestire il traffico di gasolio – ha provveduto a riciclare, parte dei proventi delittuosi mediante l'acquisto del ramo d'azienda di una società (distributore stradale) in provincia di Perugia.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Presunte tangenti in cambio di appalti, indagati due funzionari della Regione Puglia Presunte tangenti in cambio di appalti, indagati due funzionari della Regione Puglia Perquisizioni della guardia di finanza. Nel mirino della Procura anche il direttore di Asset Elio Sannicandro, la cui posizione sembra più sfumata
Pirateria editoriale, giornali e libri diffusi su Telegram: perquisizioni in Puglia e altre tre regioni Pirateria editoriale, giornali e libri diffusi su Telegram: perquisizioni in Puglia e altre tre regioni Maxi operazione della guardia di finanza, coordinata dalla Procura di Bari. Individuati otto soggetti responsabili
Interventi edili abusivi, sequestrata villa dell'ex dirigente del Policlinico di Bari Interventi edili abusivi, sequestrata villa dell'ex dirigente del Policlinico di Bari Nel mirino della guardia di finanza l'immobile nel quartiere Palese. L'uomo era già stato arrestato per corruzione
Bari, sequestrati oltre 400 mila euro a due imprenditori per truffa aggravata Bari, sequestrati oltre 400 mila euro a due imprenditori per truffa aggravata La Guardia di Finanza ha scoperto un ingegnoso sistema che avrebbe consentito a due imprenditori gioiesi di percepire indebitamente ingenti provvidenze pubbliche e evadere il fisco
Evasione dell'Iva, sequestrati beni per 500mila auro ad azienda di Grumo Appula Evasione dell'Iva, sequestrati beni per 500mila auro ad azienda di Grumo Appula L'indagine è stata condotta dalla guardia di finanza di Altamura. Sotto la lente d'ingrandimento il responsabile legale della società
Sequestro da 15 milioni per evasione dell'Iva, indagato anche il politico Marcello Vernola Sequestro da 15 milioni per evasione dell'Iva, indagato anche il politico Marcello Vernola Sotto la lente d'ingrandimento della guardia di finanza finisce l'ex presidente della provincia di Bari, amministratore di una delle società accusate
Frode fiscale da 15 milioni nel settore dell'energia, sequestrate aziende a Bari e Modugno Frode fiscale da 15 milioni nel settore dell'energia, sequestrate aziende a Bari e Modugno Nel mirino della guardia di finanza finiscono due attività, i quattro amministratori e una società con sede in Svizzera
Porto di Bari, scoperto con imballaggi di sigarette contraffatti. Denunciato Porto di Bari, scoperto con imballaggi di sigarette contraffatti. Denunciato Scatta il sequestro di quattro milioni e mezzo di pezzi da parte di guardia di finanza e agenzia delle dogane
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.