assemblea no inceneritore
assemblea no inceneritore
Territorio

I comitati contro l'inceneritore Bari-Modugno. Mangano: «Decaro mantenga la parola»

Oggi l'assemblea in Città Metropolitana. Pro Ambiente Modugno: «Cittadini compatti per dire “no”. Il sindaco di Bari? È stato corretto»

«Noi l'inceneritore non lo vogliamo!». È questo il messaggio che filtra da cittadini, comitati, associazioni e movimenti politici riunitisi oggi pomeriggio presso la sede della Città Metropolitana di Bari per fare il punto della situazione sulla lotta all'impianto di ossi-combustione che l'azienda Newo è in predicato di costruire nella zona industriale di Bari-Modugno.

Un'assemblea pubblica per serrare le fila e tuffarsi insieme nella battaglia di capitale importanza a tutela dell'ambiente e del territorio, minacciato da una bomba ecologica che aleggia come una nuvola nera sui comuni di Bari, Modugno, Bitonto e sulle aree limitrofe che afferiscono alla Città Metropolitana.

«La cosa più bella in questa torbida situazione – sottolinea Tino Ferrulli, presidente del Comitato Pro Ambiente Modugno – è che finalmente si è costituito un forum provinciale tra comitati, associazioni, cittadini, parti politiche e persone che hanno a cuore il territorio. Siamo arrivati a un punto di non ritorno, e questo sta creando consapevolezza anche in tutta la parte istituzionale. L'obiettivo non è solo contrastare la costruzione dell'impianto, ma anche cogliere l'occasione per avviare un percorso di risanamento e invertire lo scempio ambientale perpetrato negli anni».

Gli strumenti a disposizione della popolazione a contrasto di questa prossima edificazione sono pochi, ma gli ambientalisti e i cittadini vogliono provarle tutte per scacciare il fantasma Newo. «Continueremo in maniera incessante a far sentire il nostro no con manifestazioni e azioni di protesta – prosegue Ferrulli. In più presenteremo degli esposti alla Magistratura per verificare se le autorizzazioni sono state rilasciate rispettando la normativa vigente e agiremo anche sul fronte istituzionale, cercando (come nel caso del Comune di Bari) di far approvare regolamenti che vedano sempre il cittadino partecipe di questi procedimenti».

Una soluzione che ha visto più di un'apertura da parte delle istituzioni locali, con il sindaco metropolitano Decaro in testa alla macchina mossasi per invertire l'iter autorizzativo della Regione Puglia. «Il sindaco Decaro – conclude Ferrulli – è stato corretto, contrapponendosi in maniera decisa una volta preso atto dell'errore commesso dai dirigenti comunali di cui lui non era a conoscenza. Ha prodotto un'azione molto incisiva che potrebbe portare all'annullamento del procedimento. L'impianto Newo si regge sui finanziamenti regionali, e il primo cittadino barese è molto motivato a far mancare all'inceneritore la fonte principale di alimentazione, ovvero i rifiuti urbani conferiti da Amiu. Una posizione ribadita anche dal presidente Grandaliano. Se così dovesse essere, verrebbero meno i presupposti per l'esistenza stessa di questo impianto».

Presenti all'assemblea anche le compagini politiche che da sempre si sono dette contrarie alla realizzazione dell'inceneritore. All'incontro ha partecipato anche il consigliere comunale e portavoce del Movimento 5 Stelle barese Sabino Mangano, che spiega la volontà della compagine pentastellata di «Ribadire l'impegno a tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. Dopo le promesse di azioni concrete da parte dell'amministrazione, lunedì depositeremo un ordine del giorno con cui chiediamo al sindaco di tenere fede a quanto dichiarato durante la monotematica nel consiglio comunale di Modugno. Il tempo è poco, vista la scadenza del 3 aprile, e quindi se il Comune si è detto disponibile a presentare ricorso contro la realizzazione dell'inceneritore deve dar seguito alla parola data».
assemblea no inceneritoreassemblea no inceneritoreassemblea no inceneritoreassemblea no inceneritoreassemblea no inceneritore
  • Movimento 5 Stelle
  • inceneritore newo
  • comitato pro ambiente modugno
  • sabino mangano
Altri contenuti a tema
Elezioni Politiche, Conte a Bari: «Fondi russi ai partiti? Illazioni, spero false» Elezioni Politiche, Conte a Bari: «Fondi russi ai partiti? Illazioni, spero false» L'ex premier è stato in visita nella città vecchia. Una delle massaie: «Non ti dovevano togliere dal Chigi»
Manifesti elettorali strappati, la denuncia del Movimento 5 Stelle Manifesti elettorali strappati, la denuncia del Movimento 5 Stelle De Giglio: «Invito chiunque veda qualcuno compiere un gesto simile a denunciare»
Elezioni politiche, il Movimento 5 stelle presenta i candidati a Bari: «No a speculazione e agenda Draghi» Elezioni politiche, il Movimento 5 stelle presenta i candidati a Bari: «No a speculazione e agenda Draghi» Turco: «Noi dalla parte di imprese e cittadini che creano ricchezza. Rilanciare reddito di cittadinanza e misure ecologiche»
Movimento 5 Stelle, Conte capolista a Foggia. A Bari candidato De Giglio alla Camera Movimento 5 Stelle, Conte capolista a Foggia. A Bari candidato De Giglio alla Camera Conferme per diversi uscenti tra cui Dell'Olio
Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Ok all'inceneritore dal Consiglio di Stato, il Comitato: ​«Brutto scivolone» Da capire cosa sarà possibile fare ora per impedire la realizzazione dell'impianto ritenuto inquinante
Box di edilizia residenziale pubblica a Mungivacca, M5S: «Spreco di soldi pubblici» Box di edilizia residenziale pubblica a Mungivacca, M5S: «Spreco di soldi pubblici» Laricchia e Simone: «I residenti sono esasperati da una situazione che dura da quasi 20 anni»
Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Inceneritore NewO, non è finita. La società ha fatto ricorso Tre settimane fa una sentenza del Tar aveva dato ragione ai comitati e ai Comuni
Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Inceneritore Newo, il Comitato: "Soddisfazione per la sentenza del Tar" Quanto deciso è: "Un vademecum, da tenere presente in materia di smaltimento rifiuti"
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.