La rimozione dellinsegna Auchan a Casamassima
La rimozione dellinsegna Auchan a Casamassima
Scuola e Lavoro

Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto

Fumata nera dall'incontro tra sindacati e azienda, Filcams Cgil: «Mai firmeremo un accordo che tuteli solo parte dell'occupazione»

Dopo l'ottimismo successivo all'incontro in Regione Puglia tra le parti, per i dipendenti dell'ormai ex Auchan di Casamassima la doccia fredda. Nulla di fatto, infatti, nell'incontro tenutosi tra azienda e sindacati nel pomeriggio di ieri in cui avrebbero dovuto emergere più informazioni circa il passaggio del negozio, avvenuto ufficialmente ieri da Margherita distribuzione all'affittuaria Leonardo srl e al successivo passaggio in subaffitto a Ermes srl.

L'incontro doveva servire a capire in che modo l'azienda Conad intende gestire gli esuberi dichiarati nella riunione in task force regionale, quantificati nella misura di 130 persone su un totale di 271 dipendenti.

«L'accordo di cassa integrazione straordinaria, richiesta al tavolo oggi, non può diventare un semplice atto notarile da parte delle organizzazioni sindacali - sottolineano da Filcams Cgil - il tema della salvaguardia occupazionale su tutto il perimetro dei lavoratori di Casamassima diventa necessario. Non si può firmare un accordo senza sapere se, chi subentrerà nel resto della superficie inutilizzata, si assumerà l'obbligo dell'assunzione dei lavoratori in esubero. Non si può parlare di una possibile mobilità volontaria senza conoscere le cifre di incentivo».

E i sindacati promettono battaglia: «Mai firmeremo un accordo che tuteli solo parte dell'occupazione. A Casamassima esistono 271 persone a cui va garantito un futuro, motivo per cui in task Force nel prossimo incontro del 12 febbraio chiederemo un intervento e un impegno del livello regionale sulla gestione delle licenze».

Foto BIT-LIVE
  • Sindacati
  • centro commerciale
Altri contenuti a tema
Bari, da oggi c'è silenzio nella zona industriale, ferme tutte le grandi aziende Bari, da oggi c'è silenzio nella zona industriale, ferme tutte le grandi aziende Falcetta (Uilm): «Resta il nodo legato a tante e piccole medie imprese del territorio provinciale»
Accordo Regione Puglia-parti sociali, cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti Accordo Regione Puglia-parti sociali, cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti In arrivo i primi 106 milioni. A beneficiarne saranno gli impiegati privati, di pesca, agricoltura e terzo settore
Ressa in un ipermercato di Bari per un'offerta, interviene Decaro Ressa in un ipermercato di Bari per un'offerta, interviene Decaro Il sindaco: «È assurdo che in questo momento si facciano prevalere le ragioni del profitto su quelle della salute dei cittadini»
Emergenza coronavirus, chiusura domenicale per i principali supermarket della gdo del sud Italia Emergenza coronavirus, chiusura domenicale per i principali supermarket della gdo del sud Italia Tra gli aderenti Megamark e Carrefour, le domeniche interessate dalla non apertura sono il 22 e il 29 marzo
Prevenzione Coronavirus, i centri commerciali di Bari optano per la sanificazione Prevenzione Coronavirus, i centri commerciali di Bari optano per la sanificazione Nella galleria di Casamassima e a Bariblu nelle scorse ore si sono svolte le operazioni di disinfezione
Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Fuori dalla stabilizzazione in tutta Italia 4 mila dipendenti, sindacati sul piede di guerra: «Scelta precisa del Miur e del Governo»
Nuovo centro commerciale a Santa Caterina, ufficiale l'apertura il 28 febbraio Nuovo centro commerciale a Santa Caterina, ufficiale l'apertura il 28 febbraio Al momento sono tre i negozi che inaugureranno venerdì la nuova struttura, ecco chi sono
Conad in Puglia: «Disposti a cedere aree gratis se chi subentra prende i dipendenti» Conad in Puglia: «Disposti a cedere aree gratis se chi subentra prende i dipendenti» In Commissione Attività Produttive alla Camera il segretario Imolese ha fatto il punto della situazione, nessun licenziamento nel 2020 ma 3 mila esuberi
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.