Maria Chironna
Maria Chironna
Attualità

Monkeypox, Chironna: «Nessun allarme, ma non bisogna sottovalutarlo»

Intervista con l'infettivologa del Policlinico, e docente di igiene dell'Università di Bari

Nella serata di ieri, al Policlinico di Bari, è stato accertato il primo caso di vaiolo delle scimmie registrato in Puglia. Si tratta di un 36enne della provincia, messo in allarme da sintomi e lesioni riconducibili alla malattia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Maria Chironna, infettivologa del Policlinico di Bari, e docente di igiene di Uniba.

Dottoressa Chironna, può spiegarci sinteticamente che tipo di malattia sua il vaiolo delle scimmie?

Si tratta di un virus (monkeypox) che è responsabile del vaiolo delle scimmie, e che già da qualche anno ha fatto il salto di specie passando all'uomo. Questo è avvenuto in Africa. È evidente che ora il virus ha acquisito caratteristiche che lo hanno portato fuori dal contesto geografico in cui era rimasto confinato e sta dando casi in molti altri paesi del mondo. Nell'ospite umano, il monkeypox dà una malattia molto più leggera del vaiolo, che è invece stato completamente eradicato nell'uomo.

Oggi è stato accertato il primo caso in Puglia, dobbiamo preoccuparci?

Non c'è da allarmarsi, perché si trasmette solo mediante contatti stretti oltre che attraverso la via sessuale. Perciò, non c'è il rischio che si diffonda tra la popolazione. Non bisogna nemmeno sottovalutare la sua comparsa, però, in aree dove non aveva mai circolato prima, perché la comparsa di nuovi agenti patogeni desta sempre attenzione in sanità pubblica. È possibile che, entro breve tempo, il virus smetta di circolare e di causare la malattia in alcune persone, mettendo in campo adeguate misure di contenimento.

Come state gestendo in questo momento la situazione nella nostra Regione?

Le autorità sanitarie regionali hanno messo in campo attività di monitoraggio e individuato centri di riferimento per la diagnosi e cura. Inoltre, è stata messa in piedi una sorveglianza attiva dei casi, allo scopo di monitorare la diffusione sul territorio. I dipartimenti di prevenzione, a loro volta, sono stati chiamati nuovamente a svolgere un ruolo importante in attività di tracciamento, isolamento dei casi e contenimento di eventuali piccoli focolai.

Cosa consiglia a chi sospetta di essere stato contagiato?

Di non allarmarsi, innanzitutto. Se si è stati a contatto con un caso accertato o si ha il sospetto di essersi contagiati, in presenza di sintomi suggestivi, è bene rivolgersi al proprio medico che, dopo attenta valutazione, individuerà il percorso diagnostico più adeguato. Se c'è il sospetto di aver avuto rapporti sessuali con soggetti a rischio, e sintomatici, ci si può anche rivolgere ai centri di malattie sessualmente trasmesse, presenti sul territorio.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Bari dice addio a Daniela Fontana, è stata testimonial delle campagne contro il cancro Bari dice addio a Daniela Fontana, è stata testimonial delle campagne contro il cancro La malattia l'ha portata via nella notte. Il suo volto campeggiò sulla facciata del Piccinni per un'iniziativa della Lilt
Vaiolo delle scimmie, il primo caso in Puglia accertato al Policlinico Vaiolo delle scimmie, il primo caso in Puglia accertato al Policlinico Si tratta di un 36enne della provincia di Bari, ora si trova in isolamento
Stabilizzazione precari Asl Bari, Usppi revoca il sit-in Stabilizzazione precari Asl Bari, Usppi revoca il sit-in Incontro e rassicurazioni con i vertici della sanità regionale
Fondi Pnrr per la sanità in Puglia. La denuncia di Usppi: «Manca il personale» Fondi Pnrr per la sanità in Puglia. La denuncia di Usppi: «Manca il personale» A Bari arriva un ospedale di Comunità, ma anche undici tac, 2 risonanze, 8 sistemi radiologici, 2 angiografi e 10 ecomatografi
Ruspe in azione, addio allo scheletro della casa di cura "Santa Lucia" Ruspe in azione, addio allo scheletro della casa di cura "Santa Lucia" La struttura mai nata davvero svettava in via Fanelli da più di vent'anni, al suo posto 200 appartamenti
Stabilizzare i precari della Asl Bari, l'appello del sindacato Usppi Stabilizzare i precari della Asl Bari, l'appello del sindacato Usppi Necessario: «Evitare una “etacombe sociale” ed evitare disservizi nella Asl pugliesi»
Dai fiori alle pillole e cartine: così la Cannabis terapeutica   viene trasformata nel Laboratorio Galenico di Altamura Dai fiori alle pillole e cartine: così la Cannabis terapeutica viene trasformata nel Laboratorio Galenico di Altamura La nuova frontiera e i suoi molteplici impieghi: dal dolore cronico al supporto o sostituzione di terapie tradizionali inefficaci
Una nuova speranza per il piccolo Paolo, oggi prima somministrazione di Zolgensma Una nuova speranza per il piccolo Paolo, oggi prima somministrazione di Zolgensma La storia del bimbo affetto da Sma di tipo 1 fu l'attrito che portò alle dimissioni di Lopalco, la soddisfazione della famiglia
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.