campagna elettorale emiliano comizio apertura
campagna elettorale emiliano comizio apertura
Politica

Regionali Puglia 2020, parte la campagna di Emiliano: «Centrosinistra unito, Salvini non avrà pace»

Il governatore uscente lancia la sfida verso l'impegno elettorale della prossima primavera: «Coi 5 stelle mai una maggioranza»

Michele Emiliano gioca d'anticipo e lancia la campagna elettorale in vista dell'appuntamento con le urne per le regionali della primavera 2020 in Puglia. Stamattina il comizio del governatore uscente a Bari vecchia, in largo Albicocca, dove a luglio celebrò i suoi 60 anni con una festa pubblica. Nutrito il parterre istituzionale: al fianco di Emiliano i sindaci di centrosinistra di Bari, Brindisi, Lecce, Margherita di Savoia, Trani e Taranto. Presente anche tutta la giunta regionale e i parlamentari Messina e Lacarra.

Nel suo comizio Emiliano ha passato in rassegna le azioni di governo negli ultimi quattro anni e mezzo: dalla sanità («Abbiamo creato pronto soccorsi con attenzione al paziente e ai parenti che aspettano) al turismo («Lo abbiamo fatto contro le logiche del marketing»), dal ciclo dei rifiuti all'unità territoriale della Puglia («Le città le voglio vedere, voglio capire i loro problemi per risolverli»), dalle misure di sostegno al reddito («Abbiamo fatto il red prima di tutti gli altri, ora lottiamo per aumentare i finanziamenti nazionali ai disabili») fino alla crescita («Istat dice che la Puglia cresce con in PIL e occupazione»). Particolarmente accesi i discorsi su Taranto: «Le lobby non mi vogliono come presidente perché ho lottato contro la decarbonizzazione dell'Ilva», il mantra di Emiliano.Significativi soprattutto i passaggi più strettamente politici. Emiliano spiega le sue alleanze con ex esponenti del centrodestra: «Lì c'è molta gente preparata che odia razzismo e omofobia, alle persone non interessa da dove veniamo ma dove vogliamo andare. Non è trasformismo ma senso di comunità», continua Emiliano. Più netto è, invece, il riferimento all'avversario politico: «Bevendo mojito e insultando la gente non si fanno tornare i figli in Puglia e al Sud. A me va bene che ci siano persone di destra, ma non c'è trattativa sul fascismo - incalza il governatore. Salvini non avrà pace finché sarò presidente della Regione e lo inseguirò con le parole ovunque. Il fascismo si combatte con la cultura e abbiamo finanziato borse di studio per le persone non abbienti».

Un appello anche per l'unità del centrosinistra, ancora alle prese con il dilemma primarie: «Stare insieme significa discutere sul candidato ma non uccidere quello che di buono si è fatto», prosegue Emiliano. L'attuale governatore è stato fra i primi nel Pd e nel centrosinistra ad aprire uno spiraglio al Movimento 5 stelle, ma ora la prospettiva sembra diversa. Dal palco di Bari vecchia il presidente uscente lancia una stoccata ai grillini: «Con chi prima dice una cosa e poi un'altra la maggioranza al primo turno non la faremo mai. Con gente così al governo non ci vado, vinciamo anche senza di loro».

Infine un omaggio a chi l'ha preceduto alla guida della Puglia: «Io e Nichi Vendola non sempre siamo riusciti a essere come dovevamo, ma senza di lui non sarei qui. Mi manca una leadership come la sua. Ora però c'è una classe dirigente sterminata, fatta di giovani e di donne, di sindaci bravissimi. Noi giochiamo di squadra e non possiamo abbassare la testa», conclude Emiliano.

Il presidente della Regione Puglia incassa anche il rinnovato appoggio da parte di Antonio Decaro, sindaco di Bari: «La domenica è il giorno con cui si passa tempo con la famiglia, e Michele e il centrosinistra sono la mia famiglia - dice il primo cittadino. In questa domenica sono con noi anche Maria Maugeri e Stefano Fumarulo. Con loro abbiamo iniziato un percorso 15 anni fa; si sentiva la stessa energia e lo stesso fermento di oggi. Oggi c'è la Puglia che chiede di terminare il lavoro e tocca a Emiliano guidare questa grande famiglia. La Puglia è un brand: quindici anni fa Bari era "Beeeri", oggi siamo capitale europea del turismo. Se ci mettiamo insieme non ce n'è per nessuno».

«Insieme in questi 15 anni abbiamo migliorato la vita dei pugliesi - commenta Marco Lacarra, segretario Pd Puglia. Sono qui a sostenere un progetto politico. Il nemico è la destra reazionaria, noi la Puglia da 15 anni la amministriamo bene. Dobbiamo finirla con l'autolesionismo, dobbiamo pensare alle tante cose buone che abbiamo fatto. Ci aspetta una battaglia terribile, da ora inizia un percorso comune».
  • Michele Emiliano
  • regionali puglia 2020
Altri contenuti a tema
Dopo l'emergenza Covid scelgono di sposarsi in Puglia, matrimonio ad Alberobello in diretta Rai Dopo l'emergenza Covid scelgono di sposarsi in Puglia, matrimonio ad Alberobello in diretta Rai Mirko e Paola, rispettivamente di Catania e di Roma, hanno detto il fatidico "sì" ripresi dalle telecamere di "La vita in diretta"
Manovra economica da 750 milioni della Regione Puglia, partiti i primi tre avvisi Manovra economica da 750 milioni della Regione Puglia, partiti i primi tre avvisi Al via le iniziative di microprestito per le imprese. Emiliano: «Le regione riparte se si muovono le attività economiche»
Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, 20mila moduli registrati. Boom di accessi dalla Lombardia Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, 20mila moduli registrati. Boom di accessi dalla Lombardia Quasi 750 le persone che sono sbarcate dall'estero nella nostra regione. Previsto un "esodo" per il weekend. Fascia d'età maggioritaria fra 30 e 50 anni
Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi e tre decessi Coronavirus, in Puglia quattro nuovi casi e tre decessi Uno dei contagi accertati oggi e due morti sono in provincia di Bari. I guariti sono 3.022
In Puglia il mare più bello d'Italia, il Sistema prevenzione ambiente premia la nostra regione In Puglia il mare più bello d'Italia, il Sistema prevenzione ambiente premia la nostra regione Il Tacco dello stivale arriva a pari merito con la Sardegna per la qualità delle coste balneabili. Emiliano: «I turisti vengano qui per l'estate»
Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, già oltre 6mila i moduli compilati Obbligo di segnalazione dell'arrivo in Puglia, già oltre 6mila i moduli compilati Superano quota 80mila gli accessi registrati da questa mattina sulla piattaforma online. Emiliano: «Senso di responsabilità fa la differenza»
Problemi con il modulo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia, è polemica politica Problemi con il modulo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia, è polemica politica Le criticità sono state risolte nel corso della mattinata, ma Movimento 5 stelle e Fratelli d'Italia attaccano Emiliano
Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Mobilità fra regioni, obbligo di autosegnalazione per chi arriva in Puglia Firmata l'ordinanza del presidente Michele Emiliano valida dal 3 giugno. Necessario dichiarare anche il comune di soggiorno
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.