Pulizia straordinaria pane e pomodoro
Pulizia straordinaria pane e pomodoro
Vita di città

Baratto amministrativo a Bari, più attenzione alla privacy e apertura alle attività commerciali

Pubbkicato il nuovo bando sul sito del Comune, D'Adamo: «Lavorato per far sì che non sia motivo di discriminazione e pregiudizi»

Nuovo bando per il Baratto Amministrativo. Per le annualità 2018 e 2019 l'Amministrazione Comunale intende individuare le seguenti aree di intervento:
a) la pulizia, il decoro del verde pubblico e dei giardini nell'ambito del territorio comunale;
b) cura e recupero dei beni comuni, ivi compresa la manutenzione delle aule e/o delle palestre degli edifici scolastici di competenza comunale (es. pitturazione, lavori di piccola manutenzione, ecc.).

A tal fine, a fronte delle attività da svolgere da parte dei soggetti/cittadini proponenti, sempre che sussistano i presupposti e requisiti previsti sono state stabilite le entrate comunali oggetto di "baratto amministrativo" per le annualità 2018 e 2019:

1) i tributi comunali TARI, IMU, Imposta sulla Pubblicità e TOSAP, in relazione agli interventi afferenti la pulizia, il decoro del verde pubblico e dei giardini nell'ambito del territorio comunale, cura e recupero dei beni comuni, ivi compresa la manutenzione delle aule e/o delle palestre degli edifici scolastici di competenza comunale nonché qualsiasi ulteriore intervento di cui all'art.4 dello stesso Regolamento;
2) i corrispettivi rivenienti dai servizi di asili nido, refezione e trasporto scolastico in relazione ai soli interventi di manutenzione e pulizia degli edifici scolastici e degli edifici connessi (palestre scolastiche e altro);
3) corrispettivi rivenienti dalla gestione lampade votive in relazione ad interventi di manutenzione e pulizia dei cimiteri urbani e delle aree verdi in essi comprese e/o collegate;
L'art. 12 del Regolamento Comunale sul Baratto Amministrativo stabilisce altresì che Comune di Bari assicura la tutela della dignità di ogni cittadino durante l'esecuzione della prestazione oggetto del "Baratto Amministrativo", avendo cura di far sì che l'attività stessa sia svolta dal cittadino in forma privata, non identificabile e/o suscettibile di possibile discriminazione alcuna.

«Con l'adozione del nuovo bando e con la rivisitazione della modulistica da parte del direttore della Ripartizione Tributi, - spiega l'assessore D'Adamo - saremo in grado di offrire ai cittadini baresi, che vivono un momento di difficoltà, un'opportunità concreta per mettersi in regola con la propria situazione contributiva in maniera alternativa al pagamento dell'imposta, e ciò anche per importi più esigui rispetto al passato. In questo modo si instaura una sorta di patto tra cittadini e amministrazione nella logica della sussidiarietà virtuosa che assicura ad entrambi i soggetti coinvolti il rispetto dei propri doveri con un risultato positivo per la collettività che viene risarcita, rispetto alla mancata entrata fiscale, con la cura di un bene pubblico di cui è fruitore. In questi mesi abbiamo lavorato ad alcune modifiche rispetto a questo provvedimento in modo da renderlo effettivamente uno strumento utile per i cittadini e al tempo stesso una risorsa per l'amministrazione. Abbiamo lavorato anche sulla tutela della privacy delle persone che sceglieranno di aderire a questa formula affinché questa misura non sia mai motivo di discriminazione e pregiudizi».

«La nuova formula del baratto amministrativo che proporremo ai cittadini sarà aperto anche alle attività commerciali baresi - spiega l'assessora allo Sviluppo economico Carla Palone -. In questi mesi ci siamo interrogati su quali strumenti potessero aiutare i commercianti baresi alle prese con le spese e gli impegni quotidiani e crediamo il baratto amministrativo possa rappresentare una opportunità importante per loro. Facendo squadra, potranno sostenere un progetto di "baratto" che garantirà loro di avere una sgravio sulle imposte e allo stesso tempo migliorare i luoghi e le condizioni in cui lavorano. I commercianti di una determinata zona, in quanto cittadini baresi, potranno proporre la "presa in cura" di nuovo verde cittadino nell'ambito della stessa zona in cambio di uno sconto sulla Tari o decidere di allestire una strada con le luminarie, nei periodi di festa come quello che ci accingiamo a vivere e vedersi ridurre l'imposta di occupazione di suolo pubblico e via discorrendo. Questo è un modo per sostenere il commercio di prossimità e allo stesso tempo stimolare le attività a fare squadra, creando tante piccole comunità commerciali che si mettono insieme per un obiettivo condiviso».

Tali attività, a sostegno dei cittadini, del commercio barese e del miglioramento della vivibilità della città stessa, saranno rese nel limite delle previsioni di bilancio, attualmente quantificate in € 20.000 annuali. L' importo, però, potrà essere incrementato da parte dell'Amministrazione Comunale al fine di soddisfare nuove ed ulteriori esigenze che dovessero essere rappresentate dai Cittadini stessi.

Altra novità, rispetto al precedente Baratto Amministrativo del 2016, è infatti rappresentata dalla circostanza che i Cittadini stessi possono questa volta direttamente proporre delle proposte di interventi e riqualificazione da sottoporre a baratto. Tali proposte saranno, in tali casi, valutate direttamente dai Municipi competenti per ambito territoriale nonchè dagli uffici competenti per materia.

La riduzione o esenzione del tributo è concessa per un periodo limitato e definito, per specifici tributi e con riferimento alle attività che annualmente l'amministrazione comunale individuerà in funzione delle linee di intervento determinate nell'ambito delle attività sussidiarie a quelle istituzionalmente rese sul territorio. Tali agevolazioni tributarie sono concesse prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente riconosciute.
I singoli cittadini proponenti, inoltre, devono essere residenti maggiorenni e avere una propria posizione tributaria.
Nel caso in cui l'importo totale delle richieste annuali fosse superiore all'importo complessivo del "baratto amministrativo" stanziato dal Comune, la graduatoria privilegerà prioritariamente le associazioni di cittadini e i cittadini appartenenti alle fasce sociali più deboli, assegnando per questi ultimi un punteggio secondo i seguenti indicatori resi noti in occasione della pubblicazione del relativo bando:
· valore ISEE
· stato di disoccupazione
· regime di cassa integrazione
· nuclei familiari (con 3 o più figli minori a carico)
· nuclei monogenitoriali (con minori a carico)
· nuclei familiari con persone a carico con problemi di disabilità (psichica e motoria)
· beneficiari di interventi di sostegno sociali (sussidi, benefici economici, ecc.)
· malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato una riduzione del reddito.


  • Alessandro D'Adamo
  • Comune Bari
Altri contenuti a tema
Bonus acqua, luce e gas, a Bari 4mila famiglie aventi diritto non fanno la richiesta Bonus acqua, luce e gas, a Bari 4mila famiglie aventi diritto non fanno la richiesta I dati emergono da una ricerca effettuata dall'amministrazione comunale, molti non sanno come fare e i requisiti necessari
Comune di Bari, imposte invariate nel 2019? È scontro sulla Tari in Consiglio Comune di Bari, imposte invariate nel 2019? È scontro sulla Tari in Consiglio Petruzzelli: «Sconto importante per chi fa il porta a porta». Carrieri e Melini: «Soldi che saranno presi dal bilancio comunale»
Bari, presentato il bilancio di previsione 2019/2021. D'Adamo: «Recuperati 6 milioni» Bari, presentato il bilancio di previsione 2019/2021. D'Adamo: «Recuperati 6 milioni» L'assessore durante la conferenza cittadina: «Niente aumenti su IMU, Tasi, Imposta comunale sulla pubblicità e Diritti sulle pubbliche affissioni e TOSAP»
Bari, approvato in giunta l'ultimo bilancio di previsione dell'amministrazione Decaro Bari, approvato in giunta l'ultimo bilancio di previsione dell'amministrazione Decaro D'Adamo: «In continuità con gli anni passati siamo riusciti a non aumentare le tasse e a evitare il ricorso a mutui passivi»
''Priscilla la Regina del deserto". Tappa barese per il Musical da tutto esaurito ''Priscilla la Regina del deserto". Tappa barese per il Musical da tutto esaurito Manuel Frattini: «Diversità, tema sempre attualissimo a tutte le età»
Nuove assunzioni al Comune di Bari, Flp Uil: «Un grande bluff» Nuove assunzioni al Comune di Bari, Flp Uil: «Un grande bluff» Critiche del sindacato alla notizia dei bandi per 171 figure, diverse le criticità esposte
Rateizzazione dei tributi, il consiglio comunale approva modifica al regolamento Rateizzazione dei tributi, il consiglio comunale approva modifica al regolamento Semaforo verde nella seduta di ieri. D'Adamo: «Soluzione che contempera interesse pubblico e quello di cittadini e aziende»
Bari, ''Non guardarmi solo a metà''. In Feltrinelli con AIPD Bari, ''Non guardarmi solo a metà''. In Feltrinelli con AIPD Renata, con Trisomia 21: «Non ci giudicate a priori»
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.