Polizia
Polizia
Cronaca

Monopoli, lancia una scrivania contro il medico del pronto soccorso. Arrestato 44enne

L'uomo, con problemi di abuso d'alcool, è stato posto ai domiciliari in una comunità terapeutica. A febbraio un episodio analogo a opera di un giovane tossicodipendente

Dapprima minaccia un medico del pronto soccorso dell'ospedale di Monopoli pretendendo un certificato senza rispettare il suo turno, poi prende a calci e pugni l'ortopedico contro cui ha lanciato anche una scrivania, causandogli lesioni guaribili in 30 giorni. La Polizia di Stato ha eseguito una misura cautelare nei confronti di un pluripregiudicato monopolitano di 44 anni, con l'accusa di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni, violenza privata e interruzione di pubblico servizio.

I poliziotti del commissariato di Monopoli lo ha sottoposto agli arresti domiciliari presso una comunità terapeutica dal momento che il reo ha evidenziato problemi legati all'uso di alcool. L'uomo è stato bloccato solo con l'intervento di numerosi operatori sanitari, dopo aver creato scompiglio in tutto l'ospedale e terrorizzato gli utenti del nosocomio e tutti gli operatori del presidio sanitario.

Le indagini, la ricostruzione meticolosa dell'accaduto e il piano di vigilanza delle strutture ospedaliere messo in atto dai poliziotti del locale Commissariato di P.S. hanno consentito di giungere in sicurezza all'emissione del provvedimento cautelare emesso da parte del Gip del Tribunale di Bari.

Nel mese di febbraio scorso, inoltre, si era verificata un'ulteriore aggressione a un presidio del Servizio Sanitario, questa volta da parte di un giovane di 31 anni di Monopoli con problemi legati all'assunzione di sostanze stupefacenti. La perquisizione nell'abitazione del ragazzo ha consentito il sequestro della mazza da baseball utilizzata all'interno del presidio per minacciare i sanitari e di una piccola quantità di droga per uso personale. Il ragazzo, oltre a essere stato segnalato alla Prefettura di Bari, è stato deferito all'A.G. in stato di libertà per i reati di minaccia, di violenza privata e di interruzione di pubblico servizio.
  • Polizia di Stato
  • Monopoli
Altri contenuti a tema
Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Gli agenti hanno controllato anche la regolarità degli occupanti sul territorio nazionale. Una donna è stata trasferita nel Cpr di Roma
Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un ausiliario del traffico. Sul posto 118, vigili e Polizia
Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne L'uomo si è introdotto in un garage in centro per commettere il furto, provando anche a sfuggire all'arresto degli agenti
San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia Squadra volante al lavoro per risalire all'identità dei responsabili. Trovati anche documenti e targhe rubate
Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia L'uomo, un 79enne malato di Alzheimer, era uscito di casa ma non era rientrato, si indaga per comprendere l'accaduto
Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Le manette della Polizia sono scattate dopo la perquisizione del suo appartamento, a Modugno in zona Cecilia
Bari, sorpresi a bruciare rifiuti. Denunciati Bari, sorpresi a bruciare rifiuti. Denunciati I due, un 32enne barese e un 23enne nigeriano, si trovavano in un'area recintata in via Camillo Rosalba
Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone Gravina in Puglia, arrestato il presunto responsabile dell'omicidio Capone In manette finisce un 68enne. I fatti contestati risalgono al marzo del 2014; la vittima aveva un contenzioso aperto con il killer
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.