abbattimento muro rossani
abbattimento muro rossani
Territorio

Bari, iniziato l'abbattimento del muro della Rossani. Prende forma il nuovo parco

Decaro: «Intervento atteso da 29 anni. Un altro pezzo di città restituito ai baresi, va giù un simbolo dell'inviolabilità di questo spazio»

Il muro di via De Bellis presto non ci sarà più. Sono iniziate questa mattina le operazioni di abbattimento della parete perimetrale esterna della ex caserma Rossani, dove è in corso di realizzazione un grande parco urbano. I lavori di demolizione dureranno alcuni giorni.
Social Video1 minutoAbbattimento muro ex Rossani
«Finalmente, dopo 29 anni abbiamo aperto la ex Caserma Rossani» commenta il sindaco di Bari Antonio Decaro durante il sopralluogo al cantiere e il suo simbolico avvio all'abbattimento. «Abbattiamo un muro che per anni è stato il simbolo della inviolabilità di questo spazio. Per intere generazioni questa Caserma è stata solo un muro. Penso agli studenti o ai pendolari che arrivavano a Bari in stazione, o con il pullman, come ho fatto io stesso nel periodo in cui frequentavo l'Università, che per decenni hanno visto solo un muro e ignoravano cosa ci fosse oltre. Oggi questo muro lo buttiamo giù e apriamo un parco, che stiamo realizzando, di circa 30.000 mq, sul quale si affacciano decine di balconi di cittadini e la biblioteca regionale, la più grande public library del Mezzogiorno d'Italia, di cui oggi sono in corso i lavori. Uno spazio per leggere, per stare insieme, per creare e condividere cultura, aperto tutto il giorno. Ma la Caserma Rossani sarà anche arte, con il grande progetto dell'accademia delle belle arti finanziato dalla Città Metropolitana. Aule, laboratori, spazi per creare e soprattutto una scuola d'arte all'altezza della sua funzione».

«Questo muro che va giù - prosegue il primo cittadino - è un simbolo della nostra visione di questa città: spazio pubblico riqualificato, nuove funzioni e la possibilità per i cittadini di stare insieme e di vivere la città. Come abbiamo sempre detto, in questo luogo non ci saranno nuove volumetrie, solo aree a verde e e riqualificazione dell'esistente. Buona fortuna alla Caserma Rossani e ai futuri proprietari, i baresi».

Oggetto delle operazioni di abbattimento è muro lungo 280 metri, 30 dei quali sono già stati rimossi in occasione dell'apertura alla città dell'Urban Center, realizzato nella ex palazzina-spogliatoi. Si tratta di un intervento che consentirà per la prima volta di avere una vista prospettica di questo grande spazio nel cuore della città. Nelle future previsioni del parco, via De Bellis sarà valorizzata come arteria prevalentemente pedonale e ciclabile che collegherà via Giulio Petroni e corso Benedetto Croce, mentre il transito, a senso unico, sarà consentito solo alle autovetture dei frontisti.

La recinzione del parco, che sostituirà il vecchio muro in tufo, sorgerà in posizione più arretrata rispetto a quella odierna e sarà trasparente, dotata di una ringhiera disegnata dall'architetto Fuksas.

Anche grazie all'abbattimento del muro, il parco avrà dieci punti d'accesso: otto sorgeranno lungo il perimetro (tre su corso Benedetto Croce, tre su via De Bellis e due su via Giulio Petroni), mentre i restanti due permetteranno di passare direttamente dal parco alla zona retrostante, rappresentata dalla piazza d'armi interna all'area della ex Caserma Rossani.

L'abbattimento del muro sarà accompagnato da operazioni di sistemazione provvisoria dello spazio ricavato dall'arretramento della recinzione e degli attuali pali di pubblica illuminazione in una posizione prevista per il nuovo impianto di pubblica illuminazione, da realizzarsi nell'ambito della riqualificazione di via De Bellis, già inserita nel Piano triennale delle opere pubbliche per un importo di 1 milione di euro.
  • Antonio Decaro
  • Ex Caserma Rossani
  • Parco Rossani
Altri contenuti a tema
Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Gemellaggio tra Bari e San José, firmato l'accordo Il documento mira a sviluppare rapporti di collaborazione tra le due città sul fronte delle politiche ambientali, culturali e del turismo sostenibile.
Presidio Amtab a Bari, Decaro convoca i dirigenti Presidio Amtab a Bari, Decaro convoca i dirigenti Il sindaco vuole sentire l'azienda per poi discutere anche con i sindacati, sciopero il 24 luglio
Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Il Comune di Bari sperimenta il social housing, pronto bando per 64 alloggi Prende forma il parco Gentile fra Santo Spirito e San Pio. Decaro: «Rigenerazione della periferia attraverso nuove politiche abitative»
Un poliambulatorio nella ex centrale del latte, firmato il protocollo Comune-Asl Bari Un poliambulatorio nella ex centrale del latte, firmato il protocollo Comune-Asl Bari Una riqualificazione da 5 milioni di euro con fondi Fesr europei. Decaro: «Cup unico con il Policlinico»
San Paolo, catturati altri quattro cinghiali. Decaro: «Siamo a novantatré» San Paolo, catturati altri quattro cinghiali. Decaro: «Siamo a novantatré» Ieri sera un nuovo intervento nel quartiere. Il sindaco: «Non avvicinarsi e non lasciare rifiuti in strada»
Sversamenti in mare, Decaro: «Situazione migliorata ma ancora divieto di balneazione» Sversamenti in mare, Decaro: «Situazione migliorata ma ancora divieto di balneazione» Il sindaco: «Problema rientrato ieri sera, aspettiamo valutazioni Arpa». Intanto a Pane e Pomodoro la vita continua tranquilla
Bari, ripristinato il depuratore di Torre del Diavolo. Stop agli sversamenti in mare Bari, ripristinato il depuratore di Torre del Diavolo. Stop agli sversamenti in mare Decaro: «Nelle prossime ore i tecnici di Arpa Puglia monitoreranno la qualità delle acque»
Roghi di rifiuti nelle periferie di Bari, Decaro: «Individuati responsabili degli incendi a Sant'Anna» Roghi di rifiuti nelle periferie di Bari, Decaro: «Individuati responsabili degli incendi a Sant'Anna» Il sindaco ha partecipato alla riunione del Comitato per l'ordine pubblico: «Non solo un reato ma anche un rischio per la salute»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.