Laudizione del Capitano Ultimo in commissione
Laudizione del Capitano Ultimo in commissione
Politica

Bari, il Capitano Ultimo: «La sicurezza non è propaganda ma un dono»

Il colonnello Sergio De Caprio ospite questa mattina in Regione Puglia della Commissione per il contrasto alla criminalità organizzata

Sergio De Caprio, conosciuto ai più come "Capitano Ultimo" è stato ospite questa mattina a Bari della commissione per il contrasto alla criminalità organizzata. Il colonnello che al comando dell'Unità CRIMOR del R.O.S. arrestò il boss mafioso Salvatore Riina, è intervenuto per parlare di lotta alla criminalità organizzata e del necessario sostegno alle attività di promozione dell'educazione alla legalità.

Partendo dalla propria esperienza umana e professionale, il Capitano Ultimo ha definito la sicurezza: «non uno strumento di propaganda ma un dono» e indicato la «vera manovra strategica per il contrasto alla illegalità».

«Quello che serve – ha dichiarato – è costruire una sicurezza partecipata: le forze dell'ordine rappresentano un'avanguardia della lotta alla criminalità, che deve continuare e diventare un patrimonio per tutti i cittadini. Il vero esercito sono le comunità, i sindaci che si trovano ad affrontare situazioni di illegalità nei loro Comuni, i ragazzi che chiedono cosa possono fare per essere parte attiva di questa battaglia».

Rispondendo alle sollecitazioni dei commissari, il colonnello De Caprio ha tenuto a sottolineare che nel rapporto tra società civile e organizzazioni mafiose, oggi si è raggiunto un livello molto alto di consapevolezza, ma quello che ancora manca è un meccanismo che serva a disinnescare prassi di malcostume: «Serve sistematizzare il vantaggio competitivo raggiunto, dargli continuità e rivedere invece gli elementi che non hanno funzionato individuando e rimuovendo i responsabili. Quando si verificano determinate situazioni, il problema riguarda la comunità, ma soprattutto chi è deputato a difenderla».

Con riferimento poi alla revoca della scorta, ora riassegnata, ha detto che si è trattato di un atto di un atto che «mette in discussione non la sicurezza di un singolo, ma del principio a tutela di quella di tutti i cittadini». Ringraziamenti sono stati rivolti dalla Commissione «per la testimonianza di impegno e di lotta in difesa dei principi che fondano la nostra democrazia».
  • Carabinieri
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
Assaltarono portavalori partito da Bari sulla 16 bis. Uno dei responsabili incastrato dal Dna Assaltarono portavalori partito da Bari sulla 16 bis. Uno dei responsabili incastrato dal Dna Il fatto nel febbraio dei 2016. I carabinieri di Cerignola hanno arrestato un pregiudicato 41enne di Andria
Allarme bomba in piazza Moro, transennata la zona Allarme bomba in piazza Moro, transennata la zona Un borsone sospetto ha messo in allerta carabinieri, polizia locale e vigili del fuoco accorsi sul posto
Quasi 500 quadri falsi di Nino Caffè sequestrati, nei guai in 23 Quasi 500 quadri falsi di Nino Caffè sequestrati, nei guai in 23 Tra di loro il curatore dell'archivio del maestro, ritenuto responsabile di commissionare le opere e autenticarle
Tentano di rapinare una tabaccheria e un supermercato, arrestati due giovani di Bari Tentano di rapinare una tabaccheria e un supermercato, arrestati due giovani di Bari I fatti risalgono al 19 settembre scorso e hanno avuto luogo a Palo del Colle e Grumo Appula, si cerca un terzo uomo
Sorpreso con due pistole nascoste nel gabbiotto, arrestato vigilante Sorpreso con due pistole nascoste nel gabbiotto, arrestato vigilante L'uomo, un 45enne già noto alle forze dell'ordine, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Noicattaro, nuova sede per il centro di coordinamento e formazione del 118 Noicattaro, nuova sede per il centro di coordinamento e formazione del 118 Emiliano: «Possibilità di corsi di formazione anche per cittadini e aziende», Sanguedolce: «Ristrutturazione effettuata con fondi Fesr»
Lotta alla mafia a Bari, arresti e perquisizioni ai capi del clan Parisi-Palermiti-Milella Lotta alla mafia a Bari, arresti e perquisizioni ai capi del clan Parisi-Palermiti-Milella Da stamattina in corso un'operazione dei carabinieri in città, accuse traffico di stupefacenti e detenzione di un arsenale
Casamassima, badante infedele "ripulisce" la casa di un'anziana. Arrestata Casamassima, badante infedele "ripulisce" la casa di un'anziana. Arrestata La donna, 50enne del luogo, avrebbe rubato e rivenduto a un compro oro monili per 150mila euro
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.