operazione lamalunga
operazione lamalunga
Cronaca

Monopoli, estorcevano il riscatto ai proprietari delle auto rubate. Indagati in 11

Conclusa l'operazione Lamalunga della Polizia. Una costola dell'organizzazione era introdotta nel mercato della droga

Un'indagine lunga 6 anni su un giro di furti, estorsioni di autovetture e spaccio di sostanze stupefacenti che si conclude con la notifica dell'avviso di garanzia per 11 indagati. La Polizia di Monopoli conclude l'operazione Lamalunga, su un'organizzazione che gestiva il sistema dei riscatti in cambio delle auto rubate, oltre a un commercio di droga.

L'indagine prende spunto da quanto accaduto in una contrada del territorio di Monopoli dove uno degli indagati, il 32enne F.L. aveva costituito la propria base operativa. Le indagini presero il via da un furto avvenuto a Bari nel mese di maggio 2013 con l'intervento e un inseguimento di una Fiat Panda da parte della volante di polizia. L'incremento dei furti in quel periodo, non solo nella zona del sud est barese, ma anche nelle città di Bari e Taranto, aveva raggiunto livelli elevati e pertanto, intensificando sempre più le attività di indagine, il personale del settore anticrimine della Polizia di Monopoli era riuscito a stabilire che era ormai diventato largamente diffuso il fenomeno estorsivo del cosidetto "cavallo di ritorno".

Nel dettaglio, alcuni degli indagati, approfittando della necessità delle vittime dei furti di rientrare in possesso delle autovetture rubate, per le quali anche il rimborso assicurativo sarebbe risultato insoddisfacente, avevano creato una rete che costringeva le stesse vittime ad avvicinarli con la speranza di riottenere quanto sottratto con il furto. Questa pratica era talmente consolidata quasi da essere considerata una procedura "normale". In sostanza, in questo modo, con cifre non eccessive, i derubati tornavano in possesso delle rispettive auto, fatte abilmente ritrovare dagli indagati a distanza di pochi giorni dal pagamento del riscatto.

La polizia mise subito in atto una serrata attività di indagine. Con l'approfondimento del modus operandi degli indagati nei mesi successivi vennero riscontrati altri "ritrovamenti sospetti" e scoperte estorsioni, iniziando così a intravedere un vero e proprio sodalizio criminale, un embrione di organizzazione che intendeva occuparsi non soltanto di furti ed estorsioni ma anche di droga.

La complessità dei contatti ha permesso di rilevare la molteplicità delle attività illecite documentate con le attività investigative, una vera e propria immersione nell'ambiente criminale del sud est barese. Si risalì così all'identità di un ragazzo insospettabile di Locorotondo, solito frequentare i locali della movida del sud est barese, il quale consegnava a domicilio alcune dosi di cocaina. Le comunicazioni gergali con i sodali, le frasi dissimulate che invece erano riferite a piccole cessioni di droga, chiamata "pizza" o altri riferimenti, rappresentavano il tentativo, fallito, di criptare le comunicazioni tra i sodali. La mole impressionanti di dati investigativi, oltre ad essere tecnicamente confluiti nei 13 capi di accusa del provvedimento, è poi servita al personale della Polizia di Stato per operare una serie di interventi al fine di arginare i fenomeni delle estorsioni e dello spaccio di sostanze stupefacenti. La chiusura delle indagini, durate anni, permette di attribuire alla Polizia di Stato un significativo successo nel contrasto ad una organizzazione criminale stroncata sul nascere e resa inoffensiva.
  • Polizia di Stato
  • Estorsione
  • Monopoli
  • Furto auto
Altri contenuti a tema
Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Uffici adibiti abusivamente ad appartamenti. Scattano le denunce in via Martiri d'Avola Gli agenti hanno controllato anche la regolarità degli occupanti sul territorio nazionale. Una donna è stata trasferita nel Cpr di Roma
Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Incidente alla rotatoria di San Marcello, ferito il conducente di uno scooter Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un ausiliario del traffico. Sul posto 118, vigili e Polizia
Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne Bari, ruba una bici e aggredisce il proprietario e i poliziotti. Preso 32enne L'uomo si è introdotto in un garage in centro per commettere il furto, provando anche a sfuggire all'arresto degli agenti
San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia San Paolo, scoperte moto rubate, armi e ricetrasmittenti. Indaga la Polizia Squadra volante al lavoro per risalire all'identità dei responsabili. Trovati anche documenti e targhe rubate
Santeramo, estorsioni e minacce per farsi assumere da un imprenditore. Presi in cinque Santeramo, estorsioni e minacce per farsi assumere da un imprenditore. Presi in cinque I fatti contestati si sono svolti fra il 2016 e il 2019. Dalle prime ore dell'alba l'esecuzione delle misure cautelari
Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia Scomparso a Bari, trovato morto nel rogo di un campo tra Loseto e Adelfia L'uomo, un 79enne malato di Alzheimer, era uscito di casa ma non era rientrato, si indaga per comprendere l'accaduto
Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Bari, trovato con la droga in via Caldarola. Arrestato 21enne Le manette della Polizia sono scattate dopo la perquisizione del suo appartamento, a Modugno in zona Cecilia
Pezzi di auto e moto rubate in un box a Bari, indaga la polizia Pezzi di auto e moto rubate in un box a Bari, indaga la polizia Il locale si trova in zona San Pasquale e sembrava apparentemente incustodito
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.