Uva da vino
Uva da vino
Territorio

Boom di furti nelle campagne della Puglia, spariti trecento milioni di euro

Coldiretti: "Barbatelle, pali per l'uva e teste di idranti ora nel mirino della criminalità"

Si moltiplica la conta dei danni in campagna con il boom di furti in campagna che solo nel 2018 ha toccato i 300 milioni di euro in un anno. In particolare Coldiretti denuncia il furto delle cosiddette barbatelle, le piante di uva da vino
"Furti di barbatelle appena messe a dimora nell'area a nord di Lecce, teste degli idranti dei pozzi artesiani spariti a Salice Salentino e a Guagnano e nella zona orientale della provincia di Taranto, pali dei vigneti in fumo nell'agro di San Giorgio jonico e a Manduria sono solo gli ultimi episodi quotidiani ai danni degli agricoltori per cui chiediamo l'interno del Ministro dell'Interno Salvini", denuncia il vicepresidente di Coldiretti Puglia, Alfonso Cavallo. "Assistiamo alla 'stagionalità' delle attività criminose in campagna – aggiunge Cavallo – perché squadre ben organizzate tagliano i ceppi dell'uva da vino a marzo e aprile, rubano l'uva da tavola da agosto ad ottobre, le mandorle a settembre, le ciliegie a maggio, rubano le olive da ottobre a dicembre, gli ortaggi tutto l'anno, ma preferiscono i carciofi brindisini e gli asparagi foggiani, dimostrando che alla base dei furti ci sono specifiche richieste di prodotti redditizi perché molto apprezzati dai mercati, rubano gli ulivi monumentali perché qualcuno evidentemente li ricerca".
Si registra un'impennata di fenomeni criminosi che colpiscono e indeboliscono il settore agricolo – rileva Coldiretti Puglia – e non si tratta più soltanto di "ladri di polli", quanto di veri criminali che organizzano raid capaci di mettere in ginocchio un'azienda, specie se di dimensioni medie o piccole.
"In diverse zone della Puglia – aggiunge Filippo De Miccolis, presidente di Coldiretti Brindisi – bande organizzate stanno rubando i pali di ferro dai terreni e le corone, oltre a tagliare i cavi delle spalliere con gravissimi danni ai vigneti. Il fenomeno della micro e macro criminalità nelle aree rurali pugliesi è divenuto pressante e pericoloso per la stessa incolumità degli agricoltori e in questo scenario di strisciante diffusione dell'illegalità e clima di pericolosa incertezza, le aziende corrono il forte rischio di perdere competitività".
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Primizie salvate dal maltempo, domenica in piazza a Bari Primizie salvate dal maltempo, domenica in piazza a Bari Campagna Amica porta nella città vecchia ciliegie e centrifugati di agrumi
Coldiretti "adotta" la rotatoria di via Caldarola. Pronta fra dieci giorni Coldiretti "adotta" la rotatoria di via Caldarola. Pronta fra dieci giorni Saranno piantati tre ulivi e altrettanti melograni. Decaro: «Tra qualche giorno affideremo le altre due rimaste»
Bari, in piazza Ferrarese torna "Campagna amica" di Coldiretti Bari, in piazza Ferrarese torna "Campagna amica" di Coldiretti Domani appuntamento con il mercatino di prodotto tipici e del chilometro zero
Finta primavera in Puglia, l'allarme di Coldiretti: «Rischio shock termico» Finta primavera in Puglia, l'allarme di Coldiretti: «Rischio shock termico» Nel mese di marzo sono state registrate temperature superiori di 5 gradi che hanno fatto fiorire alberi e maturare ortaggi
Agriturismi e alberghi non pagheranno la stessa Tari Agriturismi e alberghi non pagheranno la stessa Tari Coldiretti: "La sentenza del Cosiglio di Stato ora la si applichi in tutti i Comuni"
In piazza Ferrarese torna "Campagna amica" di Coldiretti. Edizione speciale per il carnevale In piazza Ferrarese torna "Campagna amica" di Coldiretti. Edizione speciale per il carnevale Si ripropone il mercatino dei prodotti tipici del territorio organizzato in collaborazione con il Municipio I
Coldiretti Puglia: «Da Salvini rassicurazioni su decreto xylella e gelate» Coldiretti Puglia: «Da Salvini rassicurazioni su decreto xylella e gelate» Oggi la presentazione del provvedimento disposto dal ministro Centinaio
Made in Italy ora c'è l'obbligo dell' etichetta sulle materie prime Made in Italy ora c'è l'obbligo dell' etichetta sulle materie prime Coldiretti: "Passo importante per smascherare le frodi e rendere consapevoli i consumatori"
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.