Il workshop sul Coronavirus in Puglia
Il workshop sul Coronavirus in Puglia
Attualità

Coronavirus in Puglia, 435 gli operatori sanitari contagiati nell'emergenza

Il sistema Sanitario Pugliese ha retto sul piano della Sicurezza negli ambienti di Lavoro contribuendo al contenimento della epidemia

Elezioni Regionali 2020
«Il sistema Sanitario Pugliese ha retto sul piano della Sicurezza negli ambienti di Lavoro contribuendo al contenimento della epidemia».

Lo ha dichiarato Danny Sivo, medico responsabile del SIRGISL, sistema integrato regionale di gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro, durante il workshop tenutosi questa mattina"Pandemia Covid-19 in Puglia: la Salute e la Sicurezza nel Servizio Sanitario Regionale".

Con l'iniziativa si è discusso della gestione e della valutazione del rischio nelle Aziende e negli Enti del SSR e delle le strategie operative e dei modelli per il futuro. Nel corso del workshop i tecnici regionali (medici del lavoro, esperti di sicurezza) hanno discusso delle criticità e dei punti di forza del sistema al fine di preparare al meglio la Regione per ogni evenienza in stretto coordinamento con tutte le strutture strategiche regionali.

«Sono stati 435 - ha proseguito - gli operatori del SSR (meno del 1% del totale), compresi i Medici della Medicina Generale e gli amministrativi, che si sono contagiati durante la epidemia di Coronavirus in Puglia. La Puglia ha avuto una percentuale di contagiati sul totale di operatori sanitari del 9%, contro una media nazionale del 12%. I contagi non sono però avvenuti nei reparti COVID (ad altissimo rischio) dove è stata massima l'attenzione da parte del Sistema alla scrupolosa applicazione dei protocolli ed uso dei DPI, ma in reparti diversi».

«Inoltre - ha aggiungo - sono stati 40 milioni i pezzi di DPI utilizzati finora in Puglia nel corso dell'emergenza. La tutela della sicurezza negli ospedali è stata fondamentale nella tenuta della intera epidemia pugliese, per la accertata natura nosocomiale dei primi clusters potenzialmente capaci di innescare e moltiplicare le catene di contagio nel territorio, come avvenuto per SARS e SARS Covid-2 nelle aree del nord Italia inizialmente colpite. Per questa ragione il SiRGISL, che ha l'obiettivo di integrare con modalità e procedure omogenee su tutta la Regione le variegate dimensioni della Sicurezza in sanità, sin dal 29 gennaio aveva emanato circolari specifiche cui ne sono seguite altre su ogni aspetto dal tipo di Kit da distribuire agli operatori alla formazione alla distribuzione. L'attività è stata coordinata dal Dipartimento regionale per la Promozione della Salute e dal Dirigente della specifica Task Force Regionale. Fondamentale è stato anche l'apporto dell'esperienza del sistema della Medicina del Lavoro pugliese».

«In questo momento – ha detto il prof. Pier Luigi Lopalco, coordinatore per l'emergenza epidemiologica in Puglia – ci stiamo lasciando alle spalle l'emergenza sanitaria. È il momento di fare i bilanci. E i bilanci non servono per dire che siamo stati bravi o non lo siamo stati. Servono per dire quel che ha funzionato e quel che non ha funzionato. Perché quello che ci aspetta è probabilmente un momento di prevenzione ancora più serrata. Dal primo bilancio possiamo dire che il sistema Puglia ha funzionato: contro una media del 12% dei casi a livello nazionale che hanno riguardato operatori sanitari, in Puglia ne abbiamo solo il 9%. Questo significa che le misure di prevenzione e protezione messe in atto negli ospedali sono state precoci e hanno funzionato. Ragioneremo anche su quello che dovrà essere migliorato per prepararci a quello che un po' tutti temiamo, ovvero l'arrivo del freddo e dell'autunno».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, un nuovo caso registrato in Puglia Coronavirus, un nuovo caso registrato in Puglia Positivo un cittadino del brindisino. In provincia di Lecce si verifica anche l'unico decesso di giornata
Bando Start della Regione Puglia, da oggi via alle domande Bando Start della Regione Puglia, da oggi via alle domande Previsti 2 mila euro di contributo per autonomi e partite iva rimasti fuori dal sistema di aiuti previsti dal Governo
Coronavirus, altra giornata Covid-free per la Puglia. Zero casi su oltre 2mila tamponi Coronavirus, altra giornata Covid-free per la Puglia. Zero casi su oltre 2mila tamponi Non si registrano decessi. I pazienti guariti sono 3.926 e 68 sono le persone attualmente positive
Incertezza sulla ripartenza della scuola a settembre, a Bari sit-in dei dirigenti Incertezza sulla ripartenza della scuola a settembre, a Bari sit-in dei dirigenti Ecco le istanze che hanno presentato al direttore generale Anna Camilleri affinché vengano poste al ministro
Turismo post Covid, anche Chiara Ferragni sceglie la Puglia Turismo post Covid, anche Chiara Ferragni sceglie la Puglia La fashion blogger impegnata questa estate in un giro per l'Italia per aiutare il settore in crisi causa emergenza sanitaria
Controlli anti-Covid in spiaggia, per Bari ci sono 17mila euro dalla Regione Controlli anti-Covid in spiaggia, per Bari ci sono 17mila euro dalla Regione Dopo l'accordo con Anci Puglia, partiti oggi i contributi destinati ai 69 comuni costieri della Puglia
Coronavirus in Puglia, nessun nuovo caso su oltre 2.600 tamponi Coronavirus in Puglia, nessun nuovo caso su oltre 2.600 tamponi Non si registra alcun decesso, i guariti sono 3.926 e gli attuali positivi restano 68. I ricoverati sono 10
Coronavirus, in Puglia zero nuovi casi e un decesso Coronavirus, in Puglia zero nuovi casi e un decesso Sono 3926 i pazienti guariti e 68 sono i casi attualmente positivi in regione. I ricoverati scendono a 10
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.