Movimento 5 Stelle
Movimento 5 Stelle
Politica

Il Movimento 5 Stelle e la democrazia diretta, presentato a Bari "Rousseau"

In un incontro nella giornata di ieri i pentastellati hanno illustrato il programma e le varie app disponibili

Elezioni Regionali 2020
«Il futuro della politica e della democrazia italiana passa da strumenti come "Rousseau", l'innovativa piattaforma di democrazia diretta del Movimento 5 Stelle che oggi permette a tutti i nostri iscritti di partecipare attivamente alla vita politica, scegliendo i nostri candidati ad ogni livello istituzionale; presentando proposte di legge o proponendo modifiche a proposte esistenti, avviando azioni condivise sul territorio, accedendo a corsi di formazione o a strumenti per la tutela legale garantita dallo "Scudo della rete" o, presentando e condividendo progetti di pubblica utilità».

Questo è quanto hanno affermato a Bari i portavoce nazionali e locali del Movimento 5 Stelle in un incontro con la stampa, nel corso del quale ai giornalisti è stata data la possibilità di entrare nel "laboratorio politico digitale" frequentato ogni giorno da circa 140 mila cittadini da tutta Italia. Numeri che, assicurano i cinquestelle, sono destinati a crescere esponenzialmente. All'incontro erano presenti i parlamentari M5S Andrea Colletti e Nicola Morra, la consigliera regionale pugliese Antonella Laricchia, il consiglieri comunali di Bari, Bologna e Pescara, Sabino Mangano, Massimo Bugani (componente dell'Associazione Rousseau) e Enrica Sabatini (coordinatrice dell'evento #OpenDayRousseau).

«Il nome Rousseau - hanno spiegato - è in onore del famoso filosofo francese che sosteneva che se volete sapere cosa pensano le persone, dovete chiederlo a loro. Questo è esattamente ciò che facciamo attraverso questa piattaforma: chiediamo alle persone di partecipare, di dire al Movimento in quale direzione deve andare e quali persone dovrebbero essere elette».

«Tutti i membri del movimento sono stati scelti dai cittadini in rete - hanno detto i cinquestelle -attraverso un processo democratico che oggi abbiamo sviluppato su Rousseau con l'applicazione "Voto" (una delle 11 principali applicazioni della piattaforma) che permette agli iscritti di decidere chi può entrare nelle liste M5S o di decidere in modo condiviso le priorità del programma elettorale nazionale che gli eletti si assumeranno l'impegno di portare avanti».

Una applicazione che, ad esempio, nel corso delle ultime elezioni romane ha permesso l'elezione degli attuali 29 consiglieri comunali scelti tra 10.000 potenziali candidati o che ha dato la possibilità ai cinquestelle italiani di votare per decidere in maniera condivisa i vari punti (ambiente, giustizia, scuola, energia e molti altri) del programma nazionale M5S.

«Ma attraverso Rousseau - hanno spiegato i pentastellati - grazie ad un'altra applicazione "Lex Iscritti", i cittadini possono anche presentare proposte di legge che, se votate dalla rete, verranno prese in carico da un "portavoce tutor", che avrà il compito, coordinandosi con il proponente, di formalizzare la proposta trasformandola in un vero progetto di legge ufficiale M5S. Oggi su Rousseau ci sono oltre 6.200 leggi di iniziativa popolare, 12 delle quali sono già state portate in Parlamento».

I cinquestelle hanno poi presentato Lex parlamento, Lex regioni e Lex Europa, le applicazioni utilizzate dagli eletti M5S per condividere le loro azioni con i cittadini: «I nostri eletti infatti, prima di depositare una proposta di legge, sono obbligati a condividerla con gli iscritti attraverso un video esplicativo ed il relativo testo di legge che deve essere caricato su Rousseau per almeno 60 giorni durante i quali i cittadini possono proporre modifiche, integrazioni o critiche».

Ad oggi sono presenti sulla piattaforma 326 leggi presentate dai portavoce, con oltre 80.000 commenti, integrazioni e modifiche da parte dei membri del MoVimento 5 Stelle. I pentastellati hanno poi illustrato le altre funzionalità di Rousseau: l'applicazione Sharing, che permette la condivisione di atti comunali e regionali tra portavoce di diversi enti locali mettendo in condivisione conoscenze, competenze ed esperienze; l'applicazione "E-learning": un supporto formativo a distanza per tutti i cittadini che oggi sono già presenti nelle istituzioni (o che entreranno in futuro) e per tutti quelli che abbiano voglia di approfondire argomenti o tematiche necessarie per supportare i propri portavoce o per esercitare, semplicemente, il proprio diritto di essere cittadini attivi e consapevoli; l'applicazione "Scudo della Rete" attraverso la quale si è creata una rete di avvocati disponibili a difendere gli eletti del Movimento 5 stelle nelle cause legali spesso avviate per scopo intimidatorio.

In ultimo si è parlato di "Call to Action" che vuole realizzare un'idea semplice, ma ambiziosa: dare la possibilità a tutti i cittadini di partecipare, socializzare e collaborare su progetti condivisi costruendo, grazie al potere della Rete, un ponte che faccia incontrare chi vuole mettersi al servizio della comunità con chi, invece, vuole fare appello alle risorse della comunità stessa per, ad esempio, decidere di incontrarsi per pulire un parco o una spiaggia, organizzare una raccolta coperte o spiegare come si legge un bilancio comunale o un piano urbanistico. Ogni settimana sono centinaia le "calls to action" su tutto il territorio italiano attraverso le quali migliaia di cittadini si organizzano.

«Il progetto Rousseau - hanno concluso - è completamente autofinanziato grazie a micro-donazioni da 30 euro che nel 2013 ci hanno portato 700.000€ dei quali abbiamo speso solo la metà, l'altra metà è stata donata per la ricostruzione di una scuola di una città distrutta dal terremoto. Non abbiamo utilizzato denaro pubblico dal per rispettare la volontà degli italiani che, con un referendum negli anni 90, hanno votato per l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti anzi, fino ad oggi abbiamo mantenuto l'impegno di "restituire" soldi alla collettività con gli oltre 36 milioni di euro derivanti dal taglio degli stipendi dei nostri parlamentari e, qui in Puglia, con gli oltre 210 mila euro restituiti dai consiglieri regionali».
  • Movimento 5 Stelle
  • Conferenza
Altri contenuti a tema
Piano di riordino ospedaliero in Puglia, scoppia la polemica politica Piano di riordino ospedaliero in Puglia, scoppia la polemica politica Centrodestra e Movimento 5 stelle attaccano Emiliano, che ha presentato oggi la nuova organizzazione dei reparti
Riapertura scuole, dal governo arrivano 2,4 milioni per la Puglia Riapertura scuole, dal governo arrivano 2,4 milioni per la Puglia Alla Città metropolitana di Bari andranno 600mila euro, di cui 200mila al Comune. Fondi saranno impiegati per adeguamento strutturale
Movimento 5 stelle, la piattaforma Rousseau dice sì alla coalizione con la civica Puglia futura Movimento 5 stelle, la piattaforma Rousseau dice sì alla coalizione con la civica Puglia futura La compagine pentastellata incassa l'ok dall'elettorato del web. Laricchia: «Tutti i candidati dovranno firmare il programma»
Magliette della Protezione civile Puglia, scoppia la polemica fra Movimento 5 stelle e Regione Magliette della Protezione civile Puglia, scoppia la polemica fra Movimento 5 stelle e Regione Antonella Laricchia solleva il polverone sul prezzo "maggiorato", ma il dirigente del settore si difende
Puglia, M5S prova la strada della lista civica, si vota su Rousseau Puglia, M5S prova la strada della lista civica, si vota su Rousseau Oggi e domani gli iscritti alla piattaforma invitati a decidere sull'argomento, in caso positivo nascerà una "alleanza coi cittadini"
Regionali, il M5S Puglia attacca Lopalco: «Si dimetta da task force se fa campagna elettorale» Regionali, il M5S Puglia attacca Lopalco: «Si dimetta da task force se fa campagna elettorale» A puntare l'indice contro la candidatura dell'epidemiologo sono anche Forza Italia e Fratelli d'Italia
Regionali Puglia, Crimi rinnova la fiducia a Laricchia: «Nessun passo indietro» Regionali Puglia, Crimi rinnova la fiducia a Laricchia: «Nessun passo indietro» Il capo politico del Movimento 5 stelle: «La giusta, consapevole e preparata guida che serve ora alla comunità pugliese»
Crimi e Catalfo lanciano Laricchia: «Sarà la prima presidente donna in Puglia» Crimi e Catalfo lanciano Laricchia: «Sarà la prima presidente donna in Puglia» Il ministro del lavoro a Bari per l'inaugurazione del comitato del Movimento, in videocollegamento il capo politico pentastellato
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.