protesta lavoratori mercatone uno
protesta lavoratori mercatone uno
Scuola e Lavoro

Caso Mercatone Uno, i lavoratori protestano davanti al Consiglio regionale della Puglia

Questa mattina il presidio. I sindacati: «La politica locale intervenga con il Mise per la nomina di nuovi commissari»

Si acuisce la gravità della situazione relativa ai dipendenti di Mercatone Uno, la catena nazionale specializzata in arredamento e forniture fallita a fine maggio insieme alla holding Sharnon che la controllava. Di ieri la notizia delle dimissioni dei commissari straordinari nominati dal Tribunale di Bologna per traghettare la società verso una nuova acquisizione. Un ulteriore tassello in una vicenda già di per sé complicata, che ha portato questa mattina lavoratori dei punti vendita regionali e sindacati a manifestare in presidio davanti al Consiglio regionale della Puglia, a Bari in via Gentile, dove sono stati ricevuti dal presidente Mario Loizzo.

«Al Consiglio regionale - dice Barbara Neglia, segretario Filcams Cgil Puglia - chiediamo di intervenire con il Mise, alla luce della notizia delle dimissioni rassegnate dai commissari. Abbiamo la necessità di accelerare il percorso di nomina dei nuovi commissari per garantire la Cassa integrazione ai lavoratori. Secondo step è l'individuazione di un piano industriale che possa dare spazio a questi dipendenti in termini occupazionali».

La priorità, quindi, è tamponare con l'accesso agli ammortizzatori sociali. Poi la ricerca di investitori seri, dopo il fallimento di Sharnon Holding, che controllava Mercatone Uno dopo averne rilevato 55 punti vendita circa un anno fa. «Questi lavoratori - aggiunge Valentina Donno, segretario Fisascat Cisl Puglia - non hanno percepito lo stipendio di maggio e chissà se lo riceveranno. La nostra necessità, però, non è tanto il sussidio quanto trovare imprenditori che diano sicurezze occupazionali a 256 famiglie in Puglia».

I sindacati chiedono, inoltre, un sostegno da parte degli istituti bancari per «Sospendere le rate di prestiti, mutui e finanziamenti in un momento in cui queste famiglie non percepiscono retribuzione e non hanno accesso all'ammortizzatore sociale», dice Marco Dell'Anna di Uiltucs Puglia, facendo riferimento a quanto già fatto negli scorsi giorni da una banca e caldeggiato dallo stesso Consiglio della Puglia. «Dal nostro punto di vista - prosegue Dell'Anna - il contratto di vendita fra i commissari e Sharnon non si è perfezionato perché il gruppo non ha pagato le rate pattuite. Di conseguenza la retrocessione del ramo d'azienda e dei rapporti di lavoro deve avvenire alle condizioni originali, precedenti all'avvento di Sharnon. I full time e i part time devono essere ripristinati alla forma originaria, per consentire un accesso agli ammortizzatori sociali a condizioni più vantaggiose».

«Una vicenda incredibile», commenta Loizzo, che ha ricevuto una delegazione dei 256 dipendenti dei 6 punti vendita pugliesi dell'azienda, insieme ai consiglieri regionali Sergio Blasi e Francesco Ventola e il sindaco di Ruvo Franco Chieco. In una lettera inviata al ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, il presidente del Consiglio regionale ha chiesto la convocazione «Con estrema urgenza di un tavolo permanente, per seguire costantemente la vicenda e verificare intanto le soluzioni più immediate, a cominciare dalla concessione di ammortizzatori sociali».

Sempre a Di Maio, il presidente del Consiglio pugliese ha chiesto la nomina immediata dei nuovi commissari, in sostituzione dei dimissionari, per ripristinare l'organismo di amministrazione straordinaria e verificare ogni utile e urgente prospettiva di soluzione.

«Su questa vertenza occorre mantenere viva la pressione politica», ha aggiunto Loizzo. Martedì 18 giugno, prima della seduta del Consiglio regionale, sindacati e lavoratori incontreranno il presidente e i capigruppo per fare il punto e preparare un ordine del giorno unitario di sostegno, da portare in aula per l'approvazione da parte dell'intera assemblea.
  • Sindacati
  • Cgil
  • cisl
  • uil
  • Mercatone Uno
Altri contenuti a tema
Mercatone Uno, sit-in di Fratelli d'Italia a Roma. Gemmato: «Di Maio incapace di gestire la crisi» Mercatone Uno, sit-in di Fratelli d'Italia a Roma. Gemmato: «Di Maio incapace di gestire la crisi» Il deputato pugliese: «Il ministero ha predisposto la proroga della "cassa integrazione" in attesa di accompagnare i lavoratori verso il reddito di cittadinanza»
Bosch di Bari, incertezza sul futuro continua la protesta Bosch di Bari, incertezza sul futuro continua la protesta Uglm in sit-in sul sito in occasione della visita della direzione aziendale, negato un incontro con i rappresentanti sindacali
Bari, i dipendenti Olisistem tirano un sospiro di sollievo Bari, i dipendenti Olisistem tirano un sospiro di sollievo Accordo trovato con Sorgenia, trattativa conclusa ieri a Roma applicata pienamente la clausola sociale
Tutele per i ciclofattorini, Filt Cgil Puglia scende in piazza a Bari Tutele per i ciclofattorini, Filt Cgil Puglia scende in piazza a Bari La sigla sindacale: «Smaterializzazione del lavoro pone la necessità di ricercare nuove forme di tutela. Ccnl strumento idoneo»
Liste di attesa al Policlinico di Bari, il dg Migliore rimanda al mittente la richiesta di chiarimenti Liste di attesa al Policlinico di Bari, il dg Migliore rimanda al mittente la richiesta di chiarimenti Sindacati sul piede di guerra in seguito al rifiuto di un incontro motivato con interventi già in atto:« Pronti alla mobilitazione»
Ristorazione ospedaliera in Puglia, sit-in lunedì in Regione Ristorazione ospedaliera in Puglia, sit-in lunedì in Regione I lavoratori temono che non venga applicata l clausola sociale e quindi di perdere il lavoro
Bari, pubblicato il bando per la cessione dei punti vendita Mercatone Bari, pubblicato il bando per la cessione dei punti vendita Mercatone Nuova protesta al Mise oggi pomeriggio, i sindacati lamentano poca collaborazione e temono la perdita di posti di lavoro
DXC di Bitritto, in sessanta rischiano il posto. Sciopero di 8 ore DXC di Bitritto, in sessanta rischiano il posto. Sciopero di 8 ore Falcetta (Uilm): «Non vorremmo trovarci di fronte al solito artificio finanziario volto a razionalizzare l’attività aziendale facendo pagare il conto ai lavoratori»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.