Cit-Bar
Cit-Bar
Calcio

Bari, il sogno finisce qui. A Cittadella è pari-beffa al 120’: 2-2 e veneti avanti

Biancorossi in vantaggio con Galano, poi la doppietta di Bartolomei e la rete di Nenè. Venturato e i suoi passano per il miglior piazzamento

Un sogno infranto nella maniera più crudele e beffarda possibile: il Bari fa 2-2 a Cittadella dopo i tempi supplementari, lasciando ai veneti il passaggio alle semifinali playoff in virtù del sesto posto nella classifica finale.

Un piazzamento che sarebbe stato del Bari se non fosse intervenuta la penalizzazione a decretare l'amara uscita di biancorossi, passati in vantaggio con Galano e nazionale secondo tempo, prima della doppietta di Bartolomei e l'inutile rete di Floro Flores prima del 90'. Al Bari va comunque reso onore per averci provato, nonostante tutti i limiti caratteriali di una squadra a cui è mancato solo un briciolo di continuità in più. L'anno prossimo bisognerà riprovarci.

Le Scelte

Grosso sorprende lasciando in panchina Cissé, a cui il tecnico preferisce Iocolano per completare l'attacco con gli annunciati Galano e Nenè. Nel 433 a centrocampo prendono posto Basha in cabina di regia, con Tello e a Henderson ai suoi lati. Difesa come da previsioni: Sabelli, Marrone, Gyomber e Balkovec davanti a Micai.

Novità importanti anche nelle scelte di Venturato. Il Cittadella si schiera con il 4312: Alfonso in porta con Salvi, Varnier, Adorni e Benedetti in difesa. A centrocampo agiscono Bartolomei, Iori, Settembrini alle spalle di Schenetti, preferito a Chiaretti per assistere la coppia Vido-Kouame.

La Partita

Partita di grande intensità nelle battute iniziali, anche se le occasioni nel primo tempo non fioccano. A partire meglio è il Bari, che al 2' impegna Alfonso con un calcio di punizione di Balkovec troppo sul palo del portiere. Tra l'8' e il 10' una buona occasione per parte: prima è bravo Alfonso su Galano, poi è Micai a fare buona guardia su Schenetti. Al 15' l'azione più pericolosa di un Bari che nelle fasi iniziali sembra maggiormente tonico e pronto a esercitare buona pressione con i centrocampisti: Sabelli chiude il triangolo con Iocolano, salta Benedetti ma il suo esterno accarezza la rete dalla parte sbagliata. La risposta del Citta è tutta in un destro dai 25 metri di Bartolomei che si perde di poco a lato. Il resto del primo tempo, complice l'inizio con le marce alte innestate e il caldo di giugno, scorre via senza grandi sussulti: al 40' traversone di Henderson per Nenè che la gira sul fondo. Dall'altra parte si segnalano un paio di chiusure importanti di Gyomber e la manata di Settembrini a Sabelli: per il signor Ghersini è giallo. Al duplice fischio storie tese tra Venturato e Grosso prima del tunnel.

La ripresa si apre con un fallo tattico di Tello su Settembrini, che vale al colombiano il cartellino giallo. La svolta del match al 6': Varnier rinvia male sui piedi di Galano, che dal limite lascia partire un mancino preciso che non dà scampo ad Alfonso. Grandi proteste del Citta per un presunto fallo di Tello su Varnier in occasione dell'errato disimpegno. La partita si accende all'improvviso e la risposta dei venti arriva al 10', quando Micai si supera su un tiro potente e ravvicinato di Kouamé, prima di respingere alla meglio la conclusione di Iori da fuori. Il Citta ci crede e al 12' Settembrini costringe Sabelli al fallo che vale l'ammonizione: nulla può però il portiere biancorosso al 14' sul missile terra-aria scagliato da Bartolomei sulla conseguente punizione dal limite: 1-1. Al 17' i veneti vanno in goal, ma sulla spizzata di Vido è irregolare la posizione di Salvi, che mette in rete con la bandierina di La Penna alzata. Grosso si gioca il tutto per tutto: al 18' fuori Sabelli e Iocolano per far posto a Brienza e Cissé, con Tello che scala terzino a destra. L'inerzia della partita però è tutta dalla parte del Cittadella, al netto di un Bari nervoso (giallo per Gyomber) e sorpreso dalla reazione dei veneti: al 23' è ancora Bartolomei a ergersi a protagonista con un super destro al volo che bacia il palo e s'infila in rete per il 2-1. Grosso attinge alla mossa della disperazione, quando al 31' richiama Galano per lasciar posto a Floro Flores, ma nulla da fare: Schenetti obbliga Micai all'ennesimo intervento prodigioso della sua partita. Anche per Venturato è l'ora di cambiare: fuori Vido e Kouamé per Strizzolo e Pasa. La pressione del Citta non si alleggerisce e, anzi, aumenta: al 33' Schenetti calcia alto dal cuore dell'area. Al 43' però succede l'incredibile: la difesa del Cittadella va in bambola, Alfonso è disastroso sul cross a effetto di Nenè e la palla supera la linea di porta, con Brienza comunque pronto a ribadire in rete. È 2-2 al 90', non basta per decretare la semifinalista.

Supplementari

Stanchezza e paura sono le vere squadre che si affrontano nell'extra-time: il Bari troppo fiacco per pressare e gravato dallo spettro di un goal al passivo, il Cittadella che ovviamente punta a portare il risultato fino alla fine. Il primo a provarci è Schenetti al 10' con una conclusione imprecisa. Al 1' di recupero è ancora il Cittadella a farsi estremamente pericoloso: Pasa trova il corridoio per Strizzolo, che si fa stoppare solo da un Micai in formato super.

A inizio secondo tempo supplementare Venturato prova a spezzare i ritmi già blandi inserendo Pezzi per lo stremato Benedetti. Il Bari ci prova al 5' con un tiro da lontano di Floro Flores, su cui stavolta Alfonso fa buona guardia. Passa 1' ed è ancora Floro a far venire i brividi ai veneti con un destro a giro dall'interno dell'area che si perde di poco sul fondo. Il Bari cresce con la forza della disperazione, ma al 9' Gyomber commette l'ingenuità di dire una parola di troppo all'arbitro, che non ci pensa due volte a mostrargli il rosso. Alla lista degli espulsi si aggiunge al 12' anche Brienza, per un brutto fallo di puro nervosismo su Schenetti. Uscendo il 10 biancorosso dice qualcosa a Venturato facendo scattare una rissa tra le due panchine (rosso anche per Sabelli). È tutto ossigeno per il Cittadella, che mantiene il risultato fino alla fine è si guadagna la possibilità di incontrare il Frosinone in semifinale. Per il Bari l'ennesima stagione di rimpianti, ma comunque onore ai biancorossi che hanno provato ad andare oltre le difficoltà più grandi delle sue possibilità.
  • FC Bari 1908
  • cittadella calcio
Altri contenuti a tema
Tre giorni per ammirare le 114 maglie che hanno fatto la storia del Bari Tre giorni per ammirare le 114 maglie che hanno fatto la storia del Bari Inaugurata la mostra gratuita nello Spazio Murat, da oggi fino al 15 gennaio
Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Maglie della Fc Bari 2016/'17 vendute per 4mila euro, ricavato donato al Comune Saranno utilizzati per buoni spesa e libri. Decaro: «Tutti i contributi ricevuti durante l'emergenza sono simboli di speranza»
Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Grande successo per "Tutti in gioco", in vendita altre mille maglie della FC Bari 1908 Nella prima parte dell'iniziativa andate a ruba circa mille pezzi, quattro le librerie aderenti. Ecco dove e come acquistarle
Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» Fallimento FC Bari, il Tar del Lazio: «Ricorsi inammissibili» La società di Giancaspro contestava il mancato rilascio della licenza nazionale e la non iscrizione alla Serie B 2018/2019
Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma Fallimento FC Bari, Giancaspro presenta querela alla Procura di Roma L'ex patron biancorosso, attualmente detenuto, chiede il riesame delle carte e l'iscrizione al prossimo campionato di B
FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro FC Bari, il tribunale decreta il fallimento. Respinta richiesta di Giancaspro Per l'ex presidente, ancora ai domiciliari, si prefigura anche il reato di bancarotta fraudolenta
Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Dall’onta del fallimento alla speranza di rinascita: il 2018 del Bari calcio Una città intera è ripartita dalla Serie D sotto la guida dei De Laurentiis cancellando la delusione del 16 luglio
Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Acquisizione FC Bari 1908, nessun raggiro di Giancaspro ai danni di Paparesta Conclusa l'inchiesta, la Procura di Bari chiede l'archiviazione del caso
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.