decaro a commemorazione Gaetano Marchitelli nel aniversario dellomicidio
decaro a commemorazione Gaetano Marchitelli nel aniversario dellomicidio
Vita di città

Quindici anni senza Gaetano Marchitelli, vittima innocente di mafia. A Carbonara la commemorazione

Decaro: «Lo sbaglio sta nel credere di poter sparare liberamente fra le vie della città»

Sono passati 15 anni dalla morte di Gaetano Marchitelli, vittima innocente di mafia la sera del 2 ottobre 2003, mentre lavorava in una pizzeria del quartiere Carbonara di Bari prima di essere raggiunto da diversi colpi esplosi in un conflitto a fuoco fra esponenti di diversi clan.

Stamattina il rione Carbonara e l'intera città hanno voluto omaggiare la memoria del giovane Gaetano e di tutte le altre vittime incolpevoli del crimine e della mafia. Il sindaco Antonio Decaro, alla presenza dei familiari, del presidente del Municipio IV Nicola Acquaviva e di diversi gruppi di studenti provenienti dagli istituti scolastici del territorio, ha deposto una corona di fiori presso la lapide che ricorda Gaetano, in piazza Umberto I, a Carbonara.

«Ritrovarsi con la propria comunità in occasioni come queste, a quindici anni dall'omicidio di un ragazzo innocente per mano della criminalità organizzata, non è semplice - ha commentato il sindaco a margine della cerimonia. Questa è una di quelle situazioni in cui essere il sindaco e portare i saluti di un'intera città comporta molta fatica e un dolore che si rinnova ogni volta. Tutti conoscono la storia di Gaetano, che assomiglia a quella di altre vittime innocenti delle mafie, in questa città e in questo Paese: trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato, anche se non c'è nulla di sbagliato nel fare il proprio dovere, come Gaetano quella sera, e non c'è nulla di sbagliato nel passeggiare per la città, passare il proprio tempo libero con gli amici o la famiglia senza paura che possa accadere qualcosa di tragico. Lo sbaglio sta nella violenza cieca delle mafie, di chi crede di poter sparare tra la gente per contendersi le piazze dello spaccio o punire un clan rivale. Queste persone non hanno scrupoli e non si preoccupano se a cadere sono vittime innocenti perché non hanno altro nella testa se non i soldi, il potere, la scalata criminale. Una scalata che immancabilmente finisce con una caduta. Questa cerimonia deve ricordare a noi tutti, soprattutto ai più piccoli, che questa piazza, queste strade, questo quartiere ci appartengono. Dobbiamo occuparli con le nostre idee e i nostri valori per dare un significato alla parola "comunità" e per non lasciare spazio alle organizzazioni criminali. Noi siamo qui affinché la morte di Gaetano, come quella di tante altre vittime innocenti, non sia stata vana. Non vogliamo e non dobbiamo retrocedere di un millimetro. Questa cerimonia non restituirà Gaetano all'amore di Francesca e Vito ma può far sì che entrambi sentano che la nostra città gli è accanto, sempre».

Alla cerimonia è intervenuto anche il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che con le sue conoscenze da magistrato ha spiegato il perché gli autori di quell'efferato omicidio si trovino attualmente fuori dalle patrie galere. «In corso c'è un processo sulla trattativa stato-mafia - ricorda il governatore - dove si sostiene la tesi che Cosa nostra richiese, fra le varie cose, l'esclusione degli ergastoli nei casi come questo. Una cosa che si è verificata: l'ergastolo è virtuale, in quanto la sola richiesta di giudizio con rito abbreviato fa scattare la pena massima a 30 anni, che con la buona condotta vengono ulteriormente diminuiti. Il nostro sistema neanche in questi casi prevede di "gettare la chiave"; gli autori della strage di Bologna sono liberi. Il nostro non è un sistema che uccide chi commette reati; non avrei mai fatto il magistrato in uno stato che prevede la pena di morte. La pena deve tendere alla rieducazione, anche se in vicende come questa il dolore dei genitori è incommensurabile. Mi auguro che queste lunghe carcerazioni abbiano avuto una funzione educativa su questi balordi, che spesso poi si trasformano in mafiosi».
  • Quartiere Carbonara
  • Antonio Decaro
  • Michele Emiliano
Altri contenuti a tema
Bari, cantiere di Porta Futuro II allo sprint finale. Decaro: «Lavori conclusi a maggio» Bari, cantiere di Porta Futuro II allo sprint finale. Decaro: «Lavori conclusi a maggio» Questa mattina il sopralluogo con i delegati delle 7 città europee del progetto Urbact. Romano: «Qui un incubatore di idee innovative»
Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Matrimoni e unioni civili in edifici storici di pregio, Comune di Bari avvia dialogo con i privati Decaro: «Nostra città pronta a valorizzare i suoi immobili più belli per ospitare uno dei momenti più importante della vita»
Nuova illuminazione in piazza Garibaldi, installate 150 lampade Nuova illuminazione in piazza Garibaldi, installate 150 lampade I dispositivi a luce bianca consentono una maggiore chiarezza e piu sicurezza percepita
Rubano merendine ai bimbi di Anspi Bari, Decaro: «Non voglio i loro voti» Rubano merendine ai bimbi di Anspi Bari, Decaro: «Non voglio i loro voti» Il furto al centro sito a Bari Vecchia ha suscitato sdegno nella popolazione e non solo
Roadshow dei Municipi, a Catino l'ultimo appuntamento. Decaro: «Bari ha voglia di decidere» Roadshow dei Municipi, a Catino l'ultimo appuntamento. Decaro: «Bari ha voglia di decidere» Concluso questa mattina il ciclo d'incontri per la scelta dei dieci interventi di riqualificazione da attuare con priorità. Circa 10mila voti online
Bari, otto anni senza Giuseppe Mizzi. A Carbonara la cerimonia commemorativa Bari, otto anni senza Giuseppe Mizzi. A Carbonara la cerimonia commemorativa Il giovane fu vittima innocente nel 2011 di un commando mafioso. Decaro: «Brava persona finita nella spirale di gente senza scrupoli»
Caserma Rossani, abbattuti i muri. Decaro: «Settimana prossima lavori per la biblioteca» Caserma Rossani, abbattuti i muri. Decaro: «Settimana prossima lavori per la biblioteca» Il sindaco su Facebook: «Da spazio chiuso a grande parco nel cuore della città per lo sport e per stare insieme»
Bari prima città del Sud per la raccolta di carta e cartone. Decaro: «Grande orgoglio» Bari prima città del Sud per la raccolta di carta e cartone. Decaro: «Grande orgoglio» Il primo cittadino: «I dati esaltanti di Comieco ci dimostrano che niente è impossibile. Si può imparare a rispettare la città»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.