Palazzo di città Bari
Palazzo di città Bari
Servizi sociali

Contrasto alla marginalità adulta, a Bari arrivano altri 600mila euro

L'assessorato al Welfare ha ottenuto il finanziamento dal ministero delle Politiche sociali

Grazie al lavoro realizzato quest'anno, alla rapidità e correttezza delle procedure amministrative individuate, nonché ai risultati raggiunti, in termini di inclusione e coinvolgimento dei cittadini, l'assessorato comunale al Welfare ha ottenuto un nuovo finanziamento per gli interventi finalizzati al contrasto della grave emarginazione adulta e della condizione di senza dimora, nell'ambito dell'avviso 4/2016 a valere sui due programmi POC Inclusione e PO I FEAD, già ampliati a seguito dell'assegnazione di residui non utilizzati da altri Comuni.

Il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha infatti valutato positivamente gli interventi realizzati, rilevando la correttezza delle procedure adottate dall'assessorato al Welfare e riconoscendo, quindi, un nuovo finanziamento all'ambito di Bari dell'importo complessivo di 637.882,51 euro, di cui 490.560 euro a valere sul POC Inclusione e 147.322,51 euro sul PO I FEAD.

«Siamo orgogliosi di ricevere un nuovo riconoscimento dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali - commenta l'assessora al Welfare Francesca Bottalico - che ha previsto una premialità per il programma di azioni di contrasto alle povertà estreme, che potrà rendere sostenibili nel tempo i servizi avviati. Si tratta di un risultato importantissimo perché siamo riusciti ad intercettare tantissime persone e avviare percorsi di autonomia, anche per casi molto complessi, grazie all'attivazione di numerosi servizi di prossimità, alcuni dei quali a carattere sperimentale, oggi adottati in diverse città pugliesi e italiane».

Il risultato è frutto di un programma complesso di azioni individuate nell'ambito del primo Piano cittadino di contrasto alla grave marginalità adulta, che negli ultimi anni ha messo in campo un ventaglio di interventi integrati per il contrasto delle povertà alimentari, socio-sanitarie e abitative con l'avvio di percorsi di autonomia per adulti e famiglie in povertà estrema. È il caso, ad esempio, delle nuove Case di comunità per vulnerabili e Condomini Sociali per famiglie in situazioni di sfratto esecutivo, adulti e anziani in situazione di povertà e persone senza dimora. Progettualità che, in linea con le linee guida nazionali, hanno avviato la sperimentazione di interventi infrastrutturali sociali per l'accoglienza e la tutela socio-sanitaria delle persone senza dimora o di quelle fortemente deprivate, particolarmente esposte perciò al rischio di vulnerabilità sanitaria, in attesa di una presa in carico del sistema sanitario. Tali progetti di accoglienza hanno rappresentato una risposta qualificata ai bisogni complessi di singoli e famiglie che, all'interno delle strutture e dei servizi di welfare esistenti, non avrebbero potuto trovare un contesto adeguato per la presa in carico complessiva.

Pertanto, attraverso una strutturazione di questa tipologia di servizi dedicati alle situazioni più a rischio devianza, e non prettamente sanitari, potranno essere avviati progetti individualizzati con l'impiego di maggiori risorse per le situazioni più complesse.

Fondamentale è stata, inoltre, l'attivazione di nuovi servizi di prossimità e del servizio sperimentale UPE - Unità straordinaria povertà estreme, che agisce sia nella fase dell'emergenza sia in quella del sostegno e dell'accompagnamento all'autonomia lavorativa e abitativa attraverso la presa in carico della persona da parte di un'equipe multidisciplinare che include competenze educative, sociali, legali, sanitarie, psicologiche, transculturali e organizzative.

Nella stessa direzione va la creazione della "La casa della genitorialità - i primi 1000 giorni", un servizio a supporto delle mamme partorienti sole e/o in condizioni di fragilità socio-economica presso il reparto materno-infantile dei presidi ospedalieri cittadini. Un'esperienza innovativa pensata per sostenere famiglie con figli di età compresa tra 0 e 3 anni attraverso interventi di supervisione/valutazione scientifica sulla presa in carico di nuclei vulnerabili e neogenitori tra ospedale e territorio, con azioni di accompagnamento domiciliare post-parto, gruppi di ascolto e mutuo aiuto tra i genitori, scuola per favorire la genitorialità consapevole, sportello mamma e sportello papà, mediazione linguistica e culturale della nascita, orientamento per il periodo prenatale ed emporio sociale.

Accanto a questi servizi strutturati, si è lavorato per l'avvio di percorsi individualizzati per il raggiungimento dell'autonomia attraverso l'attività di sportelli di orientamento lavorativo e legale, percorsi di informazione e accesso alle risorse realizzati nei territori maggiormente vulnerabili, corsi di educazione alimentare e distribuzione di social bags e kit di emergenza a cura delle Unità di strada in favore delle persone più fragili.

Nel corso dell'intera programmazione sono state raggiunte complessivamente 12.573 persone.
  • Francesca Bottalico
  • Welfare
Altri contenuti a tema
Piano sociale di zona, ok dal consiglio comunale: 170 milioni in due anni Piano sociale di zona, ok dal consiglio comunale: 170 milioni in due anni Un documento tecnico-strategico, amministrativo e contabile, costituito da sette macroaree progettuali
Casa dei bambini/e, inaugurata la nuova sede in via Calefati Casa dei bambini/e, inaugurata la nuova sede in via Calefati Un emporio solidale di 80 mq pensato per supportare le famiglie in situazioni di povertà
A Bari torna lo spettacolo solidale "Le strade di San Nicola", appuntamento al Petruzzelli A Bari torna lo spettacolo solidale "Le strade di San Nicola", appuntamento al Petruzzelli La nona edizione rassegna dedicata al patrono si terrà il prossimo 8 dicembre
"Famiglie senza confini", al via il nuovo corso di formazione e accompagnamento "Famiglie senza confini", al via il nuovo corso di formazione e accompagnamento Un'iniziativa dell'assessorato al Welfare destinata agli adulti interessati ad aderire al progetto 
Contro la violenza di genere giochiamo per vincere”, al via il progetto di SSC Bari e Comune Contro la violenza di genere giochiamo per vincere”, al via il progetto di SSC Bari e Comune Obiettivo è fornire ai giovani tesserati le informazioni e gli strumenti necessari per combattere le discriminazioni
Bari "Città che legge", confermato il riconoscimento del Cepell Bari "Città che legge", confermato il riconoscimento del Cepell Premiato ancora una volta il progetto comunale "Social book"
"Bari social food", a Japigia il recupero del cibo da parte dell'Associazione persone down "Bari social food", a Japigia il recupero del cibo da parte dell'Associazione persone down Ogni martedì i ragazzi raccolgono gli alimenti invenduti dai banchetti mercatali per poi consegnarli allo sportello Caritas
Al via “70100 Emozioni”, progetto per giovani a rischio esclusione e con disabilità Al via “70100 Emozioni”, progetto per giovani a rischio esclusione e con disabilità Un'iniziativa finanziata dall'assessorato comunale al Welfare
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.