Una volante dei carabinieri di notte
Una volante dei carabinieri di notte
Cronaca

Guerra di mafia a Bari, 5 arresti per tentato omicidio

Lo scorso 19 marzo si sarebbero resi responsabili dell'aggressione ad un 24enne del gruppo rivale

Nel corso della mattinata, i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Bari, con il supporto di personale del 6° Nucleo elicotteri e del Nucleo cinofili di Modugno, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di misura cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della Procura della Repubblica di Bari - Direzione Distrettuale Antimafia - nei confronti di 4 persone tradotte in carcere ed una sottoposta all'obbligo di dimora nel comune di residenza, ritenute responsabili, a vario titolo, di concorso in duplice tentato omicidio, favoreggiamento, porto e detenzione di arma comune da sparo, esplosione di colpi di arma da fuoco, con la aggravante del metodo mafioso.
Secondo l'impostazione accusatoria della Direzione Distrettuale Antimafia e del Gip del Tribunale di Bari (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), alle ore 19.30 circa del 19 marzo scorso, nel centralissimo viale delle Regioni del quartiere San Paolo di Bari, tre uomini, di 48, 45 e 28 anni, allo scopo di rispondere all'aggressione di un appartenente ad un gruppo rivale, 24enne del posto - che, a sua volta, poche ore prima avrebbe esploso dei colpi di arma da fuoco nei confronti dell'abitazione di uno dei predetti -, a bordo di un'auto Citroen C2 avrebbero affiancato l'auto Suzuki Ignis condotta dal 24enne ed esploso numerosi colpi di arma da fuoco (almeno 7), ferendo il giovane all'anca e alla coscia destra, e la fidanzata, 16enne, alla gamba sinistra e alla caviglia destra. Una quinta persona indagata, una donna di 48 anni, si sarebbe adoperata per eludere le indagini degli investigatori e favorire l'impunità dei tre autori del duplice ferimento, fornendo false dichiarazioni e sporgendo una falsa denuncia di furto dell'auto utilizzata per l'agguato, in realtà fatta demolire, ricevendo, in cambio, tre mila euro quale risarcimento.
Le indagini, condotte dai militari del Nucleo Investigativo e coordinate dalla Procura della Repubblica - D.D.A. - di Bari, sviluppate perlopiù mediante servizi di osservazione e pedinamento e per mezzo di attività tecniche, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei cinque indagati e di individuare il movente dei fatti delittuosi. Gli stessi, infatti, nell'ambito di diversi scontri a fuoco tra fazioni criminali tra loro contrapposte, verosimilmente determinatesi per la gestione degli affari illeciti nel quartiere San Paolo, si sarebbero svolti in sequenza ravvicinata, nella quale il 24enne, poche ore prima di subire l'agguato unitamente alla propria compagna minorenne, a sua volta avrebbe esploso dei colpi di arma da fuoco verso l'abitazione di uno dei tre rivali, fortunatamente senza colpire nessuno.
Il quadro indiziario raccolto dai Carabinieri a carico degli indagati è stato condiviso dalla Direzione Distrettuale Antimafia, che ha avanzato una richiesta di emissione di misura cautelare. Il Gip del Tribunale di Bari, accogliendo tale richiesta, ha disposto il collocamento in carcere per i quattro autori presunti dello scontro a fuoco e l'obbligo di dimora per la donna che si sarebbe adoperata per eludere le indagini.
  • mafia
Altri contenuti a tema
Savino Parisi resta in carcere, deve scontare una pena cumulativa di 12 anni Savino Parisi resta in carcere, deve scontare una pena cumulativa di 12 anni Si è reso necessario aggiornare quanto deve restare in prigione a seguito delle numerose e concorrenti sentenze di condanna
L'ombra della mafia su Valenzano, così il clan comandava il consiglio comunale L'ombra della mafia su Valenzano, così il clan comandava il consiglio comunale Il sodalizio tra la consigliera Francesca Ferri, il compagno Filippo Dentamaro e il boss Salvatore Buscemi per avere in mano la città
Aggrediscono in gruppo 35enne del clan rivale al San Paolo, arrestati. Tra di loro un minore Aggrediscono in gruppo 35enne del clan rivale al San Paolo, arrestati. Tra di loro un minore Stando all'accusa avrebbero colpito l'uomo al volto, anche con un tirapugni, per poi sparargli alla gamba destra
Tentata estorsione con metodo mafioso, cinque arresti a San Girolamo Tentata estorsione con metodo mafioso, cinque arresti a San Girolamo I presunti responsabili avrebbero minacciato di ritorsioni un commerciante che stava aprendo una nuova attività
Ventuno anni fa l'omicidio di Michele Fazio, a Bari vecchia il ricordo del giovane vittima di mafia Ventuno anni fa l'omicidio di Michele Fazio, a Bari vecchia il ricordo del giovane vittima di mafia Decaro: "Da quel giorno la storia della nostra città ha preso una direzione diversa"
San Paolo, inaugurato il giardino Maria Colangiuli vittima innocente di mafia San Paolo, inaugurato il giardino Maria Colangiuli vittima innocente di mafia Lacoppola: «Con l'aiuto delle altre istituzioni, l'amministrazione prosegue l'impegno per affermare i valori della legalità»
Operazione "Brothers", condanne definitive per cinque esponenti della criminalità organizzata Operazione "Brothers", condanne definitive per cinque esponenti della criminalità organizzata Sono stati condannati a pene variabili tra i 5 e gli 11 anni di reclusione
Omicidio Impastato, a Catino cerimonia con l'associazione Falcone Omicidio Impastato, a Catino cerimonia con l'associazione Falcone Il presidente Brandi: "Importante continuare a ricordare il suo esempio, specie con le nuove generazioni"
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.