Palagiustizia ex telecom
Palagiustizia ex telecom
Cronaca

Aggressione alla giornalista Mazzola, udienza rinviata a febbraio. Comune di Bari parte civile

Il processo stabilirà quanto accaduto alla cronista Rai durante un servizio sulla criminalità al Libertà

È stata rinviata al 20 febbraio l'udienza preliminare relativa al rinvio a giudizio di Monica Laera, che il 9 febbraio del 2018 aggredì la giornalista Rai Mariagrazia Mazzola. La cronista della TV di Stato venne colpita e minacciata di morte durante un servizio sulla criminalità nel rione Libertà di Bari.

Il motivo del rinvio è la richiesta della difesa di esaminare le 10 costituzioni di parte civile. Fra queste c'è anche il Comune di Bari, che attraverso l'avvocatura civica si è costituito parte civile. «La scelta - si legge nella nota diramata da Palazzo di città - è stata dettata dalla volontà dell'amministrazione comunale di utilizzare tutte le forme e i luoghi per esprimere la sua ferma condanna contro ogni forma di violenza, a maggior ragione se riconducibile a metodi e logiche tipiche di quella criminalità organizzata che il Comune sta cercando di contrastare con fermezza e determinazione, promuovendo la cultura della legalità».

«La costituzione di parte civile nei processi relativi a episodi di violenza e sopraffazione fisica, perpetrati con la logica della supremazia e del controllo del territorio da parte dei clan criminali, o di persone in qualche modo ad essi riconducibili, è per il Comune un dovere - spiega Antonio Decaro -. È un modo per schierarsi, per condannare qualsiasi forma di violenza e per difendere la nostra città da tutte quelle azioni o attività che ne danneggiano il nome e l'immagine. Nel caso specifico, l'aggressione subita da Mariagrazia Mazzola è ancor più intollerabile perché condotta ai danni di una professionista impegnata a svolgere il proprio lavoro di informazione e approfondimenti. Come detto più volte, noi non voltiamo la testa dall'altra parte e non permetteremo che il nome della nostra città possa essere affiancato ad episodi di questo tipo. Quel quartiere si chiama Libertà e deve essere liberato dalla criminalità organizzata e su questo non intendiamo fare passi indietro».
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Polo giudiziario di Bari, Decaro: "Sarà anche parco". Gli avvocati però frenano gli entusiasmi Polo giudiziario di Bari, Decaro: "Sarà anche parco". Gli avvocati però frenano gli entusiasmi Il sindaco ha chiesto di costruire tutto in quattro anni ma pronta è arrivata la lettera della Camera penale al Ministero
Figlio di due mamme a Bari, arriva l'ok della Corte d'Appello Figlio di due mamme a Bari, arriva l'ok della Corte d'Appello Rigettato il reclamo presentato dal Ministero dell'Interno, legittimo l'operato del Comune
Offese sessiste a Melini, la difesa di Colella accusa Lacoppola Offese sessiste a Melini, la difesa di Colella accusa Lacoppola Si è tenuta ieri la seconda udienza del processo, sul banco dei testimoni 21 consiglieri presenti alla seduta incriminata. Unico assente proprio l'assessore
Morì dopo il parto nel 1998, Asl Bari condannata a pagare 2 milioni di risarcimento Morì dopo il parto nel 1998, Asl Bari condannata a pagare 2 milioni di risarcimento Il fatto accadde all'ospedale di Barletta, dove alla 34enne Santa Ricatti non venne applicata una trasfusione di sangue in quanto testimone di Geova
Rivelò il segreto d'ufficio, condannato giudice di Bari Rivelò il segreto d'ufficio, condannato giudice di Bari L'uomo è stato assolto dall'accusa di aver tentato di raccomandare il figlio
Bari, condannati all'ergastolo per omicidio ora sono liberi Bari, condannati all'ergastolo per omicidio ora sono liberi La Cassazione ha ribaltato la sentenza della Corte d'appello nei confronti di due baresi vicini al clan Strisciuglio
Bari, mobili ed elettrodomestici del Mercatone Uno all'asta Bari, mobili ed elettrodomestici del Mercatone Uno all'asta Pubblicato un avviso pubblico dal tribunale di Milano, scadenza per presentare offerte il prossimo 15 novembre
Nuovi tornelli al tribunale di Bari, è caos Nuovi tornelli al tribunale di Bari, è caos A sottolineare la problematica sono gli avvocati di Aiga: «Non possiamo lavorare in queste condizioni»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.