Vaccinazioni Cara JPG
Vaccinazioni Cara JPG
Attualità

Bari, via alle vaccinazioni anti-Covid al Cara. Aderiscono in 400

La somministrazione iniziata stamattina nell’ambito di un piano di immunizzazione specifico attivato per popolazioni non stanziali

La campagna vaccinale della ASL di Bari non lascia indietro nessuno. Questa mattina sono iniziate le somministrazioni di vaccino anti Sars-Cov2 all'interno del Cara, centro di accoglienza per i migranti richiedenti asilo, nell'ambito di un piano di immunizzazione specifico attivato per popolazioni non stanziali, caratterizzate da elevata mobilità e per i cosiddetti gruppi "hard to reach", ossia difficili da raggiungere.

Ad eseguire le somministrazioni un medico del Dipartimento di prevenzione e tre infermieri del 118 all'interno di un'area allestita ad hub nella struttura di accoglienza di Bari-Palese, con quattro diverse postazioni. A disposizione degli ospiti anche una ambulanza esterna dotata di dispositivi di primo soccorso e defibrillatore in caso di necessità. Sono complessivamente 400 le persone, sia uomini che donne, con una media di età di 26 anni, ad aver detto sì al vaccino, firmando il consenso informato. Provengono da: Bangladesh, Burkina Faso, Camerun, Costa d'Avorio, Egitto, Eritrea, Etiopia, Gambia, Ghana, Guinea, Iraq, Liberia, Mali, Nigeria, Pakistan, Senegal, Somalia, Sudan e Togo.

Come indicato dalle linee guida del piano strategico regionale e dal Ministero della Salute sono stati utilizzati per lo più vaccini monodose per il vantaggio della singola somministrazione rispetto alla tipologia di target da vaccinare, viste le criticità relative alla logistica e alle tempistiche di una somministrazione di un ciclo vaccinale a due dosi. In casi particolari, legati a patologie del soggetto, è stato somministrato anche il vaccino a mRNA. Le operazioni vaccinali sono state coordinate dalla direttrice sanitaria della ASL, Silvana Fornelli, insieme ai responsabili sanitari del Cara, nell'ambito di un piano mirato di inclusione dei migranti nella campagna di immunizzazione anti Covid, in sinergia con Comune, Prefettura e associazioni.

"Le vaccinazioni dedicate a questo target di persone rispondono ad una doppia esigenza: coinvolgere tutti, soprattutto coloro che con più difficoltà si avvicinano ai servizi sanitari, favorendo un accesso equo alle vaccinazioni e tutelare la salute degli stessi e della intera collettività – spiega la dottoressa Fornelli – queste persone sono in condizioni di fragilità e vulnerabilità, in quanto maggiormente esposti al rischio di infezione. Siamo soddisfatti della risposta massiccia alla nostra chiamata – prosegue la direttrice sanitaria – tanto che siamo già al lavoro per coinvolgere anche gli ospiti del Centro di permanenza per i rimpatri".

"Mettere in sicurezza i migranti è una priorità – dichiara il direttore del Dipartimento di prevenzione Domenico Lagravinese - la loro alta esposizione al virus rende necessario mettere in atto interventi mirati su questi gruppi. L'attività vaccinale del Cara si inserisce in un percorso già avviato - continua Lagravinese - per favorire le vaccinazioni dedicate alle fasce di popolazione più deboli, prima con i senza fissa dimora del Comune di Bari e in seguito con i profughi afgani arrivati in Puglia nelle scorse settimane".

Ai richiedenti asilo non assistiti tramite il servizio sanitario nazionale, la ASL ha assegnato il codice Stp (straniero temporaneamente presente) al posto del codice fiscale. In parallelo sono state avviate azioni per favorire la vaccinazione attraverso attività di informazione e sensibilizzazione con il supporto della mediazione linguistico culturale.
  • vaccino anti covid
Altri contenuti a tema
Domenica di vaccinazioni all'Istituto Tumori di Bari Domenica di vaccinazioni all'Istituto Tumori di Bari Grande affluenza nel weekend anche alla Fiera del Levante, non solo terze dosi ma anche prime
Campagna vaccinale per la terza dose, a Bari il poliambulatorio si trasforma in hub Campagna vaccinale per la terza dose, a Bari il poliambulatorio si trasforma in hub A Japigia, sino al venerdì esami e visite specialistiche, al sabato centro vaccinale contro il Covid
Terze dosi, Asl Bari dà priorità a scuola e fragili Terze dosi, Asl Bari dà priorità a scuola e fragili Oggi i primi richiami per 150 docenti di cinque istituti scolastici baresi
Il benessere del lavoratore nell’era post-Covid19. I vantaggi nel welfare aziendale Il benessere del lavoratore nell’era post-Covid19. I vantaggi nel welfare aziendale Un convegno a Trani per analizzarne il cambiamento dopo la pandemia
Associazione segreta No Vax, la polizia esegue perquisizioni anche a Bari Associazione segreta No Vax, la polizia esegue perquisizioni anche a Bari Contestati i reati di costituzione e partecipazione ad associazione segreta, istigazione all'interruzione di pubblico servizio e associazione a delinquere
Vaccini anti-Covid, dalla prossima settimana si faranno anche in farmacia Vaccini anti-Covid, dalla prossima settimana si faranno anche in farmacia È quanto emerge da un incontro tenutosi oggi al Dipartimento per la Promozione della Salute e del Benessere Animale
Covid, il 90% dei cittadini baresi ha concluso il ciclo vaccinale Covid, il 90% dei cittadini baresi ha concluso il ciclo vaccinale Rcord di copertura completa a Bari città
Terze dosi vaccino anti-Covid, ecco come funzione per i soggetti affetti da patologia Terze dosi vaccino anti-Covid, ecco come funzione per i soggetti affetti da patologia Diverse le modalità di accesso per garantire la somministrazione ai coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale almeno da sei mesi
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.