Fabio Grosso. <span>Foto FC Bari 1908</span>
Fabio Grosso. Foto FC Bari 1908
Calcio

Bari-Ternana, fenomenologia di una squadra in crescita

Equilibrio, coraggio, freddezza: Grosso mostra il suo volto migliore

«Faccio i complimenti ai ragazzi, hanno disputato una partita importante contro una formazione che è venuta a giocarsi una partita a viso aperto. Abbiamo sfruttato con le nostre capacità gli spazi e i loro errori. La squadra ha fatto molto bene e quando si riesce a fare le cose insieme, tutti i giocatori ne traggono beneficio. E' sicuramente un segnale positivo». Basterebbero le parole di Grosso nel post partita per commentare, analizzare e liquidare il rotondo 3-0 con cui il Bari archivia la pratica Ternana al San Nicola.

Complimenti ai ragazzi, quindi, ma mai come in questo caso una parola in più va spesa per l'allenatore. Finito appena una settimana fa sulla graticola di una città impaziente, l'ex campione del Mondo ha scelto di riprendersi la fiducia della piazza mostrando il suo lato più coraggioso e quel pizzico di sconsiderata imprevedibilità che in molti casi segna il confine tra il successo e l'insuccesso.

Alla lettura delle distinte ufficiali in molti (ivi compreso lo scrivente) sono rimasti basiti dalla scelta di Grosso di tener fuori due cavalli di razza come Nené e Floro Flores che giocherebbero in stampelle anche la partitella del giovedì in tutte le altre squadre di B, in favore di Cissé e Iocolano, elementi che fino a sabato avevamo intravisto dallo spioncino e nulla più. Ha avuto fegato Grosso, che puntando sull'effetto sorpresa e su una pretattica magistralmente orchestrata dalle sue doti di abile dissimulatore è riuscito a sbarellare la difesa dell'Unicusano, mandata in campo da Pochesci quasi all'arma bianca in 3-4-3 ai limiti della sconsideratezza. Lo strapotere fisico e il killer instinct del guineano e l'imprevedibilità nello stretto di Iocolano hanno permesso al 3-5-2 predisposto dal tecnico biancorosso di trovare ampio respiro sulle fasce, dove campeggia sempre più alto il nome di Improta (cinque reti in campionato, quattro nelle ultime tre), bomber a sorpresa di una formazione che dopo lo shock subito contro il Venezia ha iniziato a macinare goal, trovando lucidità e freddezza nel concretizzare una straordinaria mole di gioco.

A Grosso, quindi, va dato il merito non solo di esser riuscito a trovare (si spera) una soluzione di gioco definitiva, con cui offendere senza rinunciare al famoso equilibrio di cui parla sempre il mister, ma anche di saper trarre il meglio dalla vastità di soluzioni a sua disposizione, soprattutto in attacco. «Abbiamo tante frecce nel nostro arco e posso decidere con tranquillità. La cosa evidente è che chi viene chiamato risponde bene. E' bello vedere la disponibilità e la qualità che ci stanno mettendo tutti i ragazzi», ha detto Grosso il fine motivatore, abilissimo a far sentire tutti parte attiva di un progetto in costante crescita. Non è facile guardarsi alle spalle e trovare comodamente seduta in panchina gente come Floro e Nené, per non parlare di Brienza, Galano e Kozak ancora alle prese con un ritardo di condizione. Grosso, per ora, ha dimostrato con i fatti di trarre il meglio dalla rotazione dei suoi uomini migliori, e non abbiamo fondati motivi per credere che in futuro le cose non possano andare ancora meglio.

Discorso uguale e contrario per la difesa: il dato dice zero goal subiti dopo la fiera delle papere difensive vista ad Avellino contro il Frosinone. Un numero incoraggiante ma che va analizzato. Lo schieramento proposto dal tecnico riesce senza dubbio a coniugare con più profitto la naturale propensione offensiva del Bari e l'esigenza di restare più protetti dietro. Nelle ultime due gare il Bari ha concesso poco o niente agli avversari, ma se contro la Cremonese ci aveva pensato Gyomber a mettere una pezza sullo svarione difensivo di Marrone, contro la Ternana la terza linea biancorossa deve ringraziare esclusivamente la cattiva mira dal dischetto di Albadoro se l'ingenuità di Capradossi non ha rovinato la festa del San Nicola.

L'unica ombra che resta su una prestazione super e sulla prima continuità di risultati trovata dal Bari è legata ai soliti errori individuali che rischiano di macchiare un lavoro di reparto sempre mostratosi all'altezza di un attacco atomico. Un fattore difficilmente allenabile, su cui Grosso può lavorare esclusivamente infondendo una maggiore tranquillità ai suoi. Compito arduo, soprattutto in una piazza come Bari che si nutre di pressioni e aspettative; un altro esame per il giovane tecnico biancorosso, che sabato a La Spezia sarà chiamato a dimostrare di esser pronto a portare per mano Bari fuori dalla mediocrità in cui la città rischiava di annegare prima del suo arrivo. Un tentativo che, ribadiamo, merita tutta la pazienza e la fiducia di questo mondo.

  • FC Bari 1908
  • Fabio Grosso
Altri contenuti a tema
Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Saranno utilizzati per buoni spesa e libri. Decaro: «Tutti i contributi ricevuti durante l'emergenza sono simboli di speranza»
Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Nella prima parte dell'iniziativa andate a ruba circa mille pezzi, quattro le librerie aderenti. Ecco dove e come acquistarle
Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» La società di Giancaspro contestava il mancato rilascio della licenza nazionale e la non iscrizione alla Serie B 2018/2019
Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma L'ex patron biancorosso, attualmente detenuto, chiede il riesame delle carte e l'iscrizione al prossimo campionato di B
FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro Per l'ex presidente, ancora ai domiciliari, si prefigura anche il reato di bancarotta fraudolenta
Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Una città intera è ripartita dalla Serie D sotto la guida dei De Laurentiis cancellando la delusione del 16 luglio
Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Conclusa l'inchiesta, la Procura di Bari chiede l'archiviazione del caso
FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria FC Bari, non accolta la richiesta di Giancaspro d'iscrizione in Terza categoria Il Consiglio direttivo del Comitato regionale Puglia Lega Nazionale Dilettanti boccia la vecchia società per i troppi debiti
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.