tribunale
tribunale
Cronaca

Omicidio Bruna Bovino a Mola di Bari, annullata l'assoluzione dell'ex amante

La decisione della Cassazione. Il processo d'appello dovrà essere celebrato di nuovo

Un nuovo processo dovrà stabilire fu Antonio Colamonico a uccidere l'ex amante Bruna Bovino, 29enne italo-brasiliana assassinata nel suo centro estetico a Mola di Bari il 12 dicembre 2013. La decisione è stata presa dalla Corte di Cassazione, che ha annullato con rinvio la sentenza del 2018 con cui la Corte d'Appello di Bari aveva assolto Colamonico, ex amante della vittima, per non aver commesso il fatto. In primo grado l'imputato era stato condannato a 25 anni di reclusione.

L'arresto risale al 2014, con le accuse di omicidio volontario e incendio doloso: secondo l'accusa Colamonico aveva appiccato il fuoco per cancellare le tracce dell'omicidio di Bruna Bovino. Il corpo della donna fu trovato quasi completamente carbonizzato sul pavimento all'interno del centro estetico di Mola di Bari, dopo essere stata raggiunta da 20 colpi di forbici e poi strangolata. Accanto al cadavere furono ritrovate tracce di sangue e indumenti.

La sentenza di assoluzione fu emanata dalla Corte d'Appello di Bari in base a una nuova pista non battuta durante le indagini. Fra le mani di Bruna Bovino vennero ritrovati alcuni capelli rossi, secondo la difesa di Colamonico appartenenti al vero assassino della giovane. In seguito arrivò il ricorso di alcune associazioni antiviolenza, della Procura di Bari e delle parti civili: la famiglia di Bruna riteneva, infatti, che i capelli appartenessero alla vittima stessa, che se li sarebbe strappati con le mani sporche di sangue nel tentativo di divincolarsi dallo strangolamento. Ipotesi che ha portato la Cassazione ad accogliere il ricorso presentato dalla Procura di Bari e dalle parti civili.
  • Cassazione
  • Omicidio
  • tribunale di bari
Altri contenuti a tema
Prevenzione Coronavirus, al Tribunale di Bari udienze a porte chiuse Prevenzione Coronavirus, al Tribunale di Bari udienze a porte chiuse Testimoni, avvocati e parti residenti nelle "zone rosse" di Lombardia e Veneto devono dichiararlo
Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Processo escort, Procura di Bari chiede conferma della condanna per Tarantini Stessa misura anche proposta per "l'ape regina" Sabina Began e per il pr milanese Peter Faraone
Crac Popolare di Bari, in tribunale l'udienza Jacobini. Protestano i risparmiatori Crac Popolare di Bari, in tribunale l'udienza Jacobini. Protestano i risparmiatori Il comitato ha organizzato un sit in all'esterno del palazzo di giustizia. Si discute il rilascio dei due ex amministratori della banca
Omicidio Luisi nel 2015 al Libertà, arrestati tre esponenti del clan Strisciuglio. I nomi Omicidio Luisi nel 2015 al Libertà, arrestati tre esponenti del clan Strisciuglio. I nomi Le ordinanze cautelari sono state eseguite a Lecce, Palermo e Siracusa. Nell'agguato rimase ferito il padre della vittima, poi morto in seguito
Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma Neonata morta in spiaggia a Monopoli, pena ridotta a 11 anni per la mamma La giovane aveva abbandonato la piccola nata sana subito dopo il parto, riconosciuta la seminfermità mentale della donna al momento del fatto
Maltrattamenti nell'asilo a Capurso, chiesta condanna a due anni per la maestra Maltrattamenti nell'asilo a Capurso, chiesta condanna a due anni per la maestra Secondo l'accusa la donna avrebbe vessato i bambini con schiaffi, spintoni e altri atti di violenza
Affari illeciti dei Capriati nel porto di Bari, 24 condanne Affari illeciti dei Capriati nel porto di Bari, 24 condanne Il clan gestiva il servizio di logistica e assistenza nello scalo cittadino e imponeva ai commercianti l'acquisto loro prodotti
Gestivano un traffico di droga in provincia di Bari, dieci condanne Gestivano un traffico di droga in provincia di Bari, dieci condanne Pene dai 15 ai 6 anni. Al comando dell'organizzazione con base a Capurso ci sarebbe stata una giovane coppia
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.