Michele Emiliano
Michele Emiliano
Politica

Regionali Puglia, Emiliano: «Candidatura "renziana"? È un problema nazionale»

Il governatore uscente dopo la riunione della coalizione di centrosinistra: «In campagna elettorale formeremo giovane classe dirigente»

Dopo le primarie di domenica 12 gennaio che hanno incoronato il governatore uscente Michele Emiliano come candidato presidente della Regione Puglia, il centrosinistra serra le fila in vista dell'appuntamento col voto della prossima primavera. Stamattina la prima riunione della coalizione a sostegno di Emiliano, che oltre al Pd potrà contare sulle sue due liste civiche Sindaco di Puglia e Con, unitamente a Senso civico, Articolo uno, Italia in comune, Sinistra italiana, Verdi, Socialisti, Animalisti e Puglia popolare di Massimo Cassano.

A scuotere l'unità del centrosinistra le ultime dichiarazioni del leader nazionale di Azione Carlo Calenda («In Puglia voterei per Fitto e non per Emiliano) e di Italia viva Matteo Renzi, che sta studiando una candidatura alternativa a quella di Emiliano, dopo non aver preso parte alla competizione primaria. «Io non ho sentito di pugliesi disponibili alla candidatura alternativa - ha detto Emiliano a margine della riunione. Queste polemiche hanno radice nazionale. È più un problema del PD di Zingaretti che nostro, che subiamo questa situazione».

Emiliano, poi, insiste sull'unità di vedute fra l'attuale governo regionale e quello nazionale, formato da Pd e Movimento 5 stelle, con la partecipazione di Leu e dei renziani di Italia viva. «Sulla questione Ilva il governo ha la stessa posizione della Puglia, vale a dire la necessità di decarbonizzare la fabbrica - ricorda Emiliano. Sulla questione Xylella non c'è mai stata contrapposizione, col ministro Martina abbiamo lavorato bene e, in generale, abbiamo applicato le direttive di tutti i governi. Sulla Popolare di Bari siamo riusciti a convincere il governo a intervenire per il salvataggio. Io sono stato antesignano dell'alleanza fra Pd, Sinistra italiana e 5 Stelle che fonda il governo in carica fra 5 stelle. Italia Viva ha dei problemi nei confronti del governo nazionale e io non intendo affrontarli; dubito che ci sia qualche pugliese che vada fino in fondo perché non è un problema locale. Se la pacificazione fra PD e Italia viva deve passare dalla Puglia io sono disponibile. Al momento, comunque, non ci sono intenzioni di alleanza con i 5 stelle».

Dal punto di vista dei temi, questa campagna elettorale di Emiliano si concentrerà su tre temi: formazione politica dei giovani, piano di sviluppo rurale e sanità. «C'è l'intenzione di dar vita a una serie di corsi di formazione politica che saranno una delle attività finanziarie dal comitato elettorale - continua Emiliano. Pensiamo di coinvolge i giovani con strumenti tecnologici evoluti, sempre con il requisito che i prodotti di questi corsi saranno aperti a tutti. Noi vorremmo che la nuova generazione si formi per il governo della propria terra. Il sindaco di Bari era un giovane ingegnere, selezionato per le sue competenze, ed è diventato classe dirigente fondamentale per la Puglia e i pugliesi».

Sul tema del psr, Emiliano aggiunge: «Siamo convinti di riuscire a risolvere i problemi dell'agricoltura prima della fine della campagna elettorale. La caratteristica del nuovo piano sarà difendere piccoli e mesi produttori dalla grande distribuzione. Creeremo aggregazioni come la legge permette. Ci siamo trovati un psr che non considerava la xylella. Tutti i militanti del centrosinistra saranno coinvolti, spero che uno competente come Dario Stefàno ci dia una mano».

In materia di sanità, la campagna elettorale della coalizione punterà sulla diffusione del lavoro svolto: «Dopo aver risanato il sistema pugliese ora bisogna coinvolgere di più le persone - spiega Emiliano. In sanità abbiamo risanato e pagato i debiti. La rivoluzione deve essere quella della telemedicina, per portare l'ospedale in casa delle persone».

Ancora da scegliere il nome delle iniziative della campagna elettorale, anche se non è escluso che si punti nuovamente sulle "sagre del programma": «Ci saranno assemblee per scrivere il programma, con forti innovazioni - conclude Emiliano. Partiti avranno un ruolo significativo. Tutte le forze politiche sono a buon punto, i candidati sono ai blocchi di partenza. La nostra è una coalizione che si basa sul consenso reciproco. È complicato gestire le coalizioni così, ma non accetteremmo mai l'intervento direttivo dai leader nazionali. Saranno coinvolti nella scrittura con noi soprattutto quelli che sono arrabbiati con coi. Ascolteremo tutte le critiche».
  • Michele Emiliano
  • regionali puglia 2020
Altri contenuti a tema
Regionali Puglia, Emiliano preme per il voto a luglio: «Grave intromissione del Governo» Regionali Puglia, Emiliano preme per il voto a luglio: «Grave intromissione del Governo» Il governatore: «Non si possono procrastinare i mandati impedendo ai cittadini di legittimarli con le elezioni»
Plasmaterapia, negativo il tampone del primo ricevente in Puglia Plasmaterapia, negativo il tampone del primo ricevente in Puglia Il paziente è guarito dopo il trattamento all'ospedale Perrino di Brindisi. Emiliano: «Carica virale molto ridotta»
Anticipo cassa integrazione, c'è l'accordo fra Regione Puglia e Bcc Anticipo cassa integrazione, c'è l'accordo fra Regione Puglia e Bcc Obiettivo facilitare l'accesso alla Cigd subordinandolo esclusivamente alla richiesta dell’azienda
Spaccatura nella Lega Puglia, interviene Salvini: «Chi fa polemica è fuori» Spaccatura nella Lega Puglia, interviene Salvini: «Chi fa polemica è fuori» Il leader del Carroccio mette un punto sulla vicenda Altieri e annuncia: «A breve tornerò». Caroppo insiste: «Non posso tacere, si faccia una vera sintesi»
Frattura nella Lega Puglia, in 108 scrivono a Salvini: «Altieri candidato non condiviso» Frattura nella Lega Puglia, in 108 scrivono a Salvini: «Altieri candidato non condiviso» Molti esponenti del Carroccio pugliese si rivolgono al leader. Tra loro anche il capogruppo al Comune di Bari Michele Picaro
La Regione Puglia vara una manovra da 750 milioni, dal 4 giugno avvisi per microprestito La Regione Puglia vara una manovra da 750 milioni, dal 4 giugno avvisi per microprestito Pronta anche la misura per il Titolo II. In programma anche iniziative per sostenere cultura e turismo
Sostegno al reddito per la ripartenza economica, dalla Regione Puglia arrivano 125 milioni Sostegno al reddito per la ripartenza economica, dalla Regione Puglia arrivano 125 milioni Approvata dalla giunta la misura Start. Emiliano: «Boccata d'ossigeno per 60mila cittadini sotto i 20mila euro annui»
Regionali Puglia, si va verso la data del 20 settembre per l'election day Regionali Puglia, si va verso la data del 20 settembre per l'election day Si voterà anche per il referendum costituzionale e per il rinnovo dei consigli comunali
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.